Olio evo un buon rimedio contro l’Orticaria

Hai mai sofferto di orticaria? Quella terribile sensazione che si prova ogni volta dopo aver toccato un’ortica o dopo esser entrati a contatto con qualcosa a cui si è allergici? Il prurito è insopportabile! Cosa usare, allora, come rimedio naturale e non chimico? La risposta a questa domande è sempre e solo una: Olio Extravergine di Oliva! Vediamo come.

Orticaria: cosa la provoca e come curarla

L’orticaria inizia a manifestarsi con un arrossamento della cute, dove poi compaiono segni in rilievo, piaghe, ponfi o puntini, indiscutibilmente molto fastidiosi e rossi. Possono comparire macchie e sensazioni di bruciore. In base dell’entità del problema può esserci anche gonfiore (stare molto attenti al gonfiore della bocca e della gola è il più frequente in caso di allergia alimentare e farmacologica).

Chi sono le persone ad esser più esposte?

  • Coloro che hanno già sofferto di orticaria
  • Chi è allergico a componenti chimici, farmaci ed alimenti 
  • Chi ha malattie autoimmuni
  • Chi ha familiari che ne hanno sofferto

La causa dell’infiammazione della pelle è dunque da ricercarsi:

  • nei cosmetici utilizzati
  • nei cibi assunti (soprattutto: molluschi, pesce, frutta a guscio, uova, cioccolata e latte)
  • nelle allergie generiche (peli di animali, pollini, sole, sudore, lattice etc)
  • nei farmaci assunti (nello specifico di solito le allergie sono causate da: mercurio, penicillina, aspirina ed ibuprofene)
  • nella psicosomatica (nel caso della disidrosi ad esempio la causa può essere un forte stress)

Occorre conoscere la storia clinica del paziente: quindi se si hanno parenti che soffrono o hanno sofferto di orticaria, se si hanno malattie autoimmuni, se si ha già sofferto di allergie in passato e altro ancora.
L’orticaria può essere: cronica o estemporanea, nel secondo caso può esser sufficiente parlarne con il medico, mentre nel primo caso è bene contattare un dermatologo ed un allergologo.

Orticaria: come alleviare il prurito con l’Olio di Oliva

L’olio di oliva, come il burro ed i grassi in generale sono ottimi alleati contro l’orticaria, idratano profondamente la pelle rinfrescandola ed alleviando la sensazione di bruciore e prurito.

Già i Greci e i Romani conoscevano le proprietà benefiche dell’olio di oliva per la cura della pelle e grazie a questi, tali saperi sono stati tramandati per intere generazioni, fino ad arrivare ai giorni nostri.

L’olio di oliva, in particolare quello extravergine, è ricco di vitamina E, antiossidante naturale che aiuta a ostacolare i radicali liberi, principali responsabili dell’invecchiamento cutaneo.

L’Olio Evo contiene vitamina A, che rigenera la pelle e ne stimola la riparazione cellulare e acidi grassi, fitosteroli e linolene, elementi che restituiscono all’epidermide la sua elasticità e morbidezza.

Per tutti motivi e grazie ai suoi principi attivi, l’olio di oliva è un alimento ottimo per combattere le rughe, le smagliature e tutti gli inestetismi cutanei. Inoltre è indicato anche per scottature e macchie solari, vista la sua forte azione antinfiammatoria.
Essendo molto delicato può essere anche utilizzato senza nessuna controindicazioni anche sulle pelli particolarmente sensibili.

I benefici dell’uso dell’olio di oliva per la pelle sono noti a tutti, poiché è stato dimostrato che gli acidi grassi essenziali in esso contenuti sono eccellenti per combattere la secchezza dell’epidermide e rallentare l’invecchiamento precoce.
Quello che non tutti forse sanno, però, è che lenisce anche le allergie, regola il pH della pelle e riduce il prurito.

Modalità d’uso

  1. Applicare un po’ di olio d’oliva sulle zone colpite dall’allergia (leggera orticaria) e far penetrare con un leggero massaggio.
  2. Lasciar assorbire e ripetere l’applicazione un paio di volte al giorno.

 

L’Olio Evo permette al prurito, dovuto all’orticaria, di alleviarsi e idrata la pelle. Provalo e raccontaci!

 

A cura di Anna Angeloro.
Appassionata di scrittura, laureata in lettere e beni culturali.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *