olio di oliva per rinforzare le unghie
Mangia Sano e Naturale. Olio Artigianale dal Frantoio.

ACQUISTA ORA

Olio Pugliese da Spremitura a Freddo. 100% Italiano. SPEDIZIONE GRATUITA!
Confezionato in frantoio. Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.

Grazie a tutte le sue innumerevoli proprietà lenitive, emollienti, idratanti e rinvigorenti, l’olio di oliva trova largo uso in campo cosmetico, in particolare per la cura delle unghie. Vediamo insieme come beneficiarne.

Rinforzare le unghie con Olio di Oliva

Unghie di mani e piedi possono beneficiare di tutti i principi attivi dell’olio di oliva. Infatti, questo importante alimento genuino, possiede tutte le proprietà in grado di migliorare la struttura, l’estetica e la crescita dei tessuti tegumentari, ovvero pelle, peli, capelli e unghie.

Se le unghie sono molto fragili, tendono a spezzarsi, a sfaldarsi o a piegarsi e non riescono a crescere oltre una determinata lunghezza, potrebbero essere carenti di alcuni componenti essenziali che troviamo, invece, nell’olio di oliva.
Settimanalmente, quindi, in occasione di manicure e pedicure si potrà optare per un trattamento cosmetico di bellezza e cura a base di olio di oliva. Subito dopo aver lasciato in ammollo mani e piedi in una bacinella di acqua calda, con poche gocce di olio di oliva si andranno a massaggiare le unghie, una per una, fino al completo assorbimento. Questa procedura fa sì che l’olio di oliva crei sulla superficie delle unghie uno strato protettivo e, profondamente, un nutrimento ideale ad irrobustirle e a farle crescere più forti e sane.

Allungare le unghie con Olio di Oliva

Le unghie trattate abitualmente con l’olio di oliva riescono ad allungarsi più facilmente, soprattutto se il trattamento viene eseguito con regolarità: le unghie risulteranno maggiormente nutrite, tenderanno ad essere più elastiche e conseguentemente si spezzeranno e si sfalderanno sempre meno. Allo stesso tempo, si potrà osservare un aumento dello spessore della lamina ungueale che diventerà, così, sempre meno sottile e fragile.

Affinché si possano ottenere questi risultati è però necessaria la costanza nell’applicazione, ma soprattutto l’attenzione a far sì che l’olio riesca a penetrare nella lamina ungueale con il massaggio, fino al suo completo assorbimento. Anche l’ammollo in acqua calda è fondamentale, perché consente alle lamine di allargarsi e di facilitare la penetrazione a fondo dell’olio di oliva. Inoltre, il calore ammorbidisce la struttura della lamina ungueale consentendo così all’olio di inserirsi in ogni singola intercapedine presente. Il nutrimento ottenuto con un trattamento a base di olio di oliva, per giunta, eviterà la formazione di cuticole, grazie ad un’azione ammorbidente periferica ed indiretta, che le renderà morbide e quindi regolari.

E tu hai mai trattato le tue unghie con olio di oliva?

A cura della redazione di Olio Cristofaro

Rimani aggiornato con i contenuti del nostro blog. Iscriviti alla Newsletter!

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Olio di oliva e miele: ricette e trattamenti di bellezza Il connubio tra olio di oliva e miele è afrodisiaco tanto per il corpo quanto per il palato. Scopri come utilizzare olio e miele per prenderti cura de...
Olio di oliva e zolfo: azione antibatterica e purificante L'olio d'oliva e zolfo celano delle importanti proprietà per la salute dell'organismo e per il benessere della pelle, in particolare lo zolfo garantis...
Capelli secchi e danneggiati? Prova un rimedio naturale all’olio di oliva! Ingrediente naturale utilizzato sin dall'antichità per idratare e nutrire i capelli in profondità, l'olio di oliva risulta un potente alleato per rist...
Il connubio tra olio di oliva e yogurt: dal benessere all’alimentazione Come disse Ippocrate, il corpo umano è un tempio e come tale va curato e rispettato. Partendo da questo presupposto, possiamo sfruttare al massimo i n...
Olio di oliva e zucchero per viso e labbra Nutriente, esfoliante - ma soprattutto goloso - lo scrub è un trattamento per il corpo realizzato con prodotti naturali e facilissimi da reperire, un ...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *