Vuoi preparare le zucchine sott’olio pugliesi? Ecco la prelibata ricetta!

preparare le zucchine sott'olio pugliesi

Le zucchine sott’olio pugliesi rappresentano un tipo di ricetta unico nel suo genere, che riesce a regalare un condimento perfetto in ogni occasione. Vediamo insieme la ricetta per prepararle.

La ricetta pugliese delle zucchine sott’olio

Ingredienti

Per preparare un barattolo di zucchine sott’olio pugliesi, segui il semplice procedimento che sto per illustrarti.

Procurati intanto i seguenti ingedienti:

  • 8 zucchine di dimensioni medie;
  • 2 bicchieri di vino rosso;
  • 50 grammi di sale grosso;
  • 4 bicchieri di aceto bianco;
  • 20 grammi di zucchero;
  • olio d’oliva extra vergine;
  • 4 spicchi d’aglio;
  • origano e peperoncino in polvere nella quantità di circa 50 grammi complessivi.

Preparazione

Il primo passaggio per poter preparare le zucchine sott’olio, consiste nel lavare con attenzione le zucchine sotto un getto d’acqua di media potenza strofinandole con delicatezza.

Le zucchine dovranno poi essere private della buccia e tagliate a rondelle: allo stesso tempo sarà necessario mettere a bollire l’aceto. Questo deve essere scaldato con attenzione e quando questo è abbastanza caldo, sarà necessario mettere a bollire le fettine di zucchina.

Il tempo di cottura risulta essere pari a circa 5 minuti: una volta che le zucchine sono cotte, queste dovranno essere asciugate con attenzione utilizzando un panno o carta da cucina.

Mettete a bollire anche i diversi barattoli che dovranno essere utilizzati per poter contenere le zucchine stesse.
Sarà necessario poi asciugare il barattolo e riempirlo leggermente con l’olio: bisognerà alternare questo liquido con le zucchine, creando diversi strati e aggiungendo anche i restanti ingredienti.

Alla fine bisognerà versare l’aceto all’interno del barattolo, in maniera tale che questo sia completamente coperto.

Dopo che la ricetta zucchine sott’olio è pronta, sarà opportuno porre il contenuto in un luogo privo di luce, come ad esemp io la credenza. In questo modo sarà possibile conservare per lungo tempo questa prelibatezza.

In questo video, offerto da Le Ricette dell’Amore Vero, vi mostriamo come preparare le zucchine sott’olio fatte in casa.

Zucchine sott’olio: perché è meglio usare l’aceto?

Scegliere l’aceto come ingrediente d’accompagnamento risulta essere la scelta migliore perchè questo particolare ingrediente permette di migliorare la conservazione delle zucchine sott’olio.

L’aceto tende infatti a lasciare inalterato l’ottimo sapore delle zucchine, evitando che queste possano andare incontro a deterioramento.

E tu hai mai preparato le zucchine sott’olio? Raccontaci la tua ricetta!

A cura della redazione di Olio Cristofaro

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Pomodori secchi sott’olio? Ecco alcune ricette per prepararli e conservarli Con la bella stagione e il calore dell'estate, la regione della Puglia si colora delle tradizionali distese di pomodori lasciati ad essiccare al sole....
Vuoi preparare i funghi sott’olio? Ecco la ricetta! La preparazione delle conserve fatte in casa, riporta alla mente ricordi positivi che vanno dalla raccolta degli ortaggi ai momenti di condivisione, d...
Cosa è il punto di fumo dell’olio? Il punto di fumo indica il grado di temperatura in cui il grasso contenuto negli alimenti inizia a decomporsi. Per questo motivo è importante capire c...
Meglio usare l’olio d’oliva o l’olio di semi? Nella preparazione di moltissime ricette viene consigliato l’uso dell’olio anziché del burro per rendere l’impasto più leggero. Ma quale olio usare? P...
L’olio extravergine di oliva fa ingrassare? Il tempo passa e il dubbio rimane: in moltissimi credono ancora che l’olio di oliva, specie se crudo, faccia ingrassare. Il National Obesity Forum e i...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *