La Certificazione HS – High Standard: la certificazione degli oli extra vergine di qualità superiore

certificazione-olio-hs
Mangia sano. Degusta l'Olio Nuovo 2018 direttamente dal Frantoio

ACQUISTA ORA

Olio prodotto in Puglia da Spremitura a Freddo. 100% Italiano.
Confezionato in frantoio. Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.

Nel vasto scenario dei sistemi di certificazione, appare determinante dare l’impulso ad una più ampia segmentazione della qualità degli oli extravergini, sia per la crescita del settore, sia per le maggiori opportunità offerte ai consumatori che disporranno di un parametro in più per apprezzare quelle imprese che sanno differenziare ed elevare la “qualità” delle produzioni.

Cosa è la certificazione HS?

La certificazione di prodotto rappresenta uno strumento capace di dare concrete opportunità di sviluppo alle aziende orientate al mercato. In questa ottica, appare opportuno ricordare l’iniziativa HS – High Standard – proposta dalla Corporazione dei Maestri Oleari, primo sistema di certificazione al mondo per l’identificazione degli extravergini di oliva italiani cui si attribuiscono elevati indici di qualità globale, a prescindere dai requisiti di tipicità.

Tale sistema ha dimostrato di essere uno strumento utile, trasparente e credibile anche alla luce della sua totale autonomia rispetto al sostegno economico pubblico o da organismi istituzionali. In un mercato sempre più volto alla trasparenza, è fondamentale proporre un prodotto dalle caratteristiche nutrizionali controllate, verificabili in ogni momento. Il prodotto H.S. rappresenta un Extra Vergine all’elevato contenuto nutrizionale, dall’equilibrata presenza di acidi grassi e dalle caratteristiche organolettiche superiori a quanto stabilito dall’attuale normativa. Le peculiarità certificabili del prodotto sono la composizione chimico, fisica ed il punteggio organolettico, tali da evidenziare un determinato potere antiossidante.

Quali sono i parametri analitico-sensoriali?

I parametri fissati per questa combinazione analitico – sensoriale sono i seguenti:

Nota – Questo articolo è stato pubblicato integralmente come contributo esterno “L’ulivo, l’olio e la Daunia – Un percorso di Qualità”. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di Olio Cristofaro.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla newsletters

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Olio di sansa di oliva: cos’è e qual è il suo utilizzo? In commercio esistono diversi tipi di olio di oliva la cui differenza dipende dalla coltivazione delle olive, dalla loro provenienza geografica, dalla...
Etichettatura dell’olio d’oliva: si può indicare la provenienza “pugliese”?... Lo sanno tutti: l’olio pugliese è un’eccellenza del made in Italy. Ma la normativa sull’etichettatura impedisce di usare la dicitura “pugliese”. Scopr...
Rintracciabilità e tracciabilità di filiera dell’olio extravergine: perchè è così im... E' la capacità di ricostruire la storia e di seguire l'utilizzo di un prodotto mediante identificazione documentate relativamente ai flussi materiali ...
Consigli sull’acquisto dell’olio extravergine? Ecco come valutarne la bontà de... Molto spesso la scelta dell'acquisto di un olio di oliva si basa esclusivamente su alcune diciture indicate in etichetta. I termini: extravergine, pri...
Quali sono i flavor tipici causati da una cattiva conservazione dell’olio? L'olio conservato male, in luoghi non adatti, in contenitori non idonei o quando supera il tempo fisiologico di conservazione, può cambiare sapore. Ve...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *