Olio di oliva per la cura della barba

come curare la barba con olio di oliva
Mangia sano. Degusta l'Olio Nuovo 2018 direttamente dal Frantoio

ACQUISTA ORA

Olio prodotto in Puglia da Spremitura a Freddo. 100% Italiano.
Confezionato in frantoio. Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.

Grazie a tutte le sue innumerevoli proprietà, l’olio di oliva trova largo uso anche in campo cosmetico, soprattutto lì dove subentra la necessità di un prodotto capace di esplicare un’attività lenitiva, emolliente, idratante e rinvigorente. Scopriamo alcune delle sue applicazioni per la cura della barba.

Idratazione del pelo

La barba ha bisogno di cura ed attenzione e se si intende portarla un po’ più lunga bisogna farlo con stile. Uno dei modi migliori per portarla con eleganza è idratare la pelle e le cuticole del pelo che solitamente molto ispidi. L’olio di oliva si rivela incredibilmente utile a questo doppio scopo, perché riesce ad unire l’azione idratante a quella emolliente: la prima serve a disciplinare il pelo duro e spesso della barba maschile, mentre la seconda serve a proteggere la cute da eventuali irritazioni conseguenti.

Applicando poche gocce di olio di oliva sulla barba a giorni alterni (o anche quotidianamente, se si tratta di una barba particolarmente dura e poco disciplinata), si ottiene una completa idratazione del pelo, in quanto a differenza di creme o altri cosmetici specifici solo per il viso, l’olio di oliva riesce a penetrare a fondo nelle cuticole, proteggendole e nutrendole. Inoltre, riesce anche a raggiungere la pelle e ad esercitare la sua importante azione nonostante la barriera della barba stessa.

Effetto ammorbidente

Poiché il pelo della barba risulta sempre molto più grosso, spesso e duro rispetto a quelli del corpo o ai capelli, l’olio di oliva applicato su di esso agisce anche con un effetto ammorbidente e nel tempo la rende meno ispida e più setosa al tatto. Il pelo si nutre di tutti i principi benefici contenuti nell’olio di oliva e, nel tempo, diventa più lucido, corposo, sano ma soprattutto disciplinato e ordinato.
In alcuni casi può essere utile anche effettuare sulla barba dei veri e propri impacchi di olio di oliva, in modo da amplificarne gli effetti e migliorarne la penetrazione in profondità.

Quando la si vuol far crescere, sarebbe buona abitudine applicare quotidianamente dell’olio di oliva sulla barba sin dal momento in cui essa è ancora molto corta, quasi incolta. In questo modo, man mano che la lunghezza della barba aumenterà il pelo sarà sempre più morbido e modellabile, rendendo così semplice e veloce la gestione del taglio e della pettinatura. Il pelo ne guadagnerà anche in lucidità, mentre la pelle non rischierà di irritarsi a causa di residui di prodotti cosmetici artificiali, ricchi di sostanze chimiche; infine, si otterranno miglioramenti della crescita, che risulterà regolare e corposa.

E tu hai mai curato la tua barba con olio di oliva?

A cura della redazione di Olio Cristofaro

 

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla newsletters

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Olio di oliva e zolfo: azione antibatterica e purificante L'olio d'oliva e zolfo celano delle importanti proprietà per la salute dell'organismo e per il benessere della pelle, in particolare lo zolfo garantis...
Olio di oliva per i capelli: come utilizzarlo? L’olio di oliva è un alimento immancabile in cucina ma è anche un ottimo alleato per la cura del nostro corpo e per il nostro benessere. Scopri come ...
Olio di oliva per la cura del viso L'Olio Extravergine di Oliva non è solo un importante ingrediente della Dieta Mediterranea e un condimento dal sapore speciale, ma anche un elisir di ...
Come preparare l’olio di oliva alla curcuma con pepe nero La curcuma è una spezia asiatica ricca di virtù nutrizionali, scopri tutti i suoi benefici e come migliorare l’assorbimento della curcumina attraverso...
Aloe e Olio di Oliva per la cura del corpo L’olio di oliva è da sempre uno degli ingredienti principali delle ricette di bellezza che già le nostre nonne utilizzavano per prendersi cura del pro...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *