Olio di oliva come rimedio naturale per lenire le ferite

Ecco come prenderci cura di ferite e cicatrici senza usare particolari medicinali ma solo prodotti che ci offre la terra come l’Olio Extravergine di Oliva! Ecco qui alcuni consigli utili su come prendersi cura delle ferite accelerandone la cicatrizzazione.

Olio di Oliva rimedio naturale per accelerare la cicatrizzazione delle ferite

Le pelle è il nostro miglior scudo protettivo verso le aggressioni esterne. Conferisce al nostro organismo una protezione di tipo:

  • Meccanico
  • Chimico
  • Contro le variazioni di temperatura

Questo però, la rende uno degli organi che subisce più danni molti dei quali visibili e che possono avere ripercussioni abbastanza gravi.
Stimolarne la guarigione con rimedi naturali è una scelta efficace e coraggiosa perché in molti preferiscono un prodotto chimico ad uno naturale e biologico.
Il Dottor Giovanni Scapagnini, del Dipartimento di Medicina e Scienza per la salute dell’Università del Molise, ha affermato che gli alimenti indicati per accelerare la guarnigione sono il tè, la curcuma, il cacao e l’Olio Evo.

Il processo di guarigione delle ferite comporta l’attività di una rete intricata di eventi biologici che coinvolgono cellule del sangue, mediatori tissutali, citochine e fattori di crescita. Ciò si traduce in una maggiore attività cellulare che determina un’accelerazione del metabolismo e un aumento del fabbisogno energetico.
Un apporto proteico adeguato è assolutamente essenziale per una corretta guarigione della ferita. Nello specifico, alcuni studi sperimentali e clinici hanno evidenziato l’importanza di assicurare adeguati livelli tissutali di arginina e glutamina, aminoacidi in grado di influenzare la guarigione delle ferite e la funzione immunitaria.

Miglior alleato per la cicatrizzazione delle ferite è proprio l’Olio di Oliva grazie al contenuto di polifenoli, idrossitirosolo ed oleuropeina. Il Dottor Scapagnini afferma, in proposito:

Ottimizzare aspetti legati alla qualità della guarigione delle ferite, e un recente studio clinico ha dimostrato l’efficacia dell’assunzione di olio di oliva nel ridurre i tempi di guarigione post chirurgici.

L’olio di oliva non è utile solo se servito sulle nostre tavole o dal punto di vista cosmetico, ma dà supporto farmaceutico per aiutare a rimarginare le ferite tramite un processo complesso metabolico.
In merito a questo, uno dei composti presente all’interno dell’olio di oliva che aiuta a cicatrizzare e riparare i tessuti è lo squalene.

Il ruolo dello squalene esercitato nell’immunomodulazione dei macrofagi proinfiammatori suggerisce come questo composto, presente nell’olio di oliva, giova alla riparazione dei tessuti e alla cicatrizzazione delle ferite.
Questo è quello che è stato osservato dopo uno studio condotto dall’Università spagnola di Jean.

Questo piccolo passettino è stato fatto per accertare successivamente come trattare malattie infiammatorie che hanno a che vedere con la sindrome dell’intestino irritabile.

La squalene stimola la cellula immunitaria innata per favorire la guarigione di ferite e per la riparazione dei tessuti.
È il principale composto minore dell’Olio di oliva tanto da reagire contro tutti i segnali di stress chimici, fisici, batterici ed esogeni tanto da proteggerne la pelle.

Quante volte, mente siamo intente a cucinare o pulire casa, distrattamente e forse senza nemmeno accorgercene, ci provochiamo delle piccole ferite o bruciature? Continuamente è la risposta che tutte le donne darebbero e il processo di cicatrizzazione potrebbe andare avanti nel tempo.

Anche qui, l’olio di oliva, entra in campo per vincere la partita! Vediamo come

Crema per lenire le ferite con Olio Evo

Cosa occorre

  • C’era d’api
  • Olio di germe di grano
  • Propoli in soluzione idroalcolica
  • Olio di oliva
  • Olio essenziale di lavanda
  • Vasetti di vetro

Procedimento

  1. Sterilizzare i vasetti con dell’alcol a 95°, immergerli successivamente in acqua bollente per 5 minuti circa
  2. Asciugare i vasetti senza lasciare tracce di acqua
  3. Sciogliere la cera d’api con l’olio di oliva e l’olio di germe di grano a bagnomaria
  4. Mescolare il tutto con un bastoncino di legno (anche il bastoncino deve essere sterilizzato)
  5. Quando la cera d’api è ormai sciolta, aggiungere il propoli e l’olio essenziale di lavanda
  6. Mescolare il tutto
  7. Versare il composto ottenuto all’interno dei vasetti e lasciar raffreddare
  8. Adesso non vi resta che applicare la crema sulle ferite
  9. Questa, favorirà il processo di cicatrizzazione e al tempo stesso la disinfetterà.

Ed anche qui l’Olio di oliva assume un ruolo importante. Realizza questa crema e raccontaci la tua esperienza!

A cura di Anna Angeloro.
Appassionata di scrittura, laureata in lettere e beni culturali.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *