Olio extravergine affiorato: sai cos’è e come viene estratto?

olio extravergine affiorato: cosa è e come si estrae
Mangia sano. Degusta l'Olio Nuovo 2018 direttamente dal Frantoio

ACQUISTA ORA

Olio prodotto in Puglia da Spremitura a Freddo. 100% Italiano.
Confezionato in frantoio. Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.

L’olio extravergine affiorato è un particolare tipo di olio extravergine molto pregiato. Nel campo degli oli, esso è tra i più preziosi, in quanto è il primo olio che viene recuperato durante la fase della spremitura. La sua particolarità sta nell’antica tecnica di estrazione naturale attraverso il quale è lavorato. L’ olio affiorato infatti, non è sottoposto ad alcun processo di filtrazione tramite macchinari.

Qual’è il metodo di estrazione?

L’olio extravergine affiorato è prodotto tramite un’antica fase di estrazione definita appunto affioramento.

Questa tecnica consiste nel raccogliere a mano, attraverso particolari tipi di raccoglitori o mestoli, il 2/3% di liquido prodotto dalle olive. Nello specifico, ciò che viene considerato è quella parte di olio che si forma sulla superficie della pasta di olive dopo la fase di frangitura. Inoltre l’affiorato ha la caratteristica di essere un tipo di olio estratto a freddo. Molto importante è appunto la temperatura nel momento dell’estrazione.Durante la lavorazione in frantoio, non vanno difatti superati i 27°, per non rischiare di perdere le caratteristiche originarie del prodotto.

Perché è così costoso?

La particolare proprietà di essere un olio estratto a freddo, ha come conseguenza un prezzo di vendita maggiore rispetto ad altri tipi di oli extravergine.
Questo perché l’olio extravergine affiorato, rappresenta il fior fiore dell’olio. Non essendo sottoposto ad alcun processo di spremitura artificiale o di lavorazione specifica, è considerato un’eccellenza tra gli oli d’oliva. La sua nascita è dovuta ad un semplice processo di affioramento naturale. Pertanto, anche le quantità raccolte, sono molto inferiori rispetto al restante olio che invece verrebbe ricavato mediante le tipiche tecniche di estrazione.
Da gustare prevalentemente a crudo, l’olio extravergine affiorato, non essendo sottoposto ad alcuna forza estrattiva né di tipo centrifugo né di pressione, ha una consistenza corposa ed un gusto fruttato dai toni leggermente piccantini.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla newsletters

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Olio fruttato leggero, medio e intenso: quali sono le differenze? Fruttato leggero, medio e intenso sono aggettivi tipici del solo olio extravergine di oliva: il prodotto più nobile e pregiato ottenuto dalla lavorazi...
Perchè l’olio congela? Molto spesso capita di acquistare nel periodo autunno-inverno l'olio appena franto (magari presso un fratoiio) e, se conservato in un luogo freddo, di...
Quali sono i valori nutrizionali dell’olio di oliva? Da qualche anno a questa parte non si fa che parlare di diete sane ed equilibrate al punto che oggi sono moltissimi i consumatori attenti ai valori nu...
Olio nuovo o quello della spremitura dello scorso anno? L'olio extravergine di oliva è un vero e proprio toccasana per la nostra salute, ma per usufruire in pieno di tutte le sue qualità bisogna consumarlo ...
Olio Nuovo: quando e dove conviene comprarlo? L'Olio Extravergine d'Oliva nuovo, quello appena franto, rappresenta uno dei prodotti più ricercati dagli intenditori. Ma qual è il periodo più adatto...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *