qanto olio bisogna assumere giornalmente

Quanto olio extra vergine bisogna assumere giornalmente?

Non molti sanno che con una certa quantità di olio extravergine giornaliera può beneficiare sulla nostra salute. Ma quanti cucchiaini di olio devono essere consumati al giorno? E a cosa fa bene l’olio di oliva?

Olio extravergine di oliva: qual è la giusta quantità giornaliera

Molti si chiedono quale sia l’effettiva quantità di olio d’oliva da assumere giornalmente. Studi e ricerche effettuate da numerosi ricercatori di tutto il mondo hanno portato a considerare che 3 o 4 cucchiai al giorno, che equivalgono a circa 40 grammi di prodotto, sia la quantità corretta da assumere giornalmente per poter beneficiare degli effetti positivi dell’olio extra vergine sul proprio organismo.

Naturalmente è da tenere presente che l’assunzione di olio di oliva giornaliero deve essere accostato anche ad uno stile di vita corretto e sano che preveda una dieta alimentare completa ed equilibrata, in modo da non vanificare totalmente tutti gli effetti positivi portati da questo alimento. Quindi, come si può immaginare, è molto importante non solo la quantità di olio assunta, ma anche la qualità dell’alimentazione assunta giornalmente.

Effetti benefici dell’olio d’oliva?

Come già detto, l’olio di oliva riserva davvero dei benefici per tutti i suoi consumatori. Una particolare sostanza chiamata fitosteroli, avrebbe il compito di ridurre i livelli di colesterolo nel sangue; inoltre, insieme agli acidi oleici e palmitoleici si può anche constatare che la quantità di colesterolo buono dentro il sangue di un individuo che consuma giornalmente olio d’oliva siano più alti.

Altri studi e ricerche evidenziano come questo alimento abbia come effetto positivo anche la diminuzione o la prevenzione di malattie cardiache molto gravi, comprendendo anche l’ictus. Per poter verificare questa informazione, in Francia si è svolto l’esperimento che prevedeva l’assunzione regolare di olio d’oliva da parte di pazienti molto anziani; tale ricerca ha avuto come risultato la diminuzione di rischi di ictus e malattie di almeno il 41%.
Altre proprietà benefiche molto importanti riguardano la diminuzione della pressione arteriosa di almeno il 30% circa, con la conseguente alterazione delle possibilità di contrarre un infarto di tipo cardiaco. Questo è possibile solamente grazie alla vitamina E e alla presenza dei polifenoli precedentemente citati, che effettuato anche un’attività antiossidante e quindi aiutano a rallentare e prevenire l’invecchiamento delle cellule.
L’olio d’oliva inoltre può anche essere usato come medicinale naturale per il proprio apparato digestivo, specialmente nei momenti in cui vi sono problemi di digestione, movimenti intestinali e perfino stitichezza, arrivando a prevenire questo genere di situazioni. È sicuramente da citare anche il fatto che molti studi hanno evidenziato come questo alimenti, inserito all’interno di un’apposita dieta, possa aiutare le persone a ridurre i rischi di contrarre il diabete di tipo 2, diminuendo le possibilità di almeno il 50% circa; inoltre gli scienziati hanno anche riscontrato effetti positivi anche contro i tumori.
È risaputo che l’Europa è uno dei luoghi dove vi è un alto tasso di persone affette da questa tipologia di male, che può essere prevenuto anche mediante l’assunzione giornaliera di olio d’oliva.

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

Confezionato in frantoio per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Pomodori secchi sott’olio? Ecco alcune ricette per prepararli e conservarli Con la bella stagione e il calore dell'estate, la regione della Puglia si colora delle tradizionali distese di pomodori lasciati ad essiccare al sole....
I trigliceridi nell’olio extravergine di oliva: cosa sono e a cosa servono? L'olio extravergine di oliva è un alimento ricco di sostanze nutritive ed è composto prevalentemente da trigliceridi: di cosa si tratta e quale funzio...
Olio di oliva: elemento essenziale per l’alimentazione dei neonati La fase dello svezzamento per un neonato è molto importante perché deve abituarsi ai sapori degli adulti e il suo organismo ancora in via di sviluppo ...
Carciofini sott’olio: ecco la ricetta pugliese! Che buono il carciofo, in tutte le sue varietà, con le spine o senza, nelle versioni autunnali o più primaverili, nelle tonalità che virano dal verde ...
L’olio extravergine di oliva: un vero toccasana contro i radicali liberi L’olio extravergine di oliva è un alimento fondamentale per un’alimentazione corretta ed equilibrata. Dona un aroma unico ai nostri piatti e ci proteg...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *