olive da tavola nella gastronomia

Le olive da tavola nella gastronomia: 2 ricette prelibate

Le olive sono un tratto distintivo di molti piatti delle zone produttrici. Danno sapore e colore alle insalate, ai ripieni, ai sughi e alle salse; servono da guarnizione ad un gran numero di pietanze e bevande ed anche come condimento e aperitivo.

Composizione e valore biologico delle olive da tavola

Per il suo alto valore nutritivo, in certe regioni continua ad essere un piatto di base. Le tantissime presentazioni (verdi, cangianti, nere, ripiene di acciughe, di peperone , di mandorle o in paste con altri ingredienti, tagliate o incise) offrono svariate possibilità d’impiego. La composizione delle olive da tavola cambia a seconda delle varietà, dell’elaborazione e, soprattutto, del grado di maturazione in cui sono raccolte.

Il valore biologico delle olive è simile a quello descritto per l’olio d’oliva. Contengono tocoferoli, specialmente alfa-tocoferolo o vitamina E, carotene o provitamina A, polifenoli e vari minerali tra i quali spiccano il calcio e il potassio. L’enorme varietà di piatti preparati con olive da tavola che si trovano in tutti gli angoli delle zone per ricchezza di sapore ed originalità.

Piatti preparati con le olive da tavola

Tra le ricette prelibate spiccano

Crostini alle olive

Pulire gli champignons, tritarli finementee cospargerli di succo di limone.  Saldare 4 cucchiai di olio in una padella e soffriggerli con lo spicchio d’aglio a fuoco vivo. Dorare le fette di pane in forno a 180°C. Frullare le olive con l’olio rimanente e farnena crema.

Spalmarla sulle fette di pane, ricoprire con gli champignons e servire.

Pollo con olive

Scaldare l’olio in un tegame ampio e mettervi il pollo, coperto con la cipolla, l’aglio, lo zenzero, il comino, il peperoncino e il sale. Coprire il tegame e stufare a fuoco lento per un quarto d’ora, mescolando spesso.

Diluire la farina con un pò di acqua e incorporarla al tegame. Unire l’acqua rimastaa, mescolando gli ingredienti e portare a ebollizione. Coprire di nuovo e continuare a stufare a fuoco lento per 45 minuti, mescolando di tanto in tanto.

Aggiungere olive, la menta o il prezzemolo e il succo di limone, stufare per altri 14-20 minuti fino a che il pollo è tenero.

Servirlo con la salsa.

 

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

Confezionato in frantoio per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Limolivo: l’amaro ottenuto dall’infusione delle foglie di ulivo Questo liquore è uno dei pochi  amari non prodotto da  erbe ma dall'infusione delle foglie di ulivo unitamente alla infusione delle bucce di arancia e...
Vuoi preparare i pomodori verdi sott’olio? Ecco la ricetta pugliese! La ricetta dei pomodori verdi conservati sott’olio ha un’origine antichissima, ed oltre ad essere un delizioso antipasto riporta alla mente, e ai nost...
Carciofini sott’olio: ecco la ricetta pugliese! Che buono il carciofo, in tutte le sue varietà, con le spine o senza, nelle versioni autunnali o più primaverili, nelle tonalità che virano dal verde ...
Qual’è il miglior olio per friggere? L'olio extravergine è in grado di conferire un gusto più ricco e saporito alle nostre fritture, donando alle nostre ricette una marcia in più. Ma qu...
L’olio extra vergine di oliva a tavola L'olio di oliva extra vergine in tavola è un condimento che si usa crudo e che serve in genere per finire un piatto, per fondere insieme gusti e sapor...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *