Insalata di Baccalà con Olive in Salamoia e Patate

Una ricetta semplicissima che narra lo strano incontro con il merluzzo per eccellenza, il baccalà, le patate dolci e le olive conservate in salamoia tipiche della nostra regione: la Puglia. Realizzarla è davvero semplice. Scoprilo con noi!

Olive in salamoia: la tradizione Pugliese in un unico piatto

Il mese di ottobre è il momento perfetto per la raccolta delle olive, dalle più grandi alle più piccole. È il periodo giusto per conservarle in salamoia così da poter deliziare i nostri palati per i prossimi mesi arricchendo le ricette tipiche della nostra tradizione.
Che siano verdi o nere, le olive sono un alimento fondamentale nella dieta mediterranea. La loro diffusione risale a oltre 6000 anni fa tanto da essere considerate:

  • Fonti di vitamine A, B, C, E
  • Ricche di Sali minerali come ferro, sodio, fosforo, magnesio, potassio, iodio
  • Ricche di Fibre
  • Composte da Acido oleico
  • Contengono: oleuropeina, idrossitirosolo, tirosolo, acido oleanolico, quercetina

Utili al benessere:

  • Fegato
  • Sistema cardiovascolare
  • Sistema muscolo-scheletrico
  • Sistema respiratorio
  • Sistema nervoso

Ricetta Insalata di Baccalà con Olive in Salamoia e Patate

Ingredienti

  • 500gr di baccalà già dissalato
  • 20 olive in salamoia (a scelta)
  • 3 patate media grandezza
  • 1 spicchio di aglio
  • Olio Evo q.b.
  • Sale e prezzemolo q.b.

Procedimento

  1. Sbucciare le patate e dopo averle lavate accuratamente lasciarle cuocere in acqua fin quando non risulteranno morbide
  2. Tagliare a pezzettoni il baccalà già ammorbidito e dissalato eliminando le eventuali spine
  3. Immergerlo in una pentola piena d’acqua non appena questa avrà raggiunto l’ebollizione
  4. Lasciarlo cucinare per 6 minuti circa
  5. Scolarlo e lasciarlo raffreddare
  6. Tagliare a pezzettoni le patate lesse e aggiungerle al baccalà
  7. Salare, aggiungere l’aglio tritato e il prezzemolo
  8. Distribuire le olive in salamoia al composto e mescolare il tutto con l’aggiunta di Olio Extravergine di Oliva
  9. Può essere gustato sia freddo che tiepido

Realizza anche tu questa ricetta e raccontaci la tua esperienza!

A cura di Anna Angeloro.
Appassionata di scrittura, laureata in lettere e beni culturali.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *