assaggio olio di oliva
Mangia Sano e Naturale. Olio Artigianale dal Frantoio.

ACQUISTA ORA

Olio Pugliese da Spremitura a Freddo. 100% Italiano. SPEDIZIONE GRATUITA!
Confezionato in frantoio. Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.

La degustazione dell’olio è una vera arte e come tale non può essere improvvisata. Ecco 2 semplici esami da eseguire per assaggiare e valutare la qualità dell’olio extra vergine di oliva.

Esame olfattivo

Il bicchiere d’assaggio va codificato e coperto con vetro d’orologio. L’olio va annusato in modo da poter captare tutte le sensazioni gradevoli e sgradevoli. L’esame va eseguito aspirando profondamente con entrambe le narici, con delle aspirazioni lente ed intense. Il periodo di aspirazione non deve eccedere i trenta secondi in quanto l’olfatto tende facilmente ad assuefarsi.

Esame gustativo

Si aspira aria tenendo la lingua contro il palato e le labbra leggermente aperte; l’aspirazione deve essere dapprima lenta e delicata poi più energica, in modo da vaporizzare l’olio nel cavo orale; si aspira quindi dal naso in modo da percepire meglio i componenti volatili aromatici per la via retronasale per interessare i sensori della bocca e soprattutto del naso al fine di percepire per via retronasale i composti volatili aromatici e la sensazione tattile del piccante mediante la terminazione del nervo trigemino che si estendono in tutta la cavità orale.

Durante l’analisi sensoriale occorre cercare di identificare la qualità e l’intensità del maggior numero di sensazioni organolettiche. Quindi si vaporizza l’olio nella cavità orale senza deglutirlo. L’olio infine viene espulso e si valutano attentamente tutte le sensazioni che persistono dopo l’assaggio. Successivamente si riportano su un foglio di profilo le sensazioni percepite e le relative intensità.

Quindi in sintesi aspirare profondamente con entrambe le narici e gustare tenendo la lingua contro il palato e le labbra leggermente aperte, sono le due operazioni essenzialinda eseguire per una corretta degustazione e assaggio dell’olio di oliva.

Articolo scritto da Nazzario D’errico

Rimani aggiornato con i contenuti del nostro blog. Iscriviti alla Newsletter!

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Perché scegliere un olio extravergine di oliva biologico? L'olio extravergine di oliva biologico è la migliore scelta per condire i piatti perché è un prodotto sano in grado di portare benefici all'organismo....
Ti piace l’olio dal sapore intenso e deciso? Scegli l’olio rustico non filtrat... L'olio rustico non filtrato è una tipologia di olio extravergine davvero particolare, una delle varianti più gustose, prelibate e ricche di proprietà ...
Il tatto, i componenti di un olio e le caratteristiche organolettiche Il colore, l'odore e il sapore rappresentano gli elementi che determinano le caratteristiche organolettiche di un olio. Ma cosa comunica l'untuosità e...
Qual è la differenza tra olio d’oliva, olio vergine e olio extravergine d’oliv... C’è ancora una scarsa cultura sull’argomento e non tutti conoscono la reale differenza tra olio extravergine, olio di oliva e olio vergine. Proviamo a...
Come avviene l’imbottigliamento dell’olio extravergine d’oliva in franto... La parte finale della filiera produttiva dell'olio extravergine d'oliva, prevede l'imbottigliamento, che è una delle fasi più delicate del processo di...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *