Tecnica di assaggio dell’olio di oliva: dall’esame olfattivo a quello gustativo

assaggio olio di oliva

La degustazione dell’olio è una vera arte e come tale non può essere improvvisata. Ecco 2 semplici esami da eseguire per assaggiare e valutare la qualità dell’olio extra vergine di oliva.

Esame olfattivo

Il bicchiere d’assaggio va codificato e coperto con vetro d’orologio. L’olio va annusato in modo da poter captare tutte le sensazioni gradevoli e sgradevoli. L’esame va eseguito aspirando profondamente con entrambe le narici, con delle aspirazioni lente ed intense. Il periodo di aspirazione non deve eccedere i trenta secondi in quanto l’olfatto tende facilmente ad assuefarsi.

Esame gustativo

Si aspira aria tenendo la lingua contro il palato e le labbra leggermente aperte; l’aspirazione deve essere dapprima lenta e delicata poi più energica, in modo da vaporizzare l’olio nel cavo orale; si aspira quindi dal naso in modo da percepire meglio i componenti volatili aromatici per la via retronasale per interessare i sensori della bocca e soprattutto del naso al fine di percepire per via retronasale i composti volatili aromatici e la sensazione tattile del piccante mediante la terminazione del nervo trigemino che si estendono in tutta la cavità orale.

Durante l’analisi sensoriale occorre cercare di identificare la qualità e l’intensità del maggior numero di sensazioni organolettiche. Quindi si vaporizza l’olio nella cavità orale senza deglutirlo. L’olio infine viene espulso e si valutano attentamente tutte le sensazioni che persistono dopo l’assaggio. Successivamente si riportano su un foglio di profilo le sensazioni percepite e le relative intensità.

Quindi in sintesi aspirare profondamente con entrambe le narici e gustare tenendo la lingua contro il palato e le labbra leggermente aperte, sono le due operazioni essenzialinda eseguire per una corretta degustazione e assaggio dell’olio di oliva.

Articolo scritto da Nazzario D’errico

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Olio extra vergine di oliva italiano: ecco come verificare la sua origine L'Olio Extra Vergine d'Oliva è indubbiamente uno degli alimenti più pregiati ed amati della tradizione italiana, nonché uno degli ingredienti più util...
Qual è la differenza tra olio d’oliva, olio vergine e olio extravergine d’oliv... C’è ancora una scarsa cultura sull’argomento e non tutti conoscono la reale differenza tra olio extravergine, olio di oliva e olio vergine. Proviamo a...
Qual è la differenza tra frantoio a freddo e a caldo? L'olio è un alimento unico e pregiato ottenuto dalla spremitura delle olive, presenti in tutti i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Può essere ...
Vendere Olio Extra Vergine d’oliva? Bisogna saper trasmettere fiducia! Siamo invasi da continue frodi online e offline. Per chi produce e vende Olio Extra Vergine d'Oliva comincia a essere un mestiere davvero difficile. M...
I flavor: caratteristiche sensoriali determinate dal tipo di cultivar I flavor identificano l'impressione sensoriale dell'olio di oliva, determinato principalmente dai sensi chimici del gusto e dell'olfatto. Vediamo i va...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *