Olio extravergine di oliva: formato da 500ml, 750ml e 5 litri

Bottiglia o lattina? Tante volte percorrendo le corsie dei supermercati hai visto file interminabili di bottiglie di olio e qualche confezione di latta. Scopri perchè scegliere la lattina di olio è la scelta migliore e qual è il formato idelae per te!

Confezione in vetro o latta?

La storia ci racconta che in passato l’olio veniva confezionato in latta, un materiale dal basso costo di lavorazione e facilmente trasportabile.

Nel corso del tempo le esigenze del cliente sono mutate e così anche il confezionamento dell’olio che sceglie il vetro, un materiale che permetteva al consumatore di valutare il colore dell’olio extravergine.

L’utilizzo del vetro è strettamente legato alla convinzione che un olio di un bel verde brillante sia sinonimo di qualità.
Il colore però è solo uno dei fattori da considerare nell’analisi dell’olio.
Non di minor importanza, il colore dell’olio può essere facilmente alterato aggiungendo clorofilla.

Ma c’è di più: la bottiglia di vetro trasparente permette alla luce solare e alla luce neon delle corsie dei supermercati di entrare all’interno della bottiglia danneggiando l’olio.

La bottiglia di olio anche se ben sigillata contiene infatti anche una piccola quantità di ossigeno. L’ossigeno viene sollecitato dalla luce e si innescano processi chimici che portano all’irrancidimento dell’olio.

Bottiglia di vetro = Olio rancido 

Questa relazione vale anche per le bottiglie di vetro scuro, verde o marrone.
Le bottiglie di vetro colorate infatti possono proteggere l’olio dalla luce solo per il 30%.

E allora, che confezione scegliere?

La latta è la scelta migliore:

  • Ha un altissimo potere coprente
  • Impedisce ai raggi solari e alla luce di penetrare all’interno
  • E’ facilmente trasportabile
  • Viene realizzata in un unico metallo e senza saldature.

Formati per i consumatori

In passato i formati più diffusi dell’olio extravergine di oliva erano le latte da 3 o 5 litri.
Con l’arrivo delle bottiglie di vetro sul mercato il formato più diffuso era in bottiglie da 1 litro.

Olio extravergine in formati da 500ml, 750ml e 5 litri

Oggi i formati più diffusi dell’olio extravergine sono quelli da 0,5 litri o 0,75 litri.

Come scegliere il formato migliore?

La scelta del formato spesso è molto semplice: si sceglie il formato più conveniente (e come darti torto).

Una scelta consapevole dovrebbe però tenere conto delle reali necessità della tua famiglia.

Ogni volta che apri la confezione di olio – che sia da 750 ml, da 500 ml o da 5 l – l’olio va incontro a un processo di ossidazione.

Con l’ossidazione le molecole di olio si ossidano con la conseguenza che:

  • L’olio diventa rancido
  • I benefici dell’olio svaniscono sempre di più

Ecco perché per esempio una persona che vive da sola dovrebbe acquistare una latta da 0,75 litri di olio extravergine o una latta da 0,5 litri.

Una famiglia numerosa invece potrebbe scegliere una confezione più grande.

Ricorda: risparmiare con formati convenienti non è quasi mai sinonimo di qualità!

Olio extravergine in formati 5 litri

La scelta del formato deve avvenire secondo lo stesso principio: in base alle tue necessità. 

Quanto olio consumi settimanalmente? Quanto mensilmente?

Fai una stima dei consumi e ricorda che più spesso apri una latta, e l’olio entra in contatto con l’ossigeno, più la qualità dell’olio peggiorerà.

Se consumi tanto olio, quasi sicuramente il formato di olio extravergine da 5 litri è quello che meglio si adatta alla tue esigenze.

Ristorazione: un’idea innovativa con le confezioni da 100 ml 

Secondo la Dott.ssa Clodoveo è necessario far nascere nuove esigenze nel consumatore che lo spingano ad accettare di pagare un costo aggiuntivo per soddisfare quel bisogno ancora sopito.

Ecco perché la nuova tendenza è la bottiglietta da 100 ml. Una confezione da aprire su richiesta del consumatore nel tuo ristorante, che possa poi essere tranquillamente portata a casa per proseguire l’esperienza d’assaggio anche a livello domestico.

Un modo per trasformare il pranzo o la cena in una vera e propria esperienza, da rivivere anche a casa.

 

Pensi che i prezzi dell’olio extravergine siano proibitivi o non sostenibili?
Ecco un grafico riassuntivo dell’andamento dei prezzi dell’olio extravergine di oliva nell’ultimo anno creato da ISMEA – Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare.andamento prezzi olio extravergine

E tu, che consumo fai di olio? Quale formato preferisci?
Dicci la tua opinione!

A cura di Dajana Mangherini,
laureata in scienze della mediazione linguistica per il marketing, la pubblicità e le relazioni pubbliche.

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Quali sono i fattori che influiscono sulla qualità degli oli di oliva? Per ottenere un olio extra vergine d’oliva con caratteristiche di qualità è necessario che tutte le operazioni, sia in fase di coltivazione dell’olio ...
Quanti polifenoli deve contenere l’olio extravergine di oliva? Di certo ti sarà capitato di sentir parlare di polifenoli in correlazione all’olio d’oliva. Ultimamente infatti sembra diventato un trend specificare ...
Perchè l’olio congela? Molto spesso capita di acquistare nel periodo autunno-inverno l'olio appena franto (magari presso un frantoio) e, se conservato in un luogo freddo, di...
La qualità dell’olio: ecco le 9 domande dei consumatori Sempre più il consumatore si pone domande per chiarire alcuni dubbi sull'olio di oliva e sui fattori determinanti della sua qualità. Ecco un raccolta ...
Ecco come fare l’olio di oliva in casa: ma conviene veramente? Secondo le ultime stime sulla contraffazione, l’olio extravergine di oliva è uno dei prodotti immessi sul mercato, più taroccato al mondo. Risale a qu...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *