Tecnica di assaggio dell’olio di oliva: dall’esame olfattivo a quello gustativo

assaggio olio di oliva

La degustazione dell’olio è una vera arte e come tale non può essere improvvisata. Ecco 2 semplici esami da eseguire per assaggiare e valutare la qualità dell’olio extra vergine di oliva.

Esame olfattivo

Il bicchiere d’assaggio va codificato e coperto con vetro d’orologio. L’olio va annusato in modo da poter captare tutte le sensazioni gradevoli e sgradevoli. L’esame va eseguito aspirando profondamente con entrambe le narici, con delle aspirazioni lente ed intense. Il periodo di aspirazione non deve eccedere i trenta secondi in quanto l’olfatto tende facilmente ad assuefarsi.

Esame gustativo

Si aspira aria tenendo la lingua contro il palato e le labbra leggermente aperte; l’aspirazione deve essere dapprima lenta e delicata poi più energica, in modo da vaporizzare l’olio nel cavo orale; si aspira quindi dal naso in modo da percepire meglio i componenti volatili aromatici per la via retronasale per interessare i sensori della bocca e soprattutto del naso al fine di percepire per via retronasale i composti volatili aromatici e la sensazione tattile del piccante mediante la terminazione del nervo trigemino che si estendono in tutta la cavità orale.

Durante l’analisi sensoriale occorre cercare di identificare la qualità e l’intensità del maggior numero di sensazioni organolettiche. Quindi si vaporizza l’olio nella cavità orale senza deglutirlo. L’olio infine viene espulso e si valutano attentamente tutte le sensazioni che persistono dopo l’assaggio. Successivamente si riportano su un foglio di profilo le sensazioni percepite e le relative intensità.

Quindi in sintesi aspirare profondamente con entrambe le narici e gustare tenendo la lingua contro il palato e le labbra leggermente aperte, sono le due operazioni essenzialinda eseguire per una corretta degustazione e assaggio dell’olio di oliva.

Articolo scritto da Nazzario D’errico

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

OLIO PUGLIESE CONFEZIONATO IN FRANTOIO

Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo
Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla newsletters

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Olio nuovo: ingrediente principale per piatti e ricette prelibate L'autunno è una stagione in cui la natura regala molti prodotti alimentari tipici della dieta mediterranea, tra questi un posto di pregio occupa l'oli...
Produzione olio extra vergine in Puglia Condizioni naturali tra le più favorevoli allo sviluppo dell' olivo danno alla Puglia una posizione di netta preminenza confermata dai dati: mediament...
Come produrre un olio extra vergine di qualità Dopo aver coltivato l'uliveto e curato le piante per tutto l'anno, un errore può compromettere la bontà del prodotto finale. Ecco alcuni consigli per ...
Acquistare l’Olio Evo dal contadino? Una scelta sicura! Non sempre l’olio di oliva che viene messo sui banchi del supermercato è il vero olio extravergine di oliva. La sua incerta genuinità non può coprire ...
Qual è la differenza tra frantoio a freddo e a caldo? L'olio è un alimento unico e pregiato ottenuto dalla spremitura delle olive, presenti in tutti i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Può essere ...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *