Olio di Oliva ed Eucalipto: tra Fragranza e Benessere
Mangia Sano e Naturale. Olio Artigianale dal Frantoio.

ACQUISTA ORA

Olio Pugliese da Spremitura a Freddo. 100% Italiano. SPEDIZIONE GRATUITA!
Confezionato in frantoio. Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.

Olio di Oliva ed Eucalipto sono due facce della stessa medaglia che se coniate insieme creerebbero un prodotto salutare e profumato. Realizzare un composto simile è un ottimo modo per regalarci benefici efficaci e veloci, allevia dolori e malesseri ed è anche profumatissimo. Scopri i due metodi che ti permettono di realizzarlo!

Le foglie dell’albero di eucalipto sono considerate un rimedio naturale in tutto il mondo proprio grazie alle loro proprietà antibatteriche e antimicotiche. Possono essere distillate e trasformate in un olio, che ha una triplice funzione:

  • può essere inalato
  • strofinato sul petto per ottenere benefici effetti
  • puoi anche aggiungere alcune gocce di olio di eucalipto all’acqua del bagno, per alleviare i dolori e i malesseri.

Chiunque può prepararlo, bastano solo alcuni semplici ingredienti: Eucalipto e Olio Extravergine di Oliva. Ecco qui due metodologie di realizzazione.

Eucalipto ed Olio Evo: Metodo 1

  • Ti serve una buona manciata di foglie, che corrisponda a circa 60 ml di volume per ogni 240 ml di olio di oliva che vuoi preparare.
  • Puoi trovare l’eucalipto anche presso i maggiori fioristi, in quanto è una pianta che viene aggiunta sempre volentieri in molte composizioni floreali.
  • Nelle regioni dai climi più caldi, puoi trovarlo in vendita presso i mercati agricoli o nei centri di giardinaggio.
  • Il momento migliore per tagliare le foglie è al mattino presto, quando contengono un’alta concentrazione di olio.
  • Lava le foglie sotto acqua corrente, risciacquale bene e poi lasciale asciugare. Puoi anche decidere di asciugarle con un panno o asciugamano pulito e asciutto.
  • Questo passaggio è particolarmente importante quando acquisti la pianta da un fiorista, perché le foglie potrebbero essere state trattate con qualche prodotto conservante.
  • Cerca di asciugarle il più possibile, ma se è rimasta un po’ d’acqua, lasciala evaporare.
  • Misura 240 ml di olio extravergine di oliva spremuto a freddo.
  • Se vuoi preparare una quantità inferiore, riduci le dosi di olio di oliva e delle foglie. Per esempio, se desideri farne 120 ml, usa una quantità di foglie equivalente a di 30 ml di volume.
  • Puoi anche prepararne una quantità maggiore, l’importante è rispettare sempre la proporzione volumetrica di 4 parti di olio per una parte di foglie.
  • Elimina le foglie dallo stelo e schiacciale delicatamente con le mani. Questo passaggio semplifica il processo di estrazione dell’olio con l’aggiunta di un dolce e delicato profumo di eucalipto sulle vostre mani.
  • Unisci l’olio di oliva e il materiale vegetale in una pentola a cottura lenta e a temperatura bassa. Chiudi la pentola con il coperchio. Dovresti vedere uno strato di olio di oliva che galleggia sulle foglie.
  • Lascia macerare la miscela per almeno sei ore. Più a lungo le foglie restano immerse nell’olio, più forte sarà l’olio di eucalipto.
  • Il profumo dell’olio fumante si propagherà velocemente in tutta la casa.
  • Versa l’olio attraverso un colino a maglia fine, dopo che si è raffreddato. Mettilo in un barattolo di vetro
  • È importante aspettare finché l’olio non si è ben raffreddato, prima di versarlo nel contenitore, per non rischiare che il vetro si rompa a causa dello sbalzo termico.
  • Usa un barattolo di vetro con chiusura ermetica e che sia accuratamente asciutto per evitare la formazione della muffa.
  • Metti un’etichetta sul contenitore.
  • L’olio dura circa 6 mesi dal momento della preparazione.
  • Se inserisci altre erbe oltre all’eucalipto, elencale sull’etichetta. Quelle che vengono usate più spesso sono salvia, lavanda, menta e rosmarino.
  • Se vuoi conservare l’olio per molto tempo, riponilo in frigorifero.

Olio Evo ed Eucalipto: Metodo 2

  • Procurati due barattoli di vetro con chiusura ermetica. Il primo serve per l’infusione, il secondo per conservare l’olio.
  • Verifica che i barattoli siano puliti e asciutti, perché delle tracce d’acqua o umidità potrebbero attivare lo sviluppo di muffa.
  • Il vasetto che serve per l’infusione può essere di vetro scuro o trasparente, mentre quello destinato alla conservazione dovrebbe essere necessariamente scuro.
  • Raccogli le foglie di eucalipto così come descritto nel primo metodo. Rispetta la stessa proporzione indicata nel metodo della pentola a cottura lenta (quattro parti di olio vettore per una di foglie). Per ogni 240 ml di olio, usa una quantità di foglie pari a 60 ml di volume.
  • Metti le foglie nel vaso coprendole con un leggero strato di sale marino. Il sale favorisce l’estrazione degli oli dalla materia vegetale.
  • Schiaccia le foglie sul fondo del recipiente usando il manico di legno di un lungo cucchiaio, per favorire il rilascio degli oli naturali.
  • Versa l’olio sul composto di sale ed eucalipto schiacciato. Lascialo a macerare per almeno due settimane, esponendo il contenitore al sole. Più tempo aspetti, più intenso sarà l’olio.
  • Controlla che il barattolo sia chiuso in maniera ermetica e agitalo di tanto in tanto, per mescolarne il contenuto. Scuotilo ogni 12 ore circa.
  • Il luogo dove lasci le foglie a macerare dovrebbe restare esposto al sole diretto per almeno 8-12 ore al giorno.
  • Filtra le foglie dall’olio versandolo attraverso un colino. Tieni il panno o il filtro sopra l’apertura del barattolo e travasa l’olio.
  • Il colino trattiene le foglie, che poi potrai buttare.
  • Pulisci il barattolo dall’olio in abbondanza usando un panno bagnato.
  • Aggiungi un’etichetta al contenitore.
  • L’olio dura circa sei mesi dalla data di preparazione.
  • Se hai utilizzato anche altre erbe oltre all’eucalipto, citale nell’etichetta.
  • Per una conservazione più duratura, puoi riporre l’olio in frigorifero.

Hai mai pensato di realizzare questo spettacolare “intruglio” per il tuo benessere fisico? Raccontaci cosa ne pensi!

A cura di Anna Angeloro.
Appassionata di scrittura, laureata in lettere e beni culturali.

Rimani aggiornato, iscriviti alla Newsletter!

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Combattere la depressione con l’Olio Extravergine di Oliva La depressione è una malattia che oggi interessa oltre 150 milioni di persone in tutto il mondo e rappresenta uno delle maggiori preoccupazioni di sa...
Troppo Olio Evo fa male? Scopriamolo! L'Olio Extravergine di Oliva è il condimento per eccellenza della Dieta Mediterranea. Ma l'Olio di Oliva se consumato in modo esagerato fa male o poss...
Effetto degli antiossidanti dell’olio extravergine di oliva Lo stress ossidativo può giocare un ruolo determinante nell'insorgenza di diverse malattie croniche come le patologie cardiocoronariche e il cancro. L...
Olio Evo e Sale: una nuova formula per la tua cervicale! Molte sono le persone che soffrono di cervicale e i farmaci sono gli unici rimedi che la gente conosce. Ma se non fosse così? Se ci fosse una nuova fo...
L’Olio di Oliva può essere Riscaldato? L'olio extravergine di oliva usato in cottura, per friggere e soprattutto riscaldato è salutare oppure no? Alcuni ricercatori australiani ne sono sicu...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *