Importanza grassi saturi,polinsaturi, monoinsaturi olio di oliva

Grassi monoinsaturi, saturi e polinsaturi nell’olio di oliva: perchè sono così importanti?

L’olio ha molte proprietà importanti, è un alimento base della dieta mediterranea e viene utilizzato in un gran numero di ricette, anche a crudo. Nello specifico l’olio extra vergine d’oliva è sicuramente uno degli alimenti più nutrienti per il nostro organismo con un’alta concentrazione di grassi monoinsaturi, polinsaturi e saturi.


Prof. Franco Berrino in questo interessante video rivela che non sono i grassi che fanno ingrassare ma le proteine, in particolare quelle animali.

Perché questi questi grassi sono così fondamentali?

È stato riscontrato da svariati studi accreditati che i grassi contenuti nell’olio sono molto preziosi per la salute, in particolare la salute del cuore verrebbe tutelata con un consumo quotidiano di questo alimento. L’olio extravergine di oliva contiene una buona percentuale di vitamina E e K e i grassi saturi sono presenti in una percentuale del 73% dove la parte più consistente è quella dell’acido oleico. Questo particolare acido è in grado di controllare e riequilibrare i livelli di colesterolo nel sangue. Riesce anche a prevenire i rischi legati a coronaropatie, trombosi, ictus e infarti.

Una delle caratteristiche più importanti dell’olio è quella di avere una percentuale di acidi grassi molto bassa, solitamente al 13%. Difatti questi grassi sono stati associati ad un aumento del colesterolo LDL, considerato dannoso per la salute. Grazie a queste importanti peculiarità l’olio è da sempre considerato un alimento fondamentale per la salute ed è consigliato caldamente, soprattutto come condimento.

I componenti essenziali presenti nell’olio extravergine

Oltre all’acido oleico, nell’olio sono presenti l’acido linoleico e l’acido a-linoleico che permettono all’olio una lunga e buona conservazione.

Gli acidi polinsaturi sono un altro elemento essenziale dell’olio. Hanno di sicuro un effetto benefico sulla salute dell’uomo e sono un ottimo sostituto di alimenti come il burro, i latticini, lo strutto e le carni grasse ricchi di grassi dannosi per l’organismo. Anche questi acidi hanno la potente capacità di ridurre il colesterolo nel sangue tutelando il sistema cardiovascolare.

In 100 grammi di olio d’oliva sono presenti 72,95 g di acidi grassi del tipo monoinsaturo. Questa particolare tipologia di grassi sono formati in particolare dall’acido oleico, che appartiene alla famiglia dei cosiddetti omega 9. Gli oli ricchi di questo acido hanno un punto di fumo estremamente alto e sono indicati per le fritture.

Un buon funzionamento dell’organismo passa soprattutto da una corretta alimentazione. È il primo passo da compiere per salvaguardare la propria salute ed essere sempre al meglio.

A cura della redazione di Olio Cristofaro

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

Confezionato in frantoio per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo

Altri articoli che ti potrebbero interessare

L’olio d’oliva: potente toccasana per le labbra screpolate Le labbra screpolate soprattutto d'inverno sono un vero e proprio problema. A causa del vento, delle temperature basse, sulla delicata pelle  delle la...
Gli effetti positivi dell’olio extra vergine sulla salute L’olio d’oliva, per quelli che praticano sport, è in grado di mantenerli in forma e al massimo delle loro energie. È fondamentale anche per bimbi ed a...
Contenuto fenolico e attività antiossidante dell’olio extra vergine di oliva Il contenuto fenolico di un olio vergine di oliva varia in funzione di alcuni fattori: cultivar, tecniche agronomiche, grado di maturazione, stoccaggi...
L’ olio di oliva per la prevenzione del cancro al colon-retto L'olio di oliva, oltre all'azione lassativa, favorente la peristalsi intestinale e protettiva sulla parete del colon, mediante i composti fenolici di ...
Olio d’oliva ed effetti benefici per i bambini L'alimentazione lipidica è importante tanto nel lattante, quanto nel bambino svezzato, ed ancor più lo è l'apporto di acidi grassi essenziali derivant...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *