Come deve essere un olio extra vergine d’oliva di Qualità?

olio extra vergine novello pugliese

Per definire come dev’essere un olio extra vergine d’oliva di Qualità, dovremmo tener presenti diversi parametri caratteristici.

L’acidità, il numero dei perossidi, i polifenoli,  il Delta-K e i difetti o attributi sensoriali negativi sono caratteristiche che in forma ormai consolidata spiegano la genuinità di un olio, tanto da essere un riferimento legislativo.

Vediamo nel dettaglio:

  • Acidità – un buon olio non dovrebbe superare 0,4%, ma per legge può arrivare sino a 0,8%
  • Perossidi – I perossidi sono alterazioni di tipo ossidativo. Sono il segno della degradazione e dell’invecchiamento dell’olio. Il naturale innalzamento, con il passare del tempo, dei perossidi porta all’irrancidimento con formazione di prodotti che conferiscono sapori e odori sgradevoli, per questo motivo il valore dei perossidi al momento della messa in commercio dev’essere il più basso possibile. La legge ammette per l’olio extravergine d’oliva un valore massimo pari a 20.
  • Polifenoli – sono gli antiossidanti che prevengono i tumori, l’arteriosclerosi e altre malattie e ritardano l’invecchiamento. All’aumentare di questo valore aumentano, quindi, le qualità benefiche dell’olio e anche il periodo di conservazione dell’olio stesso, si perchè i polifenoli rallentano l’invecchiamento sia dell’olio stesso che di chi lo assume. All’invecchiamento dell’olio, dimunuiscono i polifenoli.
  • Delta K – rappresenta il parametro identificativo di miscele anomale con l’olio. Deve essere inferiore a 0,01.
Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Domande e curiosità sull’olio extra vergine L'olio extra vergine è sicuramente il prodotto più pregiato a tavola e come tale è al centro di domande e curiosità. Ecco una raccolta di domande che ...
La produzione dell’olio di oliva: dagli antichi trappeti ai moderni sistemi di estra... Le modalità di estrazione dell'olio hanno subito negli anni una evoluzione passando dai tradizionali "trappeti"ai recenti sistemi di estrazione, dov...
Olio extra vergine di oliva italiano: ecco come verificare la sua origine L'Olio Extra Vergine d'Oliva è indubbiamente uno degli alimenti più pregiati ed amati della tradizione italiana, nonché uno degli ingredienti più util...
I flavor: caratteristiche sensoriali determinate dal tipo di cultivar I flavor identificano l'impressione sensoriale dell'olio di oliva, determinato principalmente dai sensi chimici del gusto e dell'olfatto. Vediamo i va...
Qual è il grado di acidità dell’olio pugliese? Proprio per la sua grande richiesta nazionale ed internazionale, oltre che per la sua indiscutibile bontà al palato, l'olio pugliese viene considerato...
1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *