Olio di oliva: alimento ricco di vitamina k

olio di oliva e vitamina k

L’olio di oliva è un prezioso alleato per la salute grazie all’elevato apporto di vitamine e in particolare di vitamina K. Ma vediamo quali sono le virtù e perchè è così importante questa vitamina.

Le mille virtù dell’olio extravergine di oliva

L’olio extravergine di oliva è sempre più spesso oggetto di studi approfonditi da parte di chi cerca attraverso l’alimentazione di avere tutto ciò che occorre per mantenersi in salute. Da tempo è stata dimostrata la funzione protettiva nei confronti di intestino e sistema digerente, al punto da essere considerato un alimento in grado di prevenire forme tumorali al colon. Tra i principi nutrizionali che rendono questo prodotto prezioso vi è la vitamina K. Questo prezioso elemento è prodotto anche dall’intestino, ma in quantità insufficiente rispetto al fabbisogno, ecco perché è bene integrare con la giusta alimentazione. In media in 100 grammi di olio di oliva vi sono 60 microgrammi di vitamina K, pari al 75% del fabbisogno. Ovviamente scegliere prodotti di qualità, realizzati con la molitura delle migliori olive, permette di avere tutti i benefici tipici del prodotto.

L’azione della vitamina K è rafforzata dalla presenza anche di vitamina E: un importante antiossidante. I benefici di questa vitamina sono notevoli infatti migliora l’aspetto della pelle, grazie all’effetto antinfiammatorio è utile a trattare l’artrite reumatoide, malattia genetica per la quale non c’è cura se non per alleviare i sintomi. Si tratta inoltre di una preziosa alleata per le donne in quanto previene la decalcificazione delle ossa tipica del periodo della menopausa.

L’importanza della vitamina K

Oltre ai benefici visti, la principale virtù della vitamina K è l’effetto coagulante. La K, infatti, sta per Koagulation e già ci dice qual è la prima funzione di questa preziosa alleata della salute: si tratta di un importante coagulante per il sangue. In caso di trauma o emorragia la presenza di un adeguata quantità di vitamina K nel sangue aiuta ad arginare le perdite. Una carenza di vitamina K si manifesta, oltre che con la difficoltà di coagulare del sangue in caso di emorragia, anche con lividi ed ecchimosi presenti sul corpo anche se aver subito particolari traumi, a volte basta un pizzico a creare lividi .

Fortunatamente avere un’adeguato apporto di questo prezioso elemento non è difficile perché la dieta mediterranea è ricca di alimenti che ne sono ricchi. Oltre all’olio di oliva, contengono vitamina K la lattuga, tutti gli ortaggi a foglia verde e ne sono ricchi i legumi. Ovviamente per avere il giusto apporto è bene scegliere prodotti di elevata qualità, come l’olio extravergine di oliva pugliese che unisce ad un sapore morbido e piacevole al palato, un apporto nutritivo di rilievo grazie alla particolare composizione del terreno e alla lavorazione dei frutti con tecniche tradizionali.

Deve essere sottolineato che l’uso di prodotti ricchi di vitamina K deve essere tenuto sotto controllo da chi ha bisogno di una terapia anticoagulante. Sebbene tale precisazione, l’olio di oliva non è nocivo per chi segue una terapia anticoagulante, l’importante è che nel complesso la dieta sia equilibrata. La presenza di vitamina K nell’olio di oliva è importante anche al fine di prevenire infarto ed ictus, in particolare nelle persone già a rischio. Infatti, evita la formazione di coaguli di sangue che sono particolarmente rischiosi. L’uso della vitamina K è raccomandato anche a coloro che soffrono di patologie epatiche e nei casi di particolare fragilità dei capillari.

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

OLIO PUGLIESE CONFEZIONATO IN FRANTOIO

Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo
Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla newsletters

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Oleocantale: le proprietà antinfiammatorie dell’olio di oliva Gli studi più recenti hanno dimostrato che gli effetti benefici dell'olio d'oliva per la salute non sono dovuti semplicemente all'azione del suo com...
I celiaci possono mangiare olive e condire le pietanze con olio d’oliva? L'olio e le olive non possono nuocere in alcun modo al celiaco, a patto che questi alimenti non entrino in contatto con cibi contenenti del glutine. ...
Foglie di olivo, creme e tisane: come possiamo utilizzarle? Le foglie di olivo vanno raccolte di primo mattino, quando la rugiada è appena evaporata, di preferenza nei mesi di aprile, maggio e giugno. Si elimin...
Sai perché bere l’olio d’oliva a digiuno fa bene? Fino a pochi anni fa si conoscevano le qualità dell'olio di oliva soprattutto se usato come condimento, a crudo, oppure in cottura. Oggi, invece, le p...
Contenuto fenolico e attività antiossidante dell’olio extra vergine di oliva Il contenuto fenolico di un olio vergine di oliva varia in funzione di alcuni fattori: cultivar, tecniche agronomiche, grado di maturazione, stoccaggi...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *