Meglio l'olio di oliva o il burro in cucina?

Meglio l’olio di oliva o il burro in cucina?

Meglio l’olio o il burro? I pareri in merito sono tanti e spesso discordanti. Che sia per necessità dietetiche o semplicemente per una alimentazione corretta ed equilibrata ecco svelati per te i principali pro e contro dell’utilizzo di questi due alimenti e condimenti in cucina.

Olio extravergine e burro: esiste un vincitore? 

Olio d’oliva o burro? Ci troviamo di fronte ad un dilemma che attanaglia ormai da decenni nutrizionisti e dietologi di tutto il mondo. La giungla di internet, con le sue tante voci, non sembra poi essere d’aiuto: chi ascoltare? Esiste davvero un vincitore?

Se anche tu ti stai ponendo queste domande, non temere: oggi cercheremo di chiarirti un po’ le idee!

Simili ma diversi: il confronto

Primo fattore da considerare nel confronto tra questi due grassi è la loro origine: animale per il burro e vegetale per l’olio.
E’ importante sottolineare questa distinzione perché l’origine determina il diverso contenuto di colesterolo.

Grassi animali come il burro, ma anche lardo e strutto, contengono quantità piuttosto elevate di colesterolo, l’olio di oliva, invece, ne è completamente privo.

Un altro fattore è poi la diversa consistenza: grassi solidi come il burro contengono una maggiore quantità di acidi grassi saturi, detti “cattivi” proprio perché sono nocivi per la nostra salute. In particolare sono responsabili dell’innalzamento del colesterolo e dei trigliceridi nel sangue con il rischio di incorrere in malattie cardiovascolari.

Ancora una volta l’olio di oliva è quasi totalmente privo di acidi grassi saturi.

Questi sono i principali motivi per cui medici e nutrizionisti consigliano di utilizzare olio d’oliva al posto del burro, senza considerare poi altri numerosi benefici dell’olio di oliva come:

  • Prevenzione delle malattie cardiovascolari, contrastando l’accumulo del colesterolo LDL (cattivo) a favore del colesterolo HDL (buono)
  • Equilibrio tra grassi insaturi e polinsaturi
  • Prevenzione della comparsa di radicali liberi, e della comparsa di alcune cellule tumorali
  • Prevenzione dell’invecchiamento cellulare grazie alla vitamina E che funge da antiossidante

Di seguito ecco elencati i valori nutrizionali principali dell’olio extravergine d’oliva e del burro per 100g di prodotto.

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA

  • Energia: 899 kcal / 3762 kJ
  • Proteine: 0
  • Grassi: 99,9 g
  • Monoinsaturi totali: 72.95%
  • Polinsaturi totali: 7.52%
  • Saturi totali: 14.46%
  • Colesterolo: 0
  • Vitamina A: 36 µg-
  • Vitamina E: 22.4 µg

BURRO

  • Energia: 758 kcal / 3171 kJ
  • Proteine: 0,8 g
  • Grassi: 83,4 g
  • Monoinsaturi totali:23.72%
  • Polinsaturi totali: 2.75%
  • Saturi totali: 48.78%
  • Colesterolo: 250 mg
  • Vitamina A: 930 µg
  • Vitamina E: 2.4 µg

Ed inoltre:

  • Sodio: 7mg
  • Potassio: 15mg
  • Calcio: 25mg
  • Fosforo:16 mg

Burro sì o burro no? 

Eliminare il burro dalla dieta quindi? Assolutamente no. La strategia migliore è l’equilibrio, come in ogni buona dieta che si rispetti.

Tieni presente che il burro è pur sempre presente in moltissimi alimenti che assumi quotidianamente, soprattutto nei cibi confezionati e già pronti come biscotti e dolci.

Per questo si consiglia di integrare nella dieta l’olio di oliva e quando possibile sostituirlo al burro.

Olio e burro dovrebbero essere considerati ingredienti complementari: se è vero che il burro contiene acidi grassi saturi e colesterolo cattivo, è vero anche che contiene una buona quantità di grassi insaturi ed è meno calorico dell’olio.
Su 100 g di prodotto il burro si assesta sulle 758 kcal rispetto alle quasi 900 kcal dell’olio di oliva.

Ma a quanto olio corrisponde 1 kg di burro? 

Un parametro di massima da tenere presente per sostituire l’olio al burro è: 1kg di burro (100 gr) = 80 gr di olio.

Così se volessi sostituire:

  • 50 gr di burro dovresti usare  40 gr di olio
  • 80 gr di burro dovresti usare  64 gr di olio
  • 120 gr di burro dovresti usare  96 gr di olio
  • 150 gr di burro dovresti usare  120 gr di olio
  • 180 gr di burro dovresti usare  144 gr di olio
  • 200 gr di burro dovresti usare  160 gr di olio
  • 220 gr di burro dovresti usare  176 gr di olio
  • 250 gr di burro dovresti usare  200 gr di olio

E tu cosa preferisci usare in cucina?

A cura di Dajana Mangherini, laureata in scienze della mediazione linguistica per il marketing, la pubblicità e le relazioni pubbliche.

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

Confezionato in frantoio per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Quanti polifenoli deve contenere l’olio extravergine di oliva? Di certo ti sarà capitato di sentir parlare di polifenoli in correlazione all’olio d’oliva. Ultimamente infatti sembra diventato un trend specificare ...
Olio fruttato leggero, medio e intenso: quali sono le differenze? Fruttato leggero, medio e intenso sono aggettivi tipici del solo olio extravergine di oliva: il prodotto più nobile e pregiato ottenuto dalla lavorazi...
Olio extravergine affiorato: sai cos’è e come viene estratto? L'olio extravergine affiorato è un particolare tipo di olio extravergine molto pregiato. Nel campo degli oli, esso è tra i più preziosi, in quanto è i...
L’olio crudo: una vera toccasana per la salute Spesso leggendo le diete proposte in tv, su riviste o anche dai nutrizionisti, si nota che viene consigliato l'uso di olio di oliva a crudo come condi...
Come conservare l’olio extra vergine? La saggezza popolare con il proverbio "olio nuovo, vino vecchio", individua chiaramente che con l'invecchiamento l'olio peggiora sempre ed è buona reg...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *