Produzione olio extra vergine in Puglia

Mangia sano. Degusta l'Olio Nuovo 2018 direttamente dal Frantoio

ACQUISTA ORA

Olio prodotto in Puglia da Spremitura a Freddo. 100% Italiano.
Confezionato in frantoio. Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.

Condizioni naturali tra le più favorevoli allo sviluppo dell’ olivo danno alla Puglia una posizione di netta preminenza confermata dai dati: mediamente il 38,5% della produzione italiana, il 20% di quella della Comunità Europea,il 12,5% di quella mondiale.

Coratina e Ogliarola, che danno oli dal gusto intenso e deciso (ma è impossibile immaginare un unico olio pugliese data la varietà dei suoli, delle cultivar e dei microclimi), sono le varietà più diffuse.

Varietà e produzione nella Capitanata

Al nord, in provincia di Foggia, nell’ alto Tavoliere e nella Daunia (qui si coltivano anche la Peranzana e la Rotondella), nel Gargano (Peranzana, Gentile di Larino) e nel basso Tavoliere, gli oli sono ben caratterizzati dagli aromi varietali e vanno dal leggero e scorrevole al medio corpo.

Varietà e produzione nelle Murge

La provincia di Bari offre una pletora di oliveti nelle Murge, con piante spesso secolari consociati a mandorli, carrubi e culture orticole; l’eccellenza arriva da Andria (oli piuttosto fruttati, spesso piccanti) che con Cerignola, Canosa, Corato, Ruvo e il regno della varietà Coratina, e da Bitonto (oli di finezza straordinaria,leggermente fruttati con spiccato retrogusto di mandorla) che sfrutta con sapienza le qualità dell’ Ogliarola (o Cima di Bitonto).

Oltre, verso sud-est, sino ai confini con i territori di Brindisi e Taranto, è invece la Cima di Mola a essere familiare. Nel barese si può parlare di prodotti di grande impatto gustativo, insostituibile nella preparazione delle specialità gastronomiche regionali.

Varietà e produzione nel Salento

Infine il Salento, presidiato da estensini notevoli di oliveti (nei quali frequentamente si trovano le cultivar Ogliarola e Cellina di Nardò) che forniscono in prevalenza quantita con rari picchi qualitativi:l ‘extravergine può contare solo su di un terzo della produzione dell’area.

Faticosamente, qui come altrove, si è iniziato a valutare con occhio critico il reale e la Denominazione di origine protetta che interessa i vergini e gli extravergini delle colline del Brindisino è sintomatica di un nuovo corso.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla newsletters

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Quali sono le caratteristiche dell’olio spremuto a freddo? E' presto detto, le olive raccolte vengono sistemate nel frantoio per la frangitura, gramolatura, spremitura e separazione. Qui si trasformano le oliv...
Frantoio: tipi di frangitori per la lavorazione dell’olio Il ciclo della lavorazione delle olive, per ottenerne l’olio, prevede che queste, dopo la raccolta e il lavaggio, giungano al frantoio per la frangitu...
Come deve essere un olio extra vergine d’oliva di Qualità? Per definire come dev’essere un olio extra vergine d’oliva di Qualità, dovremmo tener presenti diversi parametri caratteristici.L’acidità, il nu...
Olio Extravergine Certificato 100% Italiano: come riconoscerlo? Oggi sul mercato è possibile trovare differenti marche di olio, molte dalla provenienza incerta. Come è possibile verificare che un olio sia certifica...
Quali sono i pregi e i difetti dell’olio extra vergine d’oliva? Molte possibili sensazioni percepite alla degustazione degli oli extra-vergini sono individuate attraverso il ricorso a un lessico ufficiale fissato d...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *