L’ olio di oliva per la prevenzione del cancro al colon-retto

olio di oliva per la prevenzione del tumore al colon retto
Mangia sano. Degusta l'Olio Nuovo 2018 direttamente dal Frantoio

ACQUISTA ORA

Olio prodotto in Puglia da Spremitura a Freddo. 100% Italiano.
Confezionato in frantoio. Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.

L’olio di oliva, oltre all’azione lassativa, favorente la peristalsi intestinale e protettiva sulla parete del colon, mediante i composti fenolici di cui è ricco, esercita azione preventiva nei confronti del cancro del colon-retto.

I fattori di rischio

Il cancro del colon-retto costituisce il 12% di tutti i tumori e il 40% dei tumori gastrointestinali. In Italia si registrano 40000 casi/anno e la mortalità è di 18000 decessi/anno; è più frequente nei maschi rispetto alle donne. I fattori di rischio sono rappresentati da:

  • età
  • fattori dietetici
  • storia familiare
  • storia personale di polipi, cancro del colon-retto, malattie infiammatorie croniche intestinali
  • mutazioni geniche.

Il 90% del cancro del colon-retto è preceduto da polipi e il 25% dei polipi vanno incontro a degenerazione. Vi è quindi una sequenza adenoma-carcinoma essendo il polipo del colon un precursore quasi obbigato del cancro. Il rischio di un polipo di evolvere verso il cancro è determinato da:

  • dimensioni del polipo
  • numero dei polipi
  • tipo istologico e presenza di displasia di alto grado.

L’età costituisce un fattore importante in quanto la frequenza aumenta notevolmente dopo i 50 anni di età raggiungendo il 30-40% in età superiore a 60 anni.

La prevenzione del tumore al colon

La prevenzione del tumore del colon risiede su due cardini fondamentali:

  • la diagnosi precoce
  • la rimozione dei polipi.

Per ridurre l’incidenza del tumore nella popolazione bisogna individuare la presenza di polipi nel colon mediante indagini adeguate; ciò può essere attuato mediante lo “screening”. Lo screening permette di individuare una malattia prima che questa causi sintomi, va effettuato nella popolazione a rischio, è gratuito e promosso dalla Sanità pubblica. Esso però rientra nell’ambito della prevenzione secondaria, mentre il singolo individuo può attuare la prevenzione primaria mediante adeguata attività fisica e mediante una alimentazione corretta. Azione protettiva nei confronti del cancro del colon-retto è data da:

  • uso di fibre
  • vitamine e micronutrienti come calcio e selenio
  • riduzione della carne rossa e i grassi animali, dei zuccheri raffinati e degli alcoolici.

L’olio di oliva, oltre all’azione lassativa, favorente la peristalsi intestinale e protettiva sulla parete del colon, mediante i composti fenolici di cui è ricco, esercita azione preventiva nei confronti del cancro del colon-retto; inoltre l’idrossitirosolo determina un blocco della proliferazione cellulare inibendo la fosforilazione di una chinasi importante per la replicazione cellulare.

Articolo scritto da Domenico Facciorusso, specialista in malattie dell’apparato digerente e in medicina interna.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla newsletters

Altri articoli che ti potrebbero interessare

L’Olio di Oliva: un metodo naturale per schiarire la nostra pelle La natura mette a nostra disposizione una grande molteplicità di prodotti che offrono tanti benefici per la salute. E uno di questi è l’olio di oliva ...
Olio di Oliva contro la Stitichezza di Cani e Gatti Tra i rimedi naturali contro la stitichezza di cani e gatti, un problema che all’apparenza può risultare banale, ma che potrebbe nascondere patologie ...
L’olio di Oliva: alimento essenziale per cani e gatti L'olio extravergine d'oliva è un alimento prezioso ed utilissimo anche per gli animali; nel giro di poche settimane, infatti, l'inserimento dell'olio ...
L’Olio di Oliva può aiutare a eliminare la forfora? L'olio di oliva non è solo il principe della cucina Mediterranea, i benefici che è in grado di regalare alla nostra salute, alla mente e alla bellezza...
Le fritture fanno bene? Quante volte si è sentito dire che la frittura fa male e fa ingrassare? La ricerca ora dimostra che, a determinate condizioni, questo mito può essere ...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *