la ricetta dei peperoncini sott'olio ricetta pugliese

Come preparare i peperoncini sott’olio: la ricetta pugliese

I peperoncini sott’olio sono una ricetta tipica pugliese molto apprezzata e facile da preparare in casa. Gli amanti del piccante possono ricorrere a questa specialità per gustare uno sfizioso un antipasto oppure per condire vari piatti.

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto? Lo ricevi 24-48 ore dopo la spremitura in frantoio. Introvabile!

I peperoncini sott’olio: ingredienti e preparazione

Tra le numerose ricette della tradizione pugliese si trovano i peperoncini sott’olio, una specialità genuina che nasce precisamente a Molfetta ed è indicata soprattutto per gli amanti della cucina biologica. Il periodo migliore per preparare questo tipo di conserva è la fine dell’estate: basterà munirsi di vasetti ben sterilizzati nei quali poter disporre i peperoni a crudo sott’olio dal sapore intenso.
I peperoncini sott’olio sono ideali per arricchire gli antipasti oppure si possono abbinare al condimento di bruschette, piadine, pizze e frise.
Gli ingredienti necessari per preparare questa ricetta sono:

  • 1 kg di peperoni
  • olio extravergine di oliva
  • sale, 2 spicchi d’aglio
  • 2 peperoncini piccanti
  • e infine del prezzemolo.

Prendere i peperoni, lavarli e asciugarli con cura, dopodiché rimuovere il gambo, smezzarli e togliere i vari semi o filamenti. Con l’aiuto di forbici da cucina tagliare i peperoni a listarelle e in seguito tagliarli nuovamente a quadretti. Eseguire lo stesso procedimento per i peperoncini piccanti e mettere i peperoni all’interno di uno scolapasta. Sopra ogni strato di peperoni aggiungere del sale grosso e per togliere l’acqua in eccesso è consigliabile coprirli con un piatto o un coperchio sul quale appoggiare una pentola contenente dell’acqua e lasciare riposare per circa 48 ore.

Una volta trascorso questo arco di tempo occorre verificare la quantità di acqua eliminata: se è poca bisogna aumentare il peso fino a quando le verdure non risultino completamente prive di acqua. A questo punto si può procedere tritando l’aglio, i peperoncini, il prezzemolo ed unire il tutto con i peperoni, avendo cura di mescolare gli ingredienti accuratamente per poi versarli all’interno dei vasetti che dovranno risultare abbastanza compressi. Coprire completamente i barattoli con l’olio extravergine di oliva e chiuderli ermeticamente per completare la preparazione dei peperoncini sott’olio a pezzetti.
Chi desidera una ricetta più sfiziosa può optare per i peperoncini sott’olio con tonno, riempendoli con il composto di tonno prima di riporli dentro i recipienti.

Come conservare i peperoncini sott’olio

Per una corretta conservazione dei peperoncini sott’olio è necessario riporre i vasetti in un luogo fresco e lontano da fonti di calore, per questo motivo è consigliabile prediligere un posto buio oppure è possibile riporli in frigorifero. Trascorse le 24 ore dalla preparazione della ricetta occorre verificare che la quantità di olio sia sufficiente, nel caso in cui risulti diminuita a causa dell’assorbimento degli ingredienti è necessario aggiungerne altro.
La ricetta dei peperoncini sott’olio può essere gustata già dopo alcuni giorni, tuttavia è preferibile conservarla per almeno uno o due mesi prima di utilizzarla in modo tale che gli ingredienti si siano ben insaporiti ed è importante consumare la conserva entro un anno dalla preparazione.
In alternativa, anziché effettuare la cottura in padella, si possono preparare i peperoncini sott’olio aceto unendo dell’acqua ed eseguendo un’ulteriore bollitura dei vasetti chiusi per circa 30 minuti.
Un’altra variante è quella di preparare i peperoncini sott’olio interi, preferibilmente verdi poiché sono più consistenti, prediligendo in questo caso la soluzione sott’aceto.

Vuoi sentire a tavola il profumo e l'aroma dell'olio nuovo?

OLIO CRISTOFARO

Olio 100% italiano, prodotto in Puglia da spremitura a freddo
Confezionato direttamente in frantoio per mantenere tutte le proprietà dell'olio appena franto e per sentire il profumo dell'uliveto. Dal frantoio alla tua tavola!
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *