olio di oliva contro la stipsi

L’olio extra vergine: un rimedio naturale contro la stitichezza

L’olio di oliva a livello intestinale ha benefici effetti in quanto ha azione emolliente sul materiale fecale, stimola la secrezione della colecistochinina e promuove la peristalsi nell’intestino tenue.

Un argomento di grande impatto è la stipsi. Innanzitutto non si tratta di malattia ma semplicemente di un sintomo. Si ha stipsi quando vi sono meno di 2 evacuazioni a settimana, sono presenti feci dure o caprine, si ha la sensazione di evacuazione incompleta e/o con notevole sforzo evacuativo.

La stitichezza può essere primitiva o idiopatica oppure secondaria alla presenza di varie patologie. Strettamente associati alla stipsi, spesso conseguenti ad essa, sono i diverticoli del colon. Si tratta di protrusioni od erniazioni della mucosa del colon attraverso lo strato muscolare, formando un sacco in cui possono ristagnare feci, si possono creare punti di minore resistenza con conseguente infiammazione, emorragia, perforazione. Fattore importante nella patogenesi dei diverticoli e nella insorgenza di complicazioni è l’aumento della pressione addominale. È una patologia che aumenta in frequenza con l’età. È più frequente nei paesi industrializzati, specie nei centri urbani. Grande responsabilità nelle cause della stipsi e dei diverticoli risiede nella vita sedentaria e nella alimentazione incongrua, caratterizzata soprattutto da scarso contenuto in fibre.

Le fibre infatti:

  • richiamano acqua nel lume intestinale
  • fermentando, stimolano la crescita microbica
  • intrappolano piccole quantità di gas
  • aumentano la massa fecale accelerando il transito intestinale e riducendo la disidratazione del materiale contenuto nel colon.

È opportuno per la prevenzione della stipsi attuare le seguenti raccomandazioni:

  • seguire una dieta equilibrata e ricca in fibre; bere oltre 1,5 litri di acqua non gasata al giorno
  • aggiungere eventualmente un supplemento di fibre mediante assunzione di compresse di crusca almeno per 10-15 giorni al mese
  • cercare di evacuare sempre alla stessa ora
  • evitare purganti, perchè a lungo andare danneggiano la mucosa del colon
  • fare attività fisica.

L’olio di oliva a livello intestinale ha benefici effetti in quanto ha azione emolliente sul materiale fecale, stimola la secrezione della colecistochinina e promuove la peristalsi nell’intestino tenue.

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

Confezionato in frantoio per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Sai perché bere l’olio d’oliva a digiuno fa bene? Fino a pochi anni fa si conoscevano le qualità dell'olio di oliva soprattutto se usato come condimento, a crudo, oppure in cottura. Oggi, invece, le p...
Quante calorie possiede l’olio extravergine d’oliva? L'olio è l'alimento più utilizzato in cucina da millenni, senza di esso sarebbe quasi impossibile gustare i cibi della nostra tavola. Ma quante calori...
Foglie di olivo, creme e tisane: come possiamo utilizzarle? Le foglie di olivo vanno raccolte di primo mattino, quando la rugiada è appena evaporata, di preferenza nei mesi di aprile, maggio e giugno. Si elimin...
I 5 composti dell’olio extravergine d’oliva contro il cancro Sempre più spesso le ricerche scientifiche mettono in primo piano i vantaggi di un'alimentazione sana, utile a prevenire numerose patologie e tra ques...
Olio extra vergine di oliva e tumori Dagli studi epidemiologici è emerso chiaramente il ruolo della dieta mediterranea nella prevenzione dei tumori. In effetti nei Paesi Mediterranei (Por...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *