data scadenza su etichetta bottiglia al supermercato

E’ vero, l’olio extravergine di qualità costa e il tuo budget di spesa non riesce a soddisfare il tuo desiderio di degustare l’olio vero. Se proprio hai deciso di accontentarti, prima di riporre la tua bottiglia di olio nel carrello osserva bene la data di scadenza indicata sull’etichetta e fai questo calcolo: forse rimarrai sorpreso!

L’etichetta: l’identità dell’olio d’oliva

L’etichetta su una bottiglia di olio extravergine rappresenta la carta di indentità dell’olio confezionato. Non tutti però sono in grado di interpretarla correttamente: per farlo è necessario conoscere il significato di alcuni dei parametri indicati, come ad esempio:

Tra tutte queste informazioni, sicuramente uno dei parametri di valutazione più importanti è rappresentato dalla data di scadenza. Vediamo come interpretarla.

Come interpretare la data di scadenza dell’olio di oliva

Prima di acquistare olio di oliva in un supermercato, fai questa semplice verifica sulla data di scadenza (su una marca qualsiasi, tanto sono tutte uguali!).

Questa è una bottiglia prelevata da uno scaffale di un supermercato in data 2 marzo 2018.

Acquistare olio di oliva nel supermercato: leggere data scadenza

 

Cosa devi fare?

  1. Annota la data di scadenza: nell’immagine leggiamo 3.08.18.
  2. Ora devi sottrarre alla data di scadenza 18 mesi: la data di scadenza deve essere (secondo le normative vigenti) almeno 18 mesi dal confezionamento. Essendo la data di scadenza 3.08.18, l’olio presumibilmente è stato confezionato 18 mesi prima cioè il 2.02.17.
  3. Torna indietro di X mesi fino al periodo di produzione. Cosa vuol dire? 
Poiché l’olio si produce tra ottobre e dicembre, l’olio confezionato il 2 febbraio 2017 sicuramente è stato prodotto l’anno precedente.

Morale: stai acquistando un olio del lontano 2016 e non un olio di annata.

In conclusione:
 occhio all’etichetta! Leggila bene, perchè oltre ad un olio di dubbia provenienza, forse stai acquistando un olio vecchio di qualche anno. Sia chiaro, di olio scaduto non è morto mai nessuno, ma tutto questo giustifica semplicemente i prezzi bassi dell’olio di oliva nei supermercati. Senza parlare degli aspetti legati alla dubbia provenienza e ai processi di raffinazione che l’olio subisce.

Vuoi essere tranquillo? Non risparmiare, mangia sano e acquista direttamente dal produttore.

Articolo scritto dalla redazione di olio Cristofaro

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Quali sono i flavor tipici causati da una cattiva conservazione dell’olio? L'olio conservato male, in luoghi non adatti, in contenitori non idonei o quando supera il tempo fisiologico di conservazione, può cambiare sapore. Ve...
Linee guida per ottenere un olio extravergine di oliva con un basso grado di acidità Secondo la normativa vigente, per "olio d'oliva" s'intende l'olio ottenuto dal frutto dell'oliva unicamente mediante processi meccanici o altri proces...
Panel Test: l’analisi sensoriale dell’Olio di Oliva L’analisi sensoriale è importantissima per la valutazione della qualità dell’Olio Extravergine di Oliva. Contribuisce a dare un giudizio completo sull...
Il miglior olio extra vergine italiano? Ecco i sistemi di qualità per produrlo e garantirl... Nel vasto panorama delle politiche aziendali i concetti di “qualità” hanno assunto un’importanza strategica per tutte quelle imprese che operano nei m...
Le frodi più frequenti e le differenze qualitative con gli oli di semi È bene diffidare di venditori occasionali privi di licenza che non rilasciano documenti di vendita. Per la frittura vengono spesso utilizzati gli oli ...
1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *