olio coratina caratteristiche e benefici

“Il consumo diretto della coratina come monocultivar non viene apprezzato per via dell’amaro e del piccante, note impropriamente identificate come attributi negativi dell’olio. Sicuramente il consumatore medio è allla ricerca di oli piu’ dolci, ma in questi ultimi anni gli oli fruttati amari e piccanti, cominciano ad essere recepiti positivamente e sempre di piu’ apprezzati”. Marcello Scoccia

Quali sono le sue caratteristiche?

L’olio di coratina, che prende il nome da Corato, è un ulivo originario del Nord Barese. Dalle dimensioni medie e dalla chioma molto espansa, ha un ottima attitudine rizogena-che riesce a mettere radici in tutte le tipologie di terreno. Proprio per questa sua caratteristica ha un’ottima attitudine alle coltivazioni Biologiche che non hanno bisogno di elementi chimici. Inizialmente, a causa della sua veracità era utilizzato come olio da taglio per dare consistenza e resistenza a oli più deboli, ma ultimamente si sta rivalutando la sua qualità.

Qual è la sua resa?

Ha una resa che gira intorno al 20-25% poichè ha una raccolta molto tardiva che va da Novembre a Gennaio. A differenza dell’olio di Peranzana che ha una resa molto bassa, all’incirca 10-12%. Quest’ultima è coltivata principalmente nell’alto tavoliere ed ha ricevuto la Denominazione di Origine Controllata -DOP – nell’anno 2012.

Sapore e Profumo

Dal colore giallo-verde, all’olfatto si presenta con un fruttato medio, molto amaro e piccante, caratteristiche date dai molti polifenoli presenti. All’assaggio è facile trovare delle note di aneto, finocchio carciofo, pepe, fieno e mandorla.

Come si abbina?

Ultimamente nella ristorazione si sta facendo avanti la Carta degli oli, molto simile alla carta dei vini. Da questa è facile scegliere l’olio da abbinare al proprio piatto scelto. Spesso è riportato il sapore dell’olio e il suo profumo, ma tocca a te abbinarlo, per farlo in facilità gli esperti, per quanto riguarda questa tipologia di olio, consigliano di abbinarlo a verdure alla brace, ai funghi porcini e carne alla griglia, alle zuppe di legumi misti, ai pomodori da insalata ed in particolare ai formaggi di stagione dalla pasta dura.

Inoltre è facilmente abbinabile a verdura come la cicoria e le fave.Un accostamento molto particolare è quello dato dalla Panzanella, una pietanza estiva dai sapori rustici che racchiude in sè tutti i sapori della terra, come il pomodoro, la cipolla e il basilico.

In questo video a cura di GialloZafferano vediamo come si prepara la Panzanella

Quali sono i suoi benefici?

L’olio di coratina è molti ricco di polifenoli, in particolare di eleupeina che è il principale polifenolo responsabile del retrogusto amaro. Questo polifenolo è particolarmente utile alle neoplasie, alle malattie cardiovascolari, al diabete e alle malattie neurodegenerative. Non solo, è particolarmente povero di perossidi ed ha un acidità che gira intorno allo 0,2%.

Dove e quanto si conserva?

L’olio di coratina è necessario conservarlo in un luogo fresco e asciutto, come quello della tua cantina, ad una temperatura che va tra i 12 e i 18 gradi. Inoltre è consigliabile non superare i 12 mesi di conservazione dall’apertura del contenitore in cui è riposto. Difatti le sue proprietà benefiche sono conservate all’interno dei polifenoli che a contatto con l’aria per lungo tempo iniziano a diminuire, rendendo l’olio meno utile all’organismo.

E tu conoscevi già le caratteristiche dell’olio di coratina?

A cura di Marino Carola,
laureata in Scienze della Comunicazione.

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Olive verdi e semimature: trattamenti e preparazione per il mercato Come vengono raccolte e trattate le olive verdi e semimature prima di essere immesse sul mercato? Olive verdi Le olive verdi sono ottenute da frutt...
Leucocarpa: l’antica oliva “albina” del Sud Italia La varietà di oliva chiamata Leucocarpa, ma anche Leucolea, è caratterizzata da frutti che assumono un colore bianco, tendente all’avorio, durante il ...
Ecco alcuni consigli sulla potatura dell’uliveto La potatura dell'oliveto costituisce la principale pratica agronomica per raggiungere un equilibrato ecosistema produttivo: si distingue in potatura v...
Olive da mensa: dove acquistare la miglior cultivar? Per un aperitivo o come contorno da sola o con altre verdure le olive da mensa sono sempre presenti sulle tavole degli italiani, e non solo, ma quale ...
Danni causati dalla mosca dell’ulivo. Come difendersi? Di iperparassiti  della mosca dell'olivo se ne conoscono oltre cinque specie, particolarmente attive nelle zone olivicole inserite in un ecosistema eq...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *