Meglio l'olio di oliva o l'olio di argan?

Meglio l’olio di Argan o Extravergine di Oliva?

Olio di Argan o Evo? Difficile scegliere, i due oli in questione sono infatti molto simili sia nella composizione che nei benefici. Scopri come utilizzarli al meglio per sfruttare tutti i benefici di questi oli di altissima qualità.

Olio di Argan: cos’è e da dove arriva 

L’olio di Argan è un olio estratto dai semi della pianta di Argania spinosa, endemica nella zona sud del Marocco. La raccolta dei frutti della pianta di Argania spinosa avviene nei mesi di giugno e luglio, occasionalmente, solo in alcune zone, nel mese di febbraio. Viene estratto mediante procedimenti meccanici, allo stesso modo dell’olio extravergine.

I noccioli dei frutti dell’argania vengono aperti e prelevate le mandorle che vengono a loro volta lavorate attraverso una tramoggia che le macina e spreme progressivamente ottenendo l’olio che verrà infine filtrato.

Una moderna macchina può estrarre sino a 10 litri di olio per ora, molto più lungo è la procedura manuale, ecco perché è un olio così prezioso.

Olio di Oliva e di Argan a confronto 

Valori nutrizionali a confronto:

Olio di Argan 

  • Acidi grassi saturi 16-20%
  • Acido palmitico 12%
  • Acido stearico 6%
  • Acidi grassi monoinsaturi  45-50%
  • Acido oleico 42.8%
  • Grassi polinsaturi 32-40%
  • Acido linoleico 36.8%
  • Acido alfa linoleico <0.5%

Olio di Oliva Extravergine

  • Acidi grassi saturi 13.8%
  • Acido palmitico 8-16%
  • Acido stearico 1-4%
  • Acidi grassi monoinsaturi 73%
  • Acido oleico 63-88%
  • Grassi polinsaturi 10.5%
  • Acido linoleico 3-15%
  • Acido alfa linoleico  <1%

Olio di Argan e suoi utilizzi 

Cosmesi

In Italia l’olio d’Argan è conosciuto perché quasi sempre è tra gli ingredienti dei cosmetici, specie quelli antietà.
L’olio di Argan infatti e ricco di sostanze antiossidanti come:

  • tocoferoli
  • vitamina E
  • acidi grassi
  • flavonoidi, i quali svolgono un’azione sinergica di prevenzione dell’invecchiamento dei tessuti cutanei contrastando la formazione dei radicali liberi.

Cucina

Ciò che probabilmente non sai è che l’olio di Argan è utilizzato anche in cucina, certo non nelle cucine Italiane ma in quella marocchina sì. Si tratta infatti di un ingrediente tipico delle ricette tradizionali marocchine come:

  • Cous cous
  • Taijine
  • come condimento per insalate e verdure grigliate
  • dolci come l’Amlou Beldi, una tipica crema marocchina a base di mandorle, miele e olio di Argan

L’olio di Argan utilizzato in cucina è però diverso da quello destinato alla cosmesi: l’olio di Argan per la cucina proviene infatti da noccioli tostati, e non spremuti a freddo come avveniva nel processo di lavorazione dell’olio di Argan per la cosmesi.

Meglio l’olio di Argan o di Oliva? 

L’olio di Argan e Extravergine sono oli con caratteristiche e benefici simili tra loro. Ecco perché non sarebbe giusto decretare un vincitore.

Tuttavia l’olio di Argan risulta più adatto rispetto all’olio di oliva nel campo cosmetico ed in particolare nel trattamento di:

  • Cicatrici
  • Scottature
  • Smagliature
  • Contratture muscolari
  • Psoriasi
  • Acne
  • Dermatiti

L’olio di oliva risulta invece perfetto per le preparazioni culinarie, rimanendo uno degli ingredienti fondamentali e più versatili della dieta mediterranea e di una alimentazione corretta ed equilibrata.

E tu hai come stai degustando l’olio extravergine in cucina?

A cura di Dajana Mangherini, laureata in scienze della mediazione linguistica per il marketing, la pubblicità e le relazioni pubbliche.

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

Confezionato in frantoio per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Olio di oliva verde: da cosa dipende il colore? Cosa rende unico un olio extravergine se non la sua fragranza inconfondibile e il suo colore intenso? Scopri tutti i fattori che determinano la splend...
Quali sono i fattori che influiscono sulla qualità degli oli di oliva? Per ottenere un olio extra vergine d’oliva con caratteristiche di qualità è necessario che tutte le operazioni, sia in fase di coltivazione dell’olio ...
Olio fruttato leggero, medio e intenso: quali sono le differenze? Fruttato leggero, medio e intenso sono aggettivi tipici del solo olio extravergine di oliva: il prodotto più nobile e pregiato ottenuto dalla lavorazi...
Esiste l’olio extra vergine di prima spremitura? Prima spremitura a freddo, seconda spremitura, olio della sansa di oliva... oggi sono tanti gli argomenti di discussione. Vediamo di fare un pò di chi...
Quanti polifenoli deve contenere l’olio extravergine di oliva? Di certo ti sarà capitato di sentir parlare di polifenoli in correlazione all’olio d’oliva. Ultimamente infatti sembra diventato un trend specificare ...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *