Olio di Oliva diventa Gel? Le infinte forme dell’Olio Evo!

10 donne. Tutte ingegneri chimici. Tutte under 30. Sono loro che hanno ideato questo nuovo modo di usare l’Olio Extravergine di Oliva. Facile da utilizzare, salutare, realizzato con una delle materie prime più buone al mondo. L’Olio di Oliva diventa Gel! Vediamo come.

Dieci donne trasformano l’Olio Evo in Gel

SONO dieci donne. Tutte ingegneri chimici. Tutte under 30 e tutte con la voglia di fare. Hanno messo appunto il primo olio in gel. Un prodotto con un alto livello salutistico, molto facile da adoperare, realizzato con materia di prima qualità e tutto grazie ad un processo produttivo innovativo. Un’idea che fa gola ai giganti dell’industria agroalimentare.

In questo Paese, dove moltissimi sono i giovani che vanno via per poter ambire ad un futuro migliore, dove la disoccupazione femminile è senz’altro uno dei maggior numeri che colpisce il nostro Paese, è proprio da 10 di loro che viene questa fantastica ed innovativa idea.

Trasformare l’Olio Evo liquido in Gel.

Nel laboratorio di ingegneria alimentare del Dipartimento di Ingegneria informatica modellistica elettronica e sistemistica dell’università della Calabria (DiMes), diretto da Bruno de Cindio, lavorano solo donne, tant’è che viene chiamato il “laboratorio delle ragazze”. Sono tutte borsiste, in formazione, dottorande, con tanta voglia di lavorare nella propria terra.

I dieci ingegneri, con l’aiuto anche di una designer grafica, hanno realizzato un olio simile a un gel, che si conserva in bustine monodose, come quelle del ketchup, e può essere addirittura aromatizzato: peperoncino, limone, rosmarino, salvia, menta. Un’idea semplice, ma allo stesso tempo rivoluzionaria.

“Abbiamo pensato a tutti coloro che vanno di corsa e hanno poco tempo per la pausa pranzo: mamme, lavoratori, gente in viaggio”, spiega l’ingegnere Valentina Mancina. “La nostra è una società in corsa ed è una società pratica. Ecco perché la tradizionale bottiglietta d’olio può diventare obsoleta a confronto delle bustine di olio in gel mondose”.

L’olio ha la consistenza di una salsa, conserva tutte le proprietà, a cominciare dal sapore, del nostro oro giallo.

“Abbiamo aumentato la consistenza dell’olio d’oliva”, continua Mancina. “Il gel-oil aderisce ad esempio alle foglie di insalata evitando che scivoli via, così non rischia di ungere chi lo consuma”.

Un prodotto “high tech” futuristico tutto italiano e realizzato con materie prime.

Questa idea nasce dall’ulteriore sviluppo di un brevetto internazionale e da un Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività denominato Spread Bio Oil, Olio spalmabile come il Burro, sempre del Laboratorio di Reologia e ingegneria alimentare dell’Università della Calabria, che intende strutturare in maniera innovativa sostanze a base grassa esaminando la consistenza dell’olio d’oliva fino a farlo diventare addirittura simile a una margarina senza intervenire chimicamente e lasciando così integre le qualità salutistiche e nutraceutiche dell’olio stesso.

Gel all’Olio Evo fai da te, per un aroma da dessert

Volete realizzare un gel all’olio d’oliva dal gusto dolce per aggiungere un tocco di colore e un’interessante componente aromatica ai vostri dessert, in particolare quelli al limone e al cioccolato?

Ingredienti

  • 3 uova (solo i tuorli)
  • 100 gr di Glucosio
  • 1 pizzico di sale
  • 250 ml di Olio Evo

Preparazione

  1. All’interno di una planetaria mescolare insieme 3 tuorli, 100gr di Glucosio e un pizzico di sale
  2. Successivamente, aggiungere 250ml di Olio Evo a filo e lasciare amalgamare ben bene il composto
  3. Ottenuta la consistenza di una vera e propria crema, lasciatela riposare in frigo per qualche minuto, tanto da farla addensare
  4. Il vostro gel all’olio di oliva dal gusto dolce e intenso è pronto per aggiungere un tocco di sapore in più al vostro dessert, in particolar modo quello al limone e al cioccolato

Realizzate il vostro Olio di Oliva Gel e raccontateci la vostra esperienza!

A cura di Anna Angeloro.
Appassionata di scrittura, laureata in lettere e beni culturali.

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Pomodori secchi sott’olio? Ecco alcune ricette per prepararli e conservarli Con la bella stagione e il calore dell'estate, la regione della Puglia si colora delle tradizionali distese di pomodori lasciati ad essiccare al sole....
Le cultivar pugliesi: tra mito e realtà L'abbondanza dei reperti e le testimonianze degli antichi ci parlano della storia millenaria dell'olio di oliva che si confonde tra realtà e leggenda,...
L’olio che pizzica in gola è acido? L'olio, prodotto immancabile sulle tavole italiane, il condimento supremo per insalate e ogni tipo di piatto; spesso ci si pongono domande sulla quali...
Come fare una degustazione di olio extravergine di oliva Non bisogna essere degli esperti per capire un buon olio extravergine di oliva. Prova ad allenarti un po' di volte, e con i nostri consigli sarai in g...
Come preparare e conservare le olive sott’olio Le olive sott'olio, siano esse verdi o nere, sono una vera e propria squisitezza perfetta da gustare come aperitivo o come contorno. Vediamo come prep...
1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *