ricette e piatti con olio nuovo

Olio nuovo: ingrediente principale per piatti e ricette prelibate

L’autunno è una stagione in cui la natura regala molti prodotti alimentari tipici della dieta mediterranea, tra questi un posto di pregio occupa l’olio nuovo che proprio in questa stagione può essere assaporato al meglio con ricette e piatti prelibati. Ecco perché e come.

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto? Lo ricevi 24-48 ore dopo la spremitura in frantoio. Introvabile!

Perchè condire i piatti con olio nuovo crudo

L’olio novello arriva direttamente dal frantoio e per alcuni mesi, circa 4, conserva qualità organolettiche uniche assaporabili gustandolo a crudo. In particolare, se ottenuto da olive di prima scelta provenienti da zone in cui la produzione è eccellente, come la zona del foggiano, è ricco di polifenoli ed antiossidanti che sono un vero e proprio toccasana per la salute e la prevenzione di molte patologie.
Come scoprire se l’olio utilizzato è un olio nuovo? Semplice si tratta di un prodotto che a crudo ha un retrogusto amarognolo, è molto più sapido rispetto all’olio già maturato e sulla lingua produce un certo pizzicore. Se ottenuto da spremitura a freddo, la migliore, ha anche un’acidità inferiore.
Gli antiossidanti permettono di prevenire l’invecchiamento cellulare, proprio per questo l’olio novello è considerato un alleato nella prevenzione di malattie come il morbo di Alzheimer. Ulteriori studi hanno fatto emergere la capacità protettiva dell’olio extravergine di oliva nei confronti di fegato e colon con potenzialità antitumorali.

Ricette con l’olio nuovo

Le ricette con olio nuovo realizzabili sono davvero numerose. Questo prodotto offre il suo meglio se assaporato a crudo, la ricetta più semplice è la bruschetta, infatti il pane caldo insaporito con aglio, sale e irrorato con olio crudo permette di sentire tutto il sapore dell’olio nuovo.

Il novello nei piatti a base di legumi permette di esaltare i sapori. In particolare il consiglio è di cucinare delle zuppe a base di legumi, come fagioli, ceci, legumi e, a cottura ultimata, dopo aver messo alla base del piatto dei crostini e la zuppa, condire con olio novello crudo. Tra i piatti da condire con olio nuovo a crudo vi è anche la zuppa umbra che è composta da cereali (orzo, farro, mais) e legumi (fagioli, ceci, fave, lenticchie). Gli ingredienti già lessati vengono fatti cuocere in un soffritto di lardo e cipolla a cui si aggiunge salsa di pomodoro ed erbe aromatiche.
Lo stesso procedimento può essere usato per le zuppe a base di pesce, come il tradizionale caciucco alla livornese.
Le ricette con olio nuovo crudo comprendono anche insalate crude e verdure lesse. Per chi ama sapori contrastanti è possibile condire anche ricette leggere come carne o pesce alla griglia. In questo caso la piccantezza dell’olio nuovo offre un piacevole contrasto con le carni delicate, in particolare pollo, tacchino, orata al cartoccio.
Per assaporare al meglio l’olio novello è possibile cucinare anche l’acquacotta, piatto tipico laziale a base di cicoria, pane raffermo, patate, pomodori, peperoncino, mentuccia e, ovviamente, acqua.
Questi sono solo alcuni piatti realizzabili con olio nuovo, come sempre la fantasia può aiutare a scoprire nuove ricette.

Vuoi sentire a tavola il profumo e l'aroma dell'olio nuovo?

OLIO CRISTOFARO

Olio 100% italiano, prodotto in Puglia da spremitura a freddo
Confezionato direttamente in frantoio per mantenere tutte le proprietà dell'olio appena franto e per sentire il profumo dell'uliveto. Dal frantoio alla tua tavola!
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *