Quale è la differenza tra frantoio a caldo e a freddo?

Qual è la differenza tra frantoio a freddo e a caldo?

L’olio è una liquido che si ottiene dalla spremitura dei frutti dell’albero di ulivo, presente in tutti i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Può essere spremuto a freddo e a caldo. Ma quale è la differenza tra i due tipi di spremiture?

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto? Lo riceverai 24-48 ore dopo la spremitura in frantoio. Introvabile!

Durante le specifiche fasi di estrazione dell’olio, c’è un apparecchio che fa la differenza e incide sulla qualità: il frantoio.  La trasformazione può avvenire in due distinte modalità dipendenti dalla temperatura di estrazione. Di qui nasce la distinzione tra frantoio a freddo o a caldo.

Spremitura a freddo

Nel frantoio a freddo, le olive vengono macinate in modo meccanico e a temperatura ambiente.
La pasta ottenuta subisce la fase di gramolatura, in cui viene rimescolata in un macchinario (chiamato gramola), il quale è dotato di lame taglienti che separano le molecole di olio dalla loro matrice.
L’estratto ottenuto viene posizionato sui cosiddetti fiscoli, ossia una serie di dischi impilati a formare una colonna su cui agisce una pressa. Si viene a creare, così, la separazione di due parti: quella solida viene scartata e lavorata ulteriormente per ricavarne altri residui di olio; quella liquida viene, come ultima fase, centrifugata per allontanare definitivamente l’acqua dall’olio, il quale risulterà idoneo per essere classificato come extravergine.
In genere il frantoio a freddo agisce a temperature non superiori ai 27 gradi e questo genere di operazione assicura la migliore qualità dell’olio estratto, anche a costo della resa che non sarà altissima.

Spremitura a caldo

Il frantoio a caldo, invece, prevede l’applicazione di punti di calore durante i processi sopra elencati. La presenza del calore aiuta a migliorare la resa dell’olio ottenuto, che sarà in maggiore quantità ma va a diminuire leggermente la sua qualità. Infatti, il problema principale è il surriscaldamento, in quanto, salendo con la temperatura oltre i 27 gradi stabiliti dalle norme della Comunità Europea, si influenzano negativamente alcuni parametri organolettici dipendenti da composti chimici come i polifenoli.

Tale olio, quindi, avrà dei parametri di acidità diversi, infatti, il sapore sarà lievemente più dolce e si avrà perdita del senso fruttato man mano che si opererà a temperature maggiori e per periodi più lunghi. Durante il processo complessivo, le fonti di calore vengono utilizzate durante: la gramolatura, la fase di estrazione con il decanter e nel lavaggio delle presse dopo la spremitura.

Altri articoli che ti potrebbero interessare

La raccolta delle olive: dal periodo di raccolta ai sistemi meccanici utilizzati La raccolta delle olive tiene conto del grado di maturazione del frutto, ovvero dell'evoluzione fisiologica, fisica e chimica, di tutti i suoi compone...
La qualità dell’olio extravergine: i consumatori vogliono questo! L'olio d'oliva è uno dei nostri prodotti più rappresentativi. L'Italia, infatti, oltre a figurare tra i principali produttori ed esportatori, è il pri...
Come deve essere un olio extra vergine d’oliva di Qualità? Per definire come dev’essere un olio extra vergine d’oliva di Qualità, dovremmo tener presenti diversi parametri caratteristici. L’acidità, il nu...
Produzione olio extra vergine in Puglia Condizioni naturali tra le più favorevoli allo sviluppo dell' olivo danno alla Puglia una posizione di netta preminenza confermata dai dati: mediament...
Quali sono le caratteristiche dell’olio spremuto a freddo? E' presto detto, le olive raccolte vengono sistemate nel frantoio per la frangitura, gramolatura, spremitura e separazione. Qui si trasformano le oliv...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *