Ricetta Panzerotti con Olio Evo alla Nutella

Sei alla ricerca di una merenda sfiziosa? I panzerotti alla Nutella con olio di oliva sono la risposta giusta! Dorati e fragranti, sono dei dolci gustosi che custodiscono segretamente al loro interno il cuore morbido del cioccolato sciolto. Basta un morso per chiudere gli occhi e viaggiare in un mondo fantastico. Ecco come realizzarli!

Ricetta Panzerotti con Olio Evo alla Nutella

Ingredienti

  • 570gr di Acqua
  • 500gr di Farina 00
  • 500gr di Farina Manitoba
  • 3gr di lievito di birra
  • 15gr di Olio Evo
  • 10gr di zucchero
  • 20gr di sale fino
  • 200gr di nutella
  • 50gr panna liquida
  • 1 litro Olio Evo (per friggere i panzerotti)

Procedimento

  1. Versare all’interno di una planetaria la farina 00, la farina Manitoba e il lievito fresco sbriciolato
  2. Azionare la planetaria e versare l’acqua lentamente
  3. Versare il sale e lo zucchero e la restante acqua
  4. Aggiungere l’olio di oliva azionando la planetaria a velocità media fin quando il panetto non risulterà omogeneo e morbido
  5. Versare l’impasto su una spianatoia e lavorarlo con le mani in modo da formare un panetto sferico
  6. Inserito in una ciotola, coprirlo con della pellicola trasparente e lasciarlo lievitare per 2 ore circa
  7. Passato il tempo previsto, dividere il panetto in altri 20 panetti di 80gr circa
  8. Adagiare i panetti ottenuti in un vassoio e lasciarli lievitare per altri 30 minuti dopo averli coperti
  9. Nel mentre, scaldare la panna e la nutella in un pentolino
  10. Stendere i panetti con un mattarello in modo che il diametro risulti di 15cm circa
  11. Posizionare la farcitura al centro del disco e richiudere in modo da ottenere la forma di una mezza luna
  12. Friggere i panzerotti ottenuti in abbondante olio extravergine di oliva
  13. Adagiarli su della carta assorbente e gustarli dopo averli spolverizzati con zucchero a velo

Realizza anche tu questa ricetta e raccontaci la tua esperienza!

A cura di Anna Angeloro.
Appassionata di scrittura, laureata in lettere e beni culturali.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *