la coltivazione della pianta dell'ulivo

La coltivazione della pianta dell’ulivo: potatura, alternanza di produzione e sistemi di allevamento

Potatura, alternanza di produzione e sistemi di allevamento della pianta dell’ulivo. Tutto quello che c’è da sapere sulla coltivazione della pianta dell’ulivo.

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto? Lo riceverai 24-48 ore dopo la spremitura in frantoio. Introvabile!

La potatura dell’ulivo

La potatura permette di asportare, con appositi strumenti da taglio, i rami per rinnovare e favorire lo sviluppo delle branche fruttifere della pianta, di intervenire modellando la forma della pianta per regolarne la crescita ed il portamento anche in base ad esigenze colturali e di distribuire in modo omogeneo e corretto l’illuminazione sulle varie parti della chioma.

Scopo di tutti questi interventi è favorire la produttività ed aumentarla in rapporto equilibrato allo sviluppo annuale della pianta.

L’alternanza di produzione delle olive

Nell’olivo, generalmente, a un’annata con produzione abbondante (di carica) ne segue una con produzione scarsa (di scarica). Questo fenomeno, detto alternanza di produzione, talvolta si ripete per vari anni consecutivi con una relativa costanza ed è determinato geneticamente, anche se la sua intensità è influenzata dalla varietà,dalla quantita di fruttificazione dell’ annata precedente e dalle condizioni ambientali e colturali.

L’alternanza si verifica in condizioni di coltivazione sia estensive sia intensive, infatti l’irrigazione e la concimazione aumentano notevolmente il livello medio di produzione, ma non eliminano l’alternanza che, comunque, si instaura su maggiori livelli produttivi. Il rapporto tra vigore vegetativo e produzione spiega in parte la scarsa alternanza negli alberi giovani. Mentre la raccolta tardiva può contibuire ad accentuare l’alternanza, per contrastarla si potrebbe attuare una potatura energetica prima dell’anno di carica.

Per le olive da tavola anche il diradamento dei giovani frutti negli anni di carica può essere un deterrente.

Le forme di allevamento della pianta dell’ulivo

Sono differenti i sistemi di allevamento dell’ulivo e cambiano da zona a zona, da varietà a varietà ma, soprattutto, in funzione del tipo di raccolta da praticare. Non si deve dimenticare, comunque, che l’olivo è una pianta mediterranea. Come tale essa ha bisogno di molta luce e aria e ha bisogno della maggior massa di foglie per dare buoni risultati produttivi, che produce su rami di un anno compiuto, da rinnovare annualmente, evitando, allo stesso tempo, gli ombreggiamenti che hanno effetti sensibili e negativi sui risultati produttivi ed economici della coltura.

Tra le forme di allevamento basse ricordiamo: la palmetta libera, il vaso cespugliato, il cespuglio allargato lungo il filare (ellittico) o espanso (circolare), il monocono o il cordone, il siepone.

Queste forme tendono a realizzare una massa continua di vegetazione lungo il filare alta fino a 4 metri.

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Dalla lavorazione delle olive si ottiene solo olio? Ieri sicuramente sì, oggi grazie a studi recenti e nuove scoperte l'olio di oliva trova impieghi ben più ampi. Oggi viene considerato uno dei prodotti...
Olive pugliesi da tavola: buone, sane e nutrienti Olive che passione! A tavola non esiste nessun altro alimento, più delle olive, che riesce a mettere d'accordo grandi e piccini: verdi o nere piaccion...
Olive verdi e semimature: trattamenti e preparazione per il mercato Come vengono raccolte e trattate le olive verdi e semimature prima di essere immesse sul mercato? Olive verdi Le olive verdi sono ottenute da frutt...
La raccolta delle olive: dal periodo di raccolta ai sistemi meccanici utilizzati La raccolta delle olive tiene conto del grado di maturazione del frutto, ovvero dell'evoluzione fisiologica, fisica e chimica, di tutti i suoi compone...
Come conservare le olive dopo il raccolto? Oggi le olive non sono più abbandonate a sè volutamente per un periodo di tempo più o meno lungo prima di essere lavorate; tuttavia i frantoi non semp...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *