Il ciclo di maturazione della pianta dell’ulivo

,
la coltivazione della pianta dell'ulivo

Le gemme si dischiudono in primavera dando l’avvio all’accrescimento dei germogli che continuerà fino all’autunno inoltrato, in varie fasi più o meno rapide secondo le condizioni climatiche e di fertilità.

Mignolatura

E’ la formazione delle infiorescenze a grappolo, le mignole (ognuna delle quali, pur contando da 5 a 60 fiori, annate molto favorevoli a parte), che interessa parte delle gemme. Durante questa fase la temperatura interiore ai 10 gradi non è tollerata.

Fioritura

Avviene in maggio-giugno, secondo la latitudine, e dura una decina di giorni. I fiori sono poco appariscenti, con quattro piccoli petali di colore bianco e antere gialle, così che da lontano l’olivo assume l’aspetto di una nuvola color crema.

Allegagione

Si forma il frutto. Dei numeroissimi fiori, solo una piccola parte è destinata ad allegare, essendo molto alta l’incidenza dell’ aborto e dell’ovario e relativamente difficile l’impollinazione. A parte poche varietà fertili, la maggioranza degli olivi (autosterili) viene fecondata per impollinazione incrociata al vento (e non agli insetti). Condizioni metereologiche (tempo asciutto e ventilato, temperatura intorno ai 15°c) sono determinati per un buon risultato.

Appena allegati, i frutti iniziano ad aumentare di peso e dimensioni con ritmo regolare (rallentando in caso di siccità) fino alla fine di novembre. In precedenza,tra luglio e agosto, quasi sempre si è verificata una certa cascola di frutti che può essere accentuata dall’arsura, incidendo significativamente sul raccolto.

Invaiatura

Siamo intorno a settembre, l’oliva inizia il mutamento del colore, dal verde al giallo al viola scuro. I vari stadi sono indicati come “ingiallimento”,”invaiatura superficiale”e ” invaiatura profonda”.

Maturazione completa

Viene raggiunta, a seconda delle regioni, in un periodo compreso tra novembre e dicembre. L’oliva assume l’aspetto e il colore caratteristico della varietà a cui appartiene (superfice lucente o pruinosa, colore dal violetto al nero). La polpa è molle, completamente pigmentata e allo schiacciamento mostra evidenti tracce di olio. Il grado di maturazione raggiunto dalle drupe al momento della raccolta è basilare per la determinazione delle caratteristiche organolettiche dell’ olio, quell’ insieme di tratti distintivi che il consumatore avvertirà al primo assaggio.

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Olive nere mature sotto sale: come prepararle? Le olive mature si ottengono da frutti raccolti a quasi piena maturità, una volta raggiunto il colore e il contenuto d'olio propri di ciascuna varietà...
Quali sono gli accorgimenti sul trasporto e lo stoccaggio delle olive in attesa della tras... Dal momento in cui il frutto è distaccato dalla pianta e per tutta la fase che prevede la trasformazione, si determinano perdite più o meno accentuate...
Qual è la differenza tra frantoio a freddo e a caldo? L'olio è un alimento unico e pregiato ottenuto dalla spremitura delle olive, presenti in tutti i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Può essere ...
Come vengono classificate le cultivar (varietà) di olivo? La classificazione delle cultivar di olivo assume un valore prettamente agronomico, in quanto serve come guida alla loro scelta, in funzione del propr...
Vendita diretta delle olive da olio: perché scegliere quelle pugliesi? Sappiamo benissimo che le olive rappresentano una delle tante prelibatezze italiane, non mancano mai sulle nostre tavole e rappresentano la parte più ...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *