Olio di Oliva ed Eucalipto: tra Fragranza e Benessere

Olio di Oliva ed Eucalipto sono due facce della stessa medaglia che se coniate insieme creerebbero un prodotto salutare e profumato. Realizzare un composto simile è un ottimo modo per regalarci benefici efficaci e veloci, allevia dolori e malesseri ed è anche profumatissimo. Scopri i due metodi che ti permettono di realizzarlo!

Le foglie dell’albero di eucalipto sono considerate un rimedio naturale in tutto il mondo proprio grazie alle loro proprietà antibatteriche e antimicotiche. Possono essere distillate e trasformate in un olio, che ha una triplice funzione:

  • può essere inalato
  • strofinato sul petto per ottenere benefici effetti
  • puoi anche aggiungere alcune gocce di olio di eucalipto all’acqua del bagno, per alleviare i dolori e i malesseri.

Chiunque può prepararlo, bastano solo alcuni semplici ingredienti: Eucalipto e Olio Extravergine di Oliva. Ecco qui due metodologie di realizzazione.

Eucalipto ed Olio Evo: Metodo 1

  • Ti serve una buona manciata di foglie, che corrisponda a circa 60 ml di volume per ogni 240 ml di olio di oliva che vuoi preparare.
  • Puoi trovare l’eucalipto anche presso i maggiori fioristi, in quanto è una pianta che viene aggiunta sempre volentieri in molte composizioni floreali.
  • Nelle regioni dai climi più caldi, puoi trovarlo in vendita presso i mercati agricoli o nei centri di giardinaggio.
  • Il momento migliore per tagliare le foglie è al mattino presto, quando contengono un’alta concentrazione di olio.
  • Lava le foglie sotto acqua corrente, risciacquale bene e poi lasciale asciugare. Puoi anche decidere di asciugarle con un panno o asciugamano pulito e asciutto.
  • Questo passaggio è particolarmente importante quando acquisti la pianta da un fiorista, perché le foglie potrebbero essere state trattate con qualche prodotto conservante.
  • Cerca di asciugarle il più possibile, ma se è rimasta un po’ d’acqua, lasciala evaporare.
  • Misura 240 ml di olio extravergine di oliva spremuto a freddo.
  • Se vuoi preparare una quantità inferiore, riduci le dosi di olio di oliva e delle foglie. Per esempio, se desideri farne 120 ml, usa una quantità di foglie equivalente a di 30 ml di volume.
  • Puoi anche prepararne una quantità maggiore, l’importante è rispettare sempre la proporzione volumetrica di 4 parti di olio per una parte di foglie.
  • Elimina le foglie dallo stelo e schiacciale delicatamente con le mani. Questo passaggio semplifica il processo di estrazione dell’olio con l’aggiunta di un dolce e delicato profumo di eucalipto sulle vostre mani.
  • Unisci l’olio di oliva e il materiale vegetale in una pentola a cottura lenta e a temperatura bassa. Chiudi la pentola con il coperchio. Dovresti vedere uno strato di olio di oliva che galleggia sulle foglie.
  • Lascia macerare la miscela per almeno sei ore. Più a lungo le foglie restano immerse nell’olio, più forte sarà l’olio di eucalipto.
  • Il profumo dell’olio fumante si propagherà velocemente in tutta la casa.
  • Versa l’olio attraverso un colino a maglia fine, dopo che si è raffreddato. Mettilo in un barattolo di vetro
  • È importante aspettare finché l’olio non si è ben raffreddato, prima di versarlo nel contenitore, per non rischiare che il vetro si rompa a causa dello sbalzo termico.
  • Usa un barattolo di vetro con chiusura ermetica e che sia accuratamente asciutto per evitare la formazione della muffa.
  • Metti un’etichetta sul contenitore.
  • L’olio dura circa 6 mesi dal momento della preparazione.
  • Se inserisci altre erbe oltre all’eucalipto, elencale sull’etichetta. Quelle che vengono usate più spesso sono salvia, lavanda, menta e rosmarino.
  • Se vuoi conservare l’olio per molto tempo, riponilo in frigorifero.

Olio Evo ed Eucalipto: Metodo 2

  • Procurati due barattoli di vetro con chiusura ermetica. Il primo serve per l’infusione, il secondo per conservare l’olio.
  • Verifica che i barattoli siano puliti e asciutti, perché delle tracce d’acqua o umidità potrebbero attivare lo sviluppo di muffa.
  • Il vasetto che serve per l’infusione può essere di vetro scuro o trasparente, mentre quello destinato alla conservazione dovrebbe essere necessariamente scuro.
  • Raccogli le foglie di eucalipto così come descritto nel primo metodo. Rispetta la stessa proporzione indicata nel metodo della pentola a cottura lenta (quattro parti di olio vettore per una di foglie). Per ogni 240 ml di olio, usa una quantità di foglie pari a 60 ml di volume.
  • Metti le foglie nel vaso coprendole con un leggero strato di sale marino. Il sale favorisce l’estrazione degli oli dalla materia vegetale.
  • Schiaccia le foglie sul fondo del recipiente usando il manico di legno di un lungo cucchiaio, per favorire il rilascio degli oli naturali.
  • Versa l’olio sul composto di sale ed eucalipto schiacciato. Lascialo a macerare per almeno due settimane, esponendo il contenitore al sole. Più tempo aspetti, più intenso sarà l’olio.
  • Controlla che il barattolo sia chiuso in maniera ermetica e agitalo di tanto in tanto, per mescolarne il contenuto. Scuotilo ogni 12 ore circa.
  • Il luogo dove lasci le foglie a macerare dovrebbe restare esposto al sole diretto per almeno 8-12 ore al giorno.
  • Filtra le foglie dall’olio versandolo attraverso un colino. Tieni il panno o il filtro sopra l’apertura del barattolo e travasa l’olio.
  • Il colino trattiene le foglie, che poi potrai buttare.
  • Pulisci il barattolo dall’olio in abbondanza usando un panno bagnato.
  • Aggiungi un’etichetta al contenitore.
  • L’olio dura circa sei mesi dalla data di preparazione.
  • Se hai utilizzato anche altre erbe oltre all’eucalipto, citale nell’etichetta.
  • Per una conservazione più duratura, puoi riporre l’olio in frigorifero.

Hai mai pensato di realizzare questo spettacolare “intruglio” per il tuo benessere fisico? Raccontaci cosa ne pensi!

A cura di Anna Angeloro.
Appassionata di scrittura, laureata in lettere e beni culturali.

Altri articoli che ti potrebbero interessare

L’olio d’oliva: potente toccasana per le labbra screpolate Le labbra screpolate soprattutto d'inverno sono un vero e proprio problema. A causa del vento, delle temperature basse, sulla delicata pelle  delle la...
Un seminario sugli effetti benefici dell’olio d’oliva Giovedì 7 gennaio 2010 all'Hotel Nikko di San Francisco, in California, si è tenuto il seminario intitolato Health Benefits of Olive Oil (gli effetti ...
Perchè l’olio diventa rancido? Affinché l'olio conservi tutte le sue proprietà organolettiche e quindi sia un prezioso alleato per la salute, deve essere sia di buona qualità che be...
I polifenoli: cosa sono e quali benefici apportano? I polifenoli sono sostanze antiossidanti in grado di garantire una vera e propria azione terapeutica: si trovano nell'olio, nel vino e in altri alimen...
Olio Extravergine d’Oliva Nutraceutico Più lo studiano, lo analizzano e lo esaminano e più l’Olio Evo si rivela un elisir di lunga vita. L’olio extravergine d’oliva non è solo il principe d...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *