diffusione cultiva e olivicoltura

La diffusione delle Cultivar nell’olivicoltura

Il cambiamento dalla riproduzione sessuale a quella vegetativa, basata su semplici tecniche di moltiplicazione agamica, come l’impiego di piantoni, ovuli, tale, ecc., ha dato origine all’olio coltivato.

I criteri per la selezione delle migliori piante sono di carattere agronomico e tecnologico ed han dato luogo ai diversi gruppi o “cultivar” oggi estese per le diverse zone olivicole. Sono poche le cultivar che hanno raggiunto una diffusione importante oltre la propria zona geografica e se ve ne sono è successo quasi sempre in tempi recenti; si può dire che nella maggior parte dei paesi mediterranei, ove la coltura dell’olivo è molto antica, si continuano ad utilizzare le cultivar autoctone. Nella Capitanata, terra fertile situata nel Nord Puglia, una delle varietà più diffuse è la Peranzana, cultivar pregiata per la produzione di olive da mensa e olio extra vergine di qualità .

Nell’olivicoltura non si sono ancora visti grandi miglioramenti in materiale vegetale, ma su questo stanno lavorando gli istituti di ricerca dei paesi olivicoli al cui impulso presta uno speciale appoggio il Consiglio Oleicolo Internazionale. La selezione consiste nel trovare individui con caratteristiche interessanti che persistano in generazioni successive. Ricerche si stanno facendo anche su portainnesti che agevolino la moltiplicazione vegetativa di varietà con difficoltà per la formazione delle radici o perchè trasmettono alla pianta determinate qualità che potenzino o rendano più moderate quelle della varietà innestata.

I successi in questo campo possono determinare un autentico rinnovamento nell’olivicoltura.

Vuoi sentire a tavola il profumo e l'aroma dell'olio nuovo?

OLIO CRISTOFARO

Olio 100% italiano, prodotto in Puglia da spremitura a freddo
Confezionato direttamente in frantoio per mantenere tutte le proprietà dell'olio appena franto e per sentire il profumo dell'uliveto. Dal frantoio alla tua tavola!
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *