olio extra vergine a tavola per friggere

Gli effetti positivi dell’olio extra vergine sulla salute

L’olio d’oliva, per quelli che praticano sport, è in grado di mantenerli in forma e al massimo delle loro energie. È fondamentale anche per bimbi ed anziani, perché limita la perdita di calcio osseo ed è molto digeribile.

L ’olio extravergine di oliva si caratterizza per la sua fragranza ed il suo sapore che lo privilegiano fra tutti gli altri oli vegetali e lo rendono particolarmente gradito al palato. La sua digeribilità è elevatissima in quanto stimola le secrezioni gastroenteriche predisponendo l’organismo ad una migliore digestione. Fornisce protezione alle mucose dello stomaco.

Azioni locali sull’organismo

Ha precise azioni locali emollienti, cioè protettive, disinfiammanti e di stimolo:

  1. sulla mucosa che riveste la superficie interna dello stomaco e dell’intestino;
  2. sul fegato per una maggior produzione di bile;
  3. sulla cistifellea che provvede a riversare la bile nell’intestino;
  4. sul pancreas per la produzione di maggiori quantità di enzima digestivo.

E’ capace di un’efficace azione protettiva sia verso la gastrite che verso l’ulcera gastrica.

Effetti benefici sulla salute

  • Assicura al corpo la giusta dose di acido linoleico;
  • Agisce positivamente nelle malattie delle vie biliari;
  • Non intasa le arterie, in quanto contribuisce a ridurre l’eccesso di colesterolo nel sangue stimolando le secrezioni biliari;
  • Permette il più elevato assorbimento di vitamine, in particolare della E. Svolge sull’intestino un’azione di regolazione sulla peristalsi che può essere vantaggiosamente sfruttata tanto nelle stitichezze atoniche, quanto nelle stitichezze spastiche del colon irritabile.
  • E’ particolarmente adatto nell’alimentazione adatto nell’alimentazione dell’infanzia per la sua composizione acidica che lo rende molto vicino alla composizione del grasso materno.
  • Nella senescenza, in cui non è infrequente osservare la presenza di turbe dell’assorbimento con carenze multiple vitaminiche e minerali, l’olio di oliva trova indicazione sia per la facile digeribilità che consente anche un migliore assorbimento delle vitamine liposolubili, sia per l’azione blandamente lassativa che corregge frequentemente stitichezza atonica di questa età;
  • Sopporta benissimo le fritture in quanto la sua temperatura critica – quella della deformazione molecolare – è di circa 210 – 220 gradi. Non modifica, se non in minima parte, la propria composizione di acidi grassi dopo un trattamento termico anche della durata di 3 ore a 200 C. gli oli vegetali “generici” vanno incontro alla formazione di perossidi e di polimeri che possono provocare lesioni al fegato, ai reni, allo stomaco ed all’apparato cardiovascolare.

    Fonte: http://www.buddhachannel.tv

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

Confezionato in frantoio per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Grassi monoinsaturi, saturi e polinsaturi nell’olio di oliva: perchè sono così impor... L'olio ha molte proprietà importanti, è un alimento base della dieta mediterranea e viene utilizzato in un gran numero di ricette, anche a crudo. Nell...
Quante calorie possiede l’olio extravergine d’oliva? L'olio è l'alimento più utilizzato in cucina da millenni, senza di esso sarebbe quasi impossibile gustare i cibi della nostra tavola. Ma quante calori...
Abitudini alimentari e dieta mediterranea La Dieta Mediterranea, con decisione unanime delle componenti, è entrata da qualche anno (2008) nel patrimonio culturale immateriale dell'Unesco. Una ...
Le fritture fanno bene? Quante volte si è sentito dire che la frittura fa male e fa ingrassare? La ricerca ora dimostra che, a determinate condizioni, questo mito può essere ...
L’Olio Extravergine d’Oliva ha una scadenza? L'Olio Extra Vergine ha un tempo minimo di conservazione, ovvero un periodo di tempo nel quale le sue proprietà organolettiche, che sono quelle da cui...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *