effetti olio extravergine sulla digestione

Olio di Oliva per la prevenzione delle malattie gastrointestinali

Se è vero che tra i fattori di rischio del tumore a livello gastrico rientrano fattori puramente genetici, è anche vero che possono essere determinanti sia i fattori ambientali che l’alimentazione.

Sappiamo quanto deleteria sia una dieta ricca di amido, di grassi saturi, di cibi conservati contenenti nitriti o nitrati che si trasformano nello stomaco in nitrosamine; la cottura ad alte temperature sviluppano ammine aromatiche, che sono mutagene.

Oltre alle suddette abitudini alimentari, tra i fattori di rischio del cancro gastrico rientrano i fattori genetici; rivestono importanza anche i fattori ambientali. Per prevenire le patologie gastriche occorre quindi:

  • assumere una alimentazione corretta
  • mantenere il peso forma e fare attività fisica
  • evitare stress psichici
  • evitare l’abuso di FANS
  • eradicare l’elicobacter pylori ove presente nello stomaco con adeguata terapia eradicante.

L’olio d’oliva ha effetti benefici sulla prevenzione delle malattie dello stomaco perchè:

  • riduce la secrezione acida gastrica
  • stimola la secrezione di muco e protegge direttamente la mucosa gastrica
  • stimola la motilità dell’antro gastrico e quindi lo svuotamento dello stomaco
  • libera l’enterogastrone, ormone importante durante la digestione
  • stimola la cicatrizzazione di ulcere
  • agisce sul tono dello sfintere esofageo inferiore limitando il reflusso e sul piloro gastrico facilitando la progressione del cibo nel duodeno.

Articolo scritto da Domenico Facciorusso, specialista in malattie dell’apparato digerente e in medicina interna.

Vuoi sentire a tavola il profumo dell'uliveto?

OLIO CRISTOFARO

Olio 100% italiano, prodotto in Puglia da spremitura a freddo
Confezionato direttamente in frantoio per mantenere tutte le proprietà dell'olio appena franto e per sentire il profumo dell'uliveto. Dal frantoio alla tua tavola!
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *