Come preparare l'olio aromatizzato con il Bimby

Scopri come preparare l’olio aromatizzato in modo semplice e veloce con l’aiuto del Bimby. Bastano pochi ingredienti per avere qualcosa di veramente unico, gustoso e profumato. per ogni tipo di piatto, dall’antipasto ad un primo, dal secondo al contorno oppure su una semplicissima bruschetta.

Olio aromatizzato e Bimby: ecco come realizzarlo!

Mentre negli altri Paesi dell’Unione Europea l’olio aromatizzato viene addirittura preferito all’olio puro, come condimento, qui, nel nostro Paese, l’olio aromatizzato rappresenta ancora un prodotto di nicchia, anche se in rapida espansione.

L’olio ha la capacità di assorbire le componenti aromatiche di tutto ciò con cui viene a contatto (anche di sapori che il palato non gradisce).
Puoi, quindi, aromatizzare l’olio con i componenti che preferisci (frutta o vegetali), anche se e’ di uso comune, e facile preparazione, aromatizzare l’olio con le spezie, singole o in miscela.
Vediamo qui alcune semplici ricette per aromatizzare l’olio con l’uso del Bimby.

Olio aromatizzato al Rosmarino

Ingredienti

  • 1 litro di olio Evo
  • 10 gr di aghi di rosmarino fresco

Procedimento

  1. Sgrana il rosmarino in modo da tenere solo gli aghi
  2. Lava e asciuga accuratamente gli aghi
  3. Metti nel boccale gli aghi di rosmarino e 40 gr di olio
  4. Imposta la temperatura a 70° e la velocità a 1 antiorario per circa 2 minuti (finchè non raggiunge i 70°)
  5. Aspetta che la temperatura scenda a 55°, poi dai qualche colpo di turbo
  6. Metti in una ciotola coperta a macerare per un paio di ore
  7. Filtra con un colino a maglia fine, poi aggiungi il restante olio
  8. Riponi il condimento dentro un contenitore di vetro sterilizzato e ben asciutto

Olio aromatizzato al Basilico

Ingredienti

  • 1 litro di olio Evo
  • 10 gr di basilico fresco

Procedimento

  1. Lava e asciuga accuratamente le foglie di basilico
  2. Metti nel boccale le foglie di basilico e 40 gr di olio
  3. Imposta la temperatura a 70° e la velocità a 1 antiorario per circa 2 minuti (finchè non raggiunge i 70°)
  4. Aspetta che la temperatura scenda a 55°, poi dai qualche colpo di turbo
  5. Metti in una ciotola coperta a macerare per un paio di ore
  6. Filtra con un colino a maglia fine, poi aggiungi il restante olio
  7. Riponi il condimento dentro un contenitore di vetro sterilizzato e ben asciutto

Olio aromatizzato all’Aglio

Ingredienti

  • 1 litro di olio Evo
  • 1 spicchio di aglio fresco

Procedimento

  1. Pulisci, lava e asciuga accuratamente lo spicchio di aglio
  2. Trita grossolanamente l’aglio e mettilo nel boccale con 40 gr di olio
  3. Imposta la temperatura a 70° e la velocità a 1 antiorario per circa 2 minuti (finchè non raggiunge i 70°)
  4. Aspetta che la temperatura scenda a 55°, poi dai qualche colpo di turbo
  5. Metti in una ciotola coperta a macerare per un paio di ore
  6. Filtra con un colino a maglia fine, poi aggiungi il restante olio
  7. Riponi il condimento dentro un contenitore di vetro sterilizzato e ben asciutto

Olio aromatizzato al Rosmarino e Alloro

Ingredienti

  • 1 litro di olio Evo
  • 10 gr di aghi di rosmarino fresco
  • 1 foglia di alloro

Procedimento

  1. Sgrana il rosmarino in modo da tenere solo gli aghi
  2. Lava e asciuga accuratamente gli aghi di rosmarino e la foglia di alloro
  3. Metti nel boccale gli aghi di rosmarino, l’alloro e 40 gr di olio
  4. Imposta la temperatura a 70° e la velocità a 1 antiorario per circa 2 minuti (finchè non raggiunge i 70°)
  5. Aspetta che la temperatura scenda a 55°, poi dai qualche colpo di turbo
  6. Metti in una ciotola coperta a macerare per un paio di ore
  7. Filtra con un colino a maglia fine, poi aggiungi il restante olio
  8. Riponi il condimento dentro un contenitore di vetro sterilizzato e ben asciutto

Come vedi, preparare l’olio aromatizzato con il Bimby è semplicissimo: il procedimento è lo stesso per ogni tipo di spezia singola, o in miscela, che vuoi sperimentare.

Consigli e Accorgimenti

Puoi usare l’olio aromatizzato per conferire agli alimenti nuove emozioni gustative: ad esempio, prova l’olio al rosmarino sulla carne di maiale, quello al basilico sulle insalate e quello al rosmarino e alloro su grigliate di carne e pesce.

  • Ricorda di tenere le bottiglie del tuo olio aromatizzato ben chiuse, in un luogo buio e abbastanza fresco, così da poter conservare il tuo condimento in modo corretto per alcuni mesi
  • Ricorda che è preferibile consumare il condimento entro 6 mesi
  • Scegli sempre un olio extra vergine di oliva di buona qualità
  • Ricorda che gran parte del sapore è dato dagli aromi utilizzati, quindi scegli un olio Evo dal sapore non troppo pronunciato

 

E tu, quale olio aromatizzato preferisci usare per esaltare il sapore delle tue pietanze? Raccontaci!

 

 

A cura di Cristina Tomeazzi.
Appassionata di scrittura, ha conseguito il diplomata di maturità scientifica ad indirizzo Biologico.

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Come preparare l’olio di oliva aromatizzato al basilico L'olio aromatizzato al basilico è un prodotto molto diffuso nella cucina italiana, è lo sposalizio tra il nettare extravergine ricavato dalla spremitu...
Vuoi preparare la pasta frolla all’olio di oliva: ecco la ricetta! La pasta frolla all'olio di oliva è una base che consente la preparazione di diverse pietanze, tra le quali: crostate, biscotti, tartarelle, tortini, ...
La ricetta della crema di nocciole all’Olio di Oliva e cioccolato fondente Quanti di voi vorrebbero scoprire i segreti della Nutella? Una crema di nocciole gustosa al palato e ottima da spalmare sul pane o per guarnire torte,...
L’olio di oliva in cucina e la sua resistenza alle alterazioni A temperatura elevata, e in presenza dell'ossigeno atmosferico, i fenomeni di ossidazione, che i grassi subiscono anche a temperatura ambiente, accele...
Le chiacchiere di Carnevale? Scopri la ricetta con olio di oliva Le chiacchiere con olio di oliva sono un dolce tipico della tradizione Carnevalesca anzi, si può affermare che sono il simbolo distintivo dell'arrivo ...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *