Olio Evo: utile rimedio contro il reflusso gastroesofageo

Olio Evo: rimedio contro il reflusso gastroesofageo
Mangia sano. Degusta l'Olio Nuovo 2018 direttamente dal Frantoio

ACQUISTA ORA

Olio prodotto in Puglia da Spremitura a Freddo. 100% Italiano.
Confezionato in frantoio. Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.

L’Olio Extravergine di Oliva è comunemente usato per una vasta varietà di problemi che riguardano la nostra salute e tra questi compare anche il reflusso gastroesofageo.
Questo reflusso acido è causa di scomode infiammazioni e irritazioni a livello intestinale e dell’esofago. Tuttavia, l’Olio Evo può aiutare ad alleviare e prevenire alcuni di questi sintomi. Vediamo come!

Cos’è il reflusso gastroesofageo e come prevenirlo naturalmente

Il reflusso esofageo consiste nel rigurgito del contenuto gastrico all’interno dell’esofago.
Se la valvola che separa l’esofago dallo stomaco (chiamato sfintere) non funziona regolarmente, il contenuto dello stomaco che si trova nell’addome può risalire lungo l’esofago nel torace.
Il sintomo più comune è il bruciore, a livello dello stomaco o dietro lo sterno; ci possono anche essere sintomi come raucedine o tosse. Esistono numerose cause di reflusso gastroesofageo:

  • Sovrappeso: se caratterizzato da depositi di grasso addominale
  • Fumo di sigaretta
  • Malattie neurologiche autoimmuni
  • Assunzione continua di alcuni farmaci
  • Stress

La malattia da reflusso gastroesofageo può comportare delle complicanze come: esofagite, ulcera esofagea e metaplasia di Barrett. Perciò è importante rivolgersi al proprio medico per effettuare una diagnosi, indagare le cause e valutare quale terapia farmacologica migliore. Alcuni comportamenti e alimenti possono aggravare la sintomatologia da reflusso, aumentandone l’acidità gastrica.

Olio Evo nella dieta contro il reflusso

Per chi soffre di reflusso gastroesofageo, mangiare può diventare un vero e proprio problema. La malattia infatti consiste in una cattiva digestione e nella risalita dei succhi gastrici dallo stomaco all’esofago. Le sostanze digestive provocano il bruciore e il senso di acidità tipico della malattia.

Benché nei casi più gravi sia necessario ricorrere ad una terapia farmacologica, un primo passo verso la cura e la sua prevenzione consiste in un regime dietico sano, povero di grassi e cibi pesanti.
Sulla base dei consigli dell’Associazione Italiana Gastroenterologi ed Endoscopisti Ospedalieri ecco quali sono gli alimenti che non possono mancare nella dieta e quali quelli da evitare.

ALIMENTI NON CONSENTITI

  • Cibi fritti e piatti già pronti
  • Salse con panna, margarina, burro, strutto dolci con creme
  • Carni molto cotte
  • Grasso visibile della carne e degli affettati
  • Superalcolici

ALIMENTI CONSENTITI CON MODERAZIONE

  • Cioccolato, agrumi e succo d’agrumi, pomodoro (soprattutto crudo) e succo di pomodoro, cipolla, peperoni, aglio, peperoncino, pepe, menta
  • Caffè anche decaffeinato, tè, bevande gassate
  • Vino

ALIMENTI CONSENTITI E CONSIGLIATI

  • Cereali integrali, frutta e verdura, acqua (non meno di 1,5 litri al giorno)
  • Latte o yogurt scremati o parzialmente scremati
  • Formaggi: primo sale, fiocchi di latte, mozzarella, o formaggi
  • Carne di pollo, tacchino, coniglio, vitello, maiale
  • Pesce: branzino, sogliola, orata, merluzzo
  • Molluschi e crostacei
  • Prosciutto crudo, cotto, speck, bresaola, affettato di tacchino/pollo
  • Uova (non fritte)
  • Olio extra-vergine di oliva a crudo

L’Olio Extravergine di Oliva ha diverse proprietà tra cui quella di smorzare i sintomi digestivi. I suoi effetti benefici sono importanti soprattutto nel caso in cui a risalire dallo stomaco all’esofago sia la bile, quella sostanza prodotta dal fegato per l’assorbimento di grassi e vitamine. Proprio grazie ai suoi principi naturali, gli esperti consigliano di utilizzarlo crudo, sia come condimento per le verdure sia tal quale, ingerendone un cucchiaio subito dopo i pasti.

Ecco un esempio di dieta per chi soffre di reflusso gastroesofageo:

Colazione

  • 150ml latte
  • 10g cacao amaro
  • 10g miele

Spuntino metà mattina e pomeriggio

  • 125g yogurt magro
  • 15g fette biscottate

Pranzo

  • 200g braciola magra di maiale alla piastra
  • 200g zucchine
  • 90g pane integrale
  • 15g Olio Extravergine di Oliva

Cena

  • Pasta al pomodoro (60g + 100g)
  • 100g finocchi
  • 30g pane integrale
  • 15g Olio Extravergine di Oliva

 

L’Olio Extravergine di Oliva è un ottimo rimedio contro il reflusso gastroesofageo se lo inseriamo nella nostra dieta. Niente di meglio che un buon cucchiaio per alleviare i dolori! Provalo e raccontaci!

 

A cura di Anna Angeloro.
Appassionata di scrittura, laureata in lettere e beni culturali.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla newsletters

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Olio Extravergine di Oliva per curare le ragadi al seno Allattare al seno è il gesto più bello e naturale che possa esistere. Purtroppo, però, spesso è molto doloroso a causa di uno sbagliato attaccamento d...
Pidocchi: un trattamento naturale all’Olio Extravergine di Oliva! Sei stanco di quei piccoli insetti che si annidano sul cuoio capelluto e che strisciano incuranti del tuo fastidio? Questi piccoli insetti, chiamati P...
Gli effetti positivi dell’olio extra vergine sulla salute L’olio d’oliva, per quelli che praticano sport, è in grado di mantenerli in forma e al massimo delle loro energie. È fondamentale anche per bimbi ed a...
Olio Evo e Lipidi: tra grassi buoni e cattivi! L’Olio Extravergine di Oliva è una sostanza lipidica e come ogni lipide è costituito da trigliceridi. Questo permette all’Olio Evo di conservarsi più ...
Sapevi perché l’olio di oliva ha effetti benefici per la salute? Il consumatore presta maggiore attenzione ai prodotti alimentari, in particolare all'olio consumato a tavola. Questo perchè le loro conseguenze posson...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *