olio per la frittura
Mangia Sano e Naturale. Olio Artigianale dal Frantoio.

ACQUISTA ORA

Olio Pugliese da Spremitura a Freddo. 100% Italiano. SPEDIZIONE GRATUITA!
Confezionato in frantoio. Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.

Un buon fritto è una delizia, ma sicuramente è il risultato di una vera e propria arte. I cibi devono essere dorati e croccanti, ma non imbevuti del grasso di cottura.


Quale olio utilizzate per friggere? Alessandro Di Pietro vi darà i consigli per la scelta migliore che renderà la vostra frittura perfetta.

Ecco i principali trucchi del mestiere. Solo se si usa olio extra vergine di oliva si possono fare due o tre fritture in padella è addirittura 15 nella friggitrice elettrica con il termostato che mantiene costante la temperatura. La temperatura ideale per la frittura è variabile: moderata (130-145°C) per vegetali e altri alimenti in pezzi piuttosto grossi, elevata (160-170°C) per alimenti tagliati piccoli e ripassati all’uovo e impanati, elevatissima (oltre i 170°C) per alimenti molto piccoli.

Per la frittura l’ideale è usare le classiche padelle nere, che dopo l’uso non vanno mai lavate, ma solo asciugate con carta assorbente, e usare il fornello a gas piuttosto che la piastra elettrica, perchè consente di trasmettere più direttamente le variazioni di temperatura desiderare. L’olio d’oliva non è tutto uguale, ma può variare anche a seconda della regione di provenienza. Come per il vino, la cultivar, il terreno, il clima e altre condizioni determinano caratteristiche, sapori e profumi diversi: conoscerli e apprezzarli è questione da veri buongustai.

Per orientare il consumatore presto verrà attuata la legge che riconosce la denominazione di origine controllata degli oli vergini ed extravergini. La denominazione di origine controllata valorizzerà le caratteristiche tipiche e tradizionali delle zone da cui gli oli extravergini e vergini di oliva provengono. Da zona a zona infatti variano gli elementi distintivi degli oli: il colore, dal giallo paglierino al verde, il sapore, che richiama, oltre al gusto dell’oliva fresca, anche quello della frutta o della verdura, l’aroma, intenso o lieve.

Articolo tratto da Analisi sensoriali “come riconoscere le qualità degli oli extravergine di oliva”

Rimani aggiornato con i contenuti del nostro blog. Iscriviti alla Newsletter!

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Olio novello non filtrato: quali sono le caratteristiche organolettiche e come usarlo in ... L'olio appena franto in alcuni casi presenta delle particelle in sospensione che altro non sono se non pezzetti di olive. In questo caso si è di front...
Olio Evo e Zafferano, quando una spezia si amalgama all’Oro giallo! L’Olio Extravergine di Oliva e i pistilli dello Zafferano, insieme sono un condimento unico per sapore e aroma. Dona sapore a svariati piatti come il ...
Come preparare i Waffles con olio di oliva Soffici cialde dall’inconfondibile forma a nido d’ape, per accogliere, in un ghiotto abbraccio, ogni condimento: dallo zucchero a velo alla panna, dal...
L’olio extravergine di oliva fa ingrassare? Il tempo passa e il dubbio rimane: in moltissimi credono ancora che l’olio di oliva, specie se crudo, faccia ingrassare. Il National Obesity Forum e i...
Il connubio tra olio di oliva e yogurt: dal benessere all’alimentazione Come disse Ippocrate, il corpo umano è un tempio e come tale va curato e rispettato. Partendo da questo presupposto, possiamo sfruttare al massimo i n...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *