come preparare i pomodori confit al forno sott'olio

Pomodori confit sott’olio al forno: ecco come prepararli!

I pomodori confit sott’olio al forno sono squisiti. Dotati di un gusto caramellato e speziato, possono essere utilizzati per condire la pasta, possono essere introdotti nelle insalate o serviti da contorno a scaloppine di pollo, straccetti di manzo o pesce. Vediamo come si preparano questi deliziosi e genuini pomodorini.


Ecco un video offerto da Ricette che Passione su come preparare i pomodori Confit al forno sott’olio. Buona visione!

Come preparare i pomodori confit sott’olio al forno

Questi pomodorini succulenti vanno cotti prima di tutto in forno e poi adagiati sott’olio servendosi di barattoli capienti. La preparazione è semplice, basta procurarsi: 600 grammi di pomodori, lavarli bene e poi lasciarli asciugare su di un canovaccio pulito. Tagliare i pomodori a metà e adagiarli in una teglia ricoperta dalla carta forno con la parte tagliata rivolta verso l’alto.

Procedere a condire i pomodorini con:

  • abbondante sale
  • pepe
  • un cucchiaio di zucchero di canna
  • origano
  • 10 rametti di timo
  • 600 grammi di olio extravergine d’oliva.

Abbondando un pò con gli ingredienti i pomodori sprigioneranno un delizioso sapore, anche perchè durante la permanenza dell’ortaggio nell’olio si perderà un pò di aroma. Per questa ricetta le dosi indicate sono approssimative, bisognerà procedere a proprio gusto arricchendo il delizioso contorno e regalando un’intensità giusta.

La temperatura ideale del forno ventilato è di 120°, i pomodori dovranno stare in cottura per circa 2 ore, finché non si asciugano completamente. Dopo l’essiccatura, i gustosi pomodorini raffreddati andranno adagiati in barattoli di vetro sterilizzati. Adagiando una fettina d’aglio che esalterà il sapore genuino della pietanza e due dita d’olio, si procederà poi a riporre i pomodori in barattolo fino a tre quarti, riempiendolo di olio. Chiudendo il barattolo ermeticamente, i pomodori confit sott’olio al forno si potranno consumare nell’arco di due mesi.

Segreti e consigli sui pomodori confit

La conservazione dei pomodori confit si può prolungare oltre i due mesi utilizzando il sottovuoto. Basterà adagiare un canovaccio in una grossa pentola, riporvi i barattoli e riempire d’acqua il contenitore, fino a raggiungere le due dita oltre il livello dei tappi. Quando l’acqua giunge a ebollizione, si aspetta ancora una mezz’ora prima di spegnere il fuoco. Tener cura di far raffreddare l’acqua prima di prelevare i barattoli, che andranno riposti in un luogo fresco e buio. É opportuno inoltre optare per dei pomodori ciliegino o datterini, dotati di una polpa succosa e un gusto dolciastro. I pomodori più grandi possono essere cotti mediante la procedura confit ma bisognerà aspettare più a lungo l’evaporazione dell’acqua di vegetazione.

Il gusto semplice e raffinato dei pomodorini in tavola stuzzicherà l’appetito di tutti. Sarà possibile aprire un delizioso pranzo servendo uno squisito antipasto composto da bruschette ai pomodori confit. Questo delizioso ingrediente potrà poi essere aggiunto a una pasta con il tonno, per amplificare il sapore del pesce e donargli un retrogusto agrodolce o cucinare un bel risotto con pomodori confit, gustoso, fresco e leggermente sapido.

Una curiosità sui pomodori confit: il loro nome deriva dalla parola “confire” che nella lingua francese significa conservare, preservare. Ecco perchè l’aggettivo viene associato a tutte quelle preparazioni che richiedono una cottura lenta e un condimento caramellato con zucchero o aceto. Ultimamente tra i grandi chef si è diffusa la moda di confittare anche il pollo, l’anatra, il maiale, anche se la tradizione del confit è legata al pomodoro, che risulta molto più carnoso e gustoso dei pomodori secchi, anche se passito.

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

Confezionato in frantoio per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Il connubio tra olio di oliva e yogurt: dal benessere all’alimentazione Come disse Ippocrate, il corpo umano è un tempio e come tale va curato e rispettato. Partendo da questo presupposto, possiamo sfruttare al massimo i n...
Come preparare e conservare le olive sott’olio Le olive sott'olio, siano esse verdi o nere, sono una vera e propria squisitezza perfetta da gustare come aperitivo o come contorno. Vediamo come prep...
Pomodori secchi sott’olio? Ecco alcune ricette per prepararli e conservarli Con la bella stagione e il calore dell'estate, la regione della Puglia si colora delle tradizionali distese di pomodori lasciati ad essiccare al sole....
Le frodi più frequenti e le differenze qualitative con gli oli di semi È bene diffidare di venditori occasionali privi di licenza che non rilasciano documenti di vendita. Per la frittura vengono spesso utilizzati gli oli ...
L’olio extravergine di oliva fa ingrassare? Il tempo passa e il dubbio rimane: in moltissimi credono ancora che l’olio di oliva, specie se crudo, faccia ingrassare. Il National obesity forum e i...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *