Olio Evo e Alloro: un potente analgesico naturale

Non tutti sanno che l’Olio Evo abbinato all’Alloro diventa un ottimo analgesico naturale. Ma non solo, è ottimo anche da usare in cucina come condimento su piatti di ogni genere e come olio essenziale. Due componenti ricchi di proprietà che insieme creano un connubio perfetto!

Vuoi scoprire tutti i “rimedi naturali” a base di Olio EVO?

Ricevi subito in REGALO un E-BOOK di 55 PAGINE, con una raccolta di rimedi naturali per pelle, occhi, problemi intimi, dermatiti, dolori articolari e tanto altro… Imperdibile!

Olio Evo e Alloro: un prodotto tutto naturale

Olio d’oliva e Alloro sono due ingredienti che hanno proprietà e benefici ottimi per la nostra salute. Abbinandoli si crea un potente unguento analgesico naturale.

Olio d’oliva e alloro sono due ingredienti usatissimi in cucina. Ciò che non si sa, però, è che Olio d’oliva e alloro, insieme, diventano un calmante naturale poiché posseggono proprietà e benefici ottimi per la nostra salute.
Dall’unione di questi due elementi si ottiene un vero e proprio rimedio naturale che funge da calmante, da protezione per l’organismo, da antidolorifico, da stimolante per il cervello.

Ingredienti

  • 60 grammi di foglie d’alloro
  • Olio Evo
  • Barattolo da 250ml

Procedimento

  1. Mettere in essiccazione 30 grammi di foglie di alloro per poterle successivamente sminuzzare creando un “pesto di alloro”
  2. Dopo l’essiccazione e la creazione di questo pesto, inserirle all’interno del vasetto ricoperto di Olio Evo
  3. Il composto deve essere lasciato in macerazione per circa 2 settimane
  4. Passato il tempo prestabilito, filtrare l’olio e a questo, aggiungere altri 30 grammi di alloro pestato (altre 2 settimane di macerazione)
  5. Per capirci meglio: lo stesso olio deve essere utilizzato per entrambe le macerazioni
  6. Trascorso il periodo, filtrare l’olio e il nostro unguento è pronto

Va precisato che questo unguento naturale è anche commestibile. Infatti bevendone qualche goccia o utilizzandolo come condimento nei pasti, grazie alle sue proprietà, è in grado di calmare il sistema nervoso, rinforzare il sistema immunitario, proteggere il colon, migliorare l’appetito, eliminare il mal di stomaco e normalizzare le funzioni renali.

Basta invece applicarlo sulle zone interessate per calmare i dolori articolari, eliminare brufoli e acne, curare il mal di testa e stimolare il cervello (massaggiando le tempie con qualche goccia d’olio), ridurre il dolore alle orecchie (versando un paio di gocce all’interno dell’ orecchio).

Olio essenziale di Alloro: come prepararlo!

L’olio essenziale di alloro è noto per le sue numerosissime virtù benefiche e terapeutiche, proprietà assegnatele grazie ad una caratteristica composizione chimica. Contiene una buona quantità di eucaliptolo, un principio attivo molto usato in farmacologia.

L’olio essenziale di alloro include proprietà antisettiche, antibiotiche, analgesiche. Inoltre emana una piacevole fragranza. Viene molto usato nella medicina naturale sia per scopi estetici che di salute.

Quali sono i suoi benefici?

  • Favorisce il rilassamento muscolare
  • Contro cefalea ed emicrania
  • Abbassa la febbre
  • È un ottimo alleato della pelle
  • Favorisce la crescita dei capelli

Vediamo come preparalo:

Ingredienti

  • 15 grammi di foglie di alloro
  • 100 grammi di olio di mandorle dolci
  • 50 grammi di olio oliva
  • 1 vasetto o barattolo di vetro con 200 ml di capacità

Procedimento

  1. Lavare con molta attenzione il vasetto o il barattolo in vetro e sterilizzarlo
  2. Inserire le foglie di alloro, assicurandovi che siano ben pulite e non abbiano tracce di polvere o di altre piante
  3. Versare entrambi gli oli nel barattolo
  4. Chiudere ermeticamente e aspettare 40 giorni

I tempi sono un pò lunghi ma cosa c’è di meglio che aspettare qualche giorno per poi poter beneficiare di questo particolare e profumato olio essenziale?

Curarsi e volersi bene con l’Olio Evo e Alloro è una buona strada per il nostro benessere!

A cura di Anna Angeloro.
Appassionata di scrittura, laureata in lettere e beni culturali.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *