L’olio extravergine di oliva fa bene al colesterolo?

L'olio di oliva fa bene al colesterolo
Mangia sano. Degusta l'Olio Nuovo 2018 direttamente dal Frantoio

ACQUISTA ORA

Olio prodotto in Puglia da Spremitura a Freddo. 100% Italiano.
Confezionato in frantoio. Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.

L’olio extravergine è un rimedio naturale contro il colesterolo cattivo, causa di malattie cardiovascolari come ictus e infarto. Molti studi hanno dimostrato che qualche cucchiaio di olio e un po’ di vino rosso sono il rimedio migliore per aumentare il colesterolo buono e contrastare quello cattivo. Scopri perchè!

I benefici dell’olio extravergine secondo il Professor Vestita


L’olio extravergine di oliva dovrebbe essere venduto in farmacia. E’ questa la frase di apertura dell’intervista al Professor Ciro Vestita, docente all’Università di Pisa, che durante la puntata de Il mio medico illustra le proprietà benefiche dell’olio extravergine d’oliva.

Rimedio per aritmie cardiache

Le ricerche scientifiche a favore dell’olio extravergine sono davvero tante e dimostrano che l’olio d’oliva è fondamentale per tutti i soggetti che soffrono di aritmie cardiache.

Il dosaggio consigliato è abbastanza alto, secondo il Professore bisognerebbe assumere:

  • Un cucchiaio al mattino
  • Due cucchiai a pranzo
  • Due cucchiai a cena

Rimedio per extrasistole 

L’olio extravergine è ideale anche per chi soffre di extrasistolia e anche per gli sportivi che soffrono di questo disturbo che hanno notato evidenti miglioramenti con l’assunzione di olio extravergine.

Rimedio per la stipsi 

L’olio d’oliva é fisiologicamente antistipsi.
Secondo le stime il 30% degli italiani soffre di stipsi e sceglie di curarsi con pasticche a base di erbe che però reagiscono per irritazione intestinale e non sono quindi benefiche.

L’olio d’oliva invece é benefico contro la stipsi.

Rimedio per l’Alzheimer 

L’olio d’oliva contiene una molecola chiamata Oleocantale che pare sia importante per la profilassi dell’Alzheimer.

Antitumorale naturale

Contiene polifenoli antitumorali.

Una sola cosa da tenere a mente: l’olio deve essere fatto bene, in caso contrario diventa un pasticcio.

Olio extravergine e colesterolo

I dubbi in merito a questo tema sono moltissimi e altrettante sono le domande che provengono dai nostri lettori:

  • L’olio di oliva ha il colesterolo?
  • L’olio oliva abbassa colesterolo o lo aumenta?
  • L’olio d’oliva fa bene al colesterolo?

Per rispondere a queste domande abbiamo fatto fede alle parole del Professor Vestita, che durante la trasmissione Il mio medico ha spiegato come l’olio extravergine sia un rimedio contro il colesterolo cattivo, spesso causa di malattie cardiovascolari.

Il colesterolo è comunemente conosciuto come “colesterolo buono” e “colesterolo cattivo”.
La parte buona del colesterolo é chiamata HDL ed é la componente che protegge l’organismo dal colesterolo cattivo.
Le case farmaceutiche hanno investito tantissimo per creare un farmaco che potesse alzare l’HDL ma senza risultati.
L’olio di oliva unito ad un po’ di vino rosso invece è in grado di aumentare l’HDL, un esempio di come l’alimentazione corretta possa essere spesso un rimedio contro alcuni disturbi.

L’olio extravergine poi ha un altro importantissimo potere: è in grado di estrarre molte più vitamine contenute negli alimenti dei comuni oli di semi utilizzati per il condimento.

Questo perché le olive sono un estrattore naturale di vitamine e permettono quindi di veicolare attraverso l’olio molte più vitamine all’interno del sangue.

Un cucchiaio di olio extravergine di oliva al mattino combatte:

  • Colesterolo alto
  • Pressione alta
  • Colite
  • Stipsi

Quanto olio assumere? 

Secondo il Professore Vestita il fabbisogno di olio extravergine di oliva varia in base all’attività fisica di ciascun individuo.

Se il soggetto è molto attivo, come per gli adolescenti, consiglia anche 6-7 cucchiai di olio extravergine al giorno.

Per chi invece vive una vita sedentaria, come chi per esempio lavora in ufficio, anche 2-3 cucchiai di olio extravergine al giorno sono sufficienti.

E se volessi farmi una bella frittura che olio uso? E poi, l’olio d’oliva usato per friggere fa male?
Un recente studio dell’Università di Madrid ha seguito per vent’anni 800.000 persone dimostrando che mangiare un fritto una volta la settimana fatto con olio d’oliva non crea problemi al fegato.

E tu come preferisci usare l’olio extravergine?

A cura di Dajana Mangherini, laureata in scienze della mediazione linguistica per il marketing, la pubblicità e le relazioni pubbliche.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla newsletters

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Crosta lattea nei neonati: quale olio usare per la rimozione? Il suo primo vagito segna l’ingresso nel mondo, tutto comincia così con una serie di incredibili emozioni! Un grande viaggio nel quale una mamma, un p...
Olio di oliva contro le Screpolature da Raffreddore L’autunno è la stagione delle influenze che colpiscono anziani, adulti e bambini di ogni età. I mali di stagione sono dietro l’angolo: basta fare due ...
Olio extra vergine d’oliva: un “farmaco” contro diabete e arterioscleros... Da tempo sono conosciute le proprietà dell'olio extravergine di oliva e in particolare di quello proveniente dalla Puglia ma ora emergono novità ancor...
Olio Evo e Lipidi: tra grassi buoni e cattivi! L’Olio Extravergine di Oliva è una sostanza lipidica e come ogni lipide è costituito da trigliceridi. Questo permette all’Olio Evo di conservarsi più ...
Olio di Oliva e Alloro: un potente Analgesico Naturale Non tutti sanno che l’Olio Evo abbinato all'Alloro diventa un ottimo analgesico naturale. Ma non solo, è ottimo anche da usare in cucina come condimen...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *