olive verdi e nere sott'olio: come prepararle e conservarle

Come preparare e conservare le olive sott’olio

Le olive sott’olio, siano esse verdi o nere, sono una vera e propria squisitezza perfetta da gustare come aperitivo o come contorno. Vediamo come prepararle e conservarle.

Come preparare le olive sott’olio nere e verdi

Il metodo di preparazione tradizionale conferisce alle olive un gusto ed un sapore davvero irresistibili. Non esiste, tuttavia, un’unica ricetta per preparare le olive sott’olio: sono moltissime, infatti, le varianti possibili. Alcune, in particolare, si adattano meglio alle olive nere, come, ad esempio, la ricetta alla siciliana, altre, invece, come le olive schiacciate, sono pensate principalmente per le olive verdi.
Tuttavia è possibile seguire il metodo tradizionale, utilizzabile a prescindere dal grado di maturazione delle olive. Vediamo cosa serve e come fare.

Per prima cosa bisogna lavare le olive con l’aceto ed asciugarle, poi, accuratamente; dopo averle snocciolate, devono esser poste in un recipiente contenente sale grosso, nella misura di 1kg per ogni chilo di olive, peperoncino, aglio sminuzzato, origano e semi di finocchio. Aggiungere, successivamente, un po’ d’acqua, mescolare energicamente ed infine lasciarle riposare al buio per almeno una decina di giorni, in un luogo fresco e asciutto, avendo cura di rimestarle quotidianamente. A questo punto è necessario porle su un canovaccio per farle asciugare completamente, se possibile al sole, prima di poter essere messe all’interno dei vasetti precedentemente sterilizzati. Una volta che le olive avranno raggiunto i 3/4 del barattolo, basterà inserire l’olio extravergine fino all’orlo, attendere che le eventuali bolle d’aria siano fuoriuscite, aggiungere altro olio se ciò ha causato un abbassamento del livello, ed infine chiudere ermeticamente il vasetto.

Come conservare le olive sott’olio

La conservazione delle olive sott’olio è uno dei metodi più utilizzati, nonché più efficienti, per poter gustare questi deliziosi frutti anche quando non è la loro stagione tipica. Non tutti sanno, inoltre, che le olive, sia quelle nere che quelle verdi, non sono adatte per essere consumate fresche ed è per questo che diventa indispensabile trovare la soluzione migliore per conservarle. A differenza della conservazione sotto sale o in salamoia, quella sott’olio è decisamente la più efficace, oltre che la più semplice da fare in casa, in quanto consente di isolare le olive dal contatto con l’aria, impedendo, di conseguenza, la possibile proliferazione di batteri e microrganismi che tipicamente si sviluppano in presenza di ossigeno.

Per questo motivo diventa estremamente importante, durante la preparazione delle olive, accertarsi che queste siano completamente sommerse dall’olio e che il barattolo che le contiene venga chiuso in maniera ermetica. In aggiunta, dato che l’olio tende a rovinarsi se posto a contatto con la luce, è opportuno conservare i barattoli delle olive in un luogo buio o, in alternativa, foderarli con della carta stagnola; in questo modo, i vasetti potranno essere conservati anche per un intero anno prima di essere consumati.

Una volta aperto, infine, il barattolo con le olive rimanenti deve essere conservato rigorosamente in frigo e consumato nel giro di alcuni giorni.

Vuoi sentire a tavola il profumo dell'uliveto?

OLIO CRISTOFARO

Olio 100% italiano, prodotto in Puglia da spremitura a freddo
Confezionato direttamente in frantoio per mantenere tutte le proprietà dell'olio appena franto e per sentire il profumo dell'uliveto. Dal frantoio alla tua tavola!
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *