Olio Evo per la cura della Dermatite Atopica
Mangia Sano e Naturale. Olio Artigianale dal Frantoio.

ACQUISTA ORA

Olio Pugliese da Spremitura a Freddo. 100% Italiano. SPEDIZIONE GRATUITA!
Confezionato in frantoio. Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.

La dermatite atopica è un’alterazione della pelle che scatena prurito e desquamazione ed è fastidiosa non solo per i più piccoli, ma anche per gli adulti. Usare medicinali sarebbe la giusta soluzione, ma se invece esistessero dei rimedi naturali che non provocherebbero alla nostra pelle più nessun fastidio? Uno tra questi è senz’altro l’Olio di Oliva. Scopriamo come si sviluppa questa patologia e come usare al meglio il nostro Olio Evo!

Cos’è la Dermatite Atopica e come curarla naturalmente

La dermatite atopica è una delle più diffuse patologie cutanee che si manifesta con la formazione di eczemi. È una malattia della pelle alquanto diffusa, che si rivela fin dall’infanzia in parecchi casi, ma che può anche esplodere in età adulta o riemergere, come una specie di fenomeno carsico, quando si pensava di averla superata da anni.
Il sintomo basilare di questa infiammazione cutanea è proprio l’eruzione di eczemi, che possono essere delimitati o abbastanza estesi, e che nei neonati vengono comunemente definiti “crosta lattea”.

Sia nel neonato che nell’adulto, questi eczemi hanno la peculiarità di causare un forte prurito, e di progredire con la nascita di specifiche bolle sierose nel bambino, e di squame secche nell’adulto. La pelle compare ruvida e arrossata, con i bordi leggermente sollevati.

Gli eczemi possono comparire un po’ ovunque, ma nel neonato di solito la dermatite comincia a manifestarsi sul viso e sul cuoio capelluto, così come intorno all’area delicata dell’inguine, aggravati dall’irritazione provocata dal pannolino.

Nell’adulto le dermatite interessa orecchio, cuoio capelluto e arti, sia superiori che inferiori. Le cause della dermatite atopica sono in parte ignote, sicuramente la familiarità è uno dei fattori che incide moltissimo, ma anche il fattore allergico ha un suo peso.
Molti neonati con allergie alimentari, come l’intolleranza al lattosio, sono colpiti da dermatite atopica, segno del legame tra le due patologie.
Altra possibile causa è una sensibilità specifica allo smog e all’inquinamento atmosferico, infatti questo genere di patologie cutanee è in forte aumento soprattutto nelle aree urbane.

Come si cura la dermatite atopica?

Una terapia definitiva non esiste, tuttavia, dopo aver eseguito test allergologici – ai cibi, ai metalli, a composti chimici, alla polvere – scoprissimo di essere allergici, avremmo fatto centro perché eliminando l’allergene o usando farmaci antistaminici, potremmo vincere sulla malattia stessa.

In molti casi, però, non si riesce a venirne a capo anche perché il problema tende a manifestarsi e a regredire da solo. Durante la fase attiva della dermatite, possiamo trovare conforto attraverso l’applicazione di pomate a base di cortisone, oppure affidarci ai classici rimedi naturali. Tra questi l’immancabile olio di oliva.
Vediamo i suoi effetti!

L’Olio Evo per il sollievo dalla Dermatite Atopica

La dermatite atopica e i suoi fastidiosi sintomi possono essere tenuti a bada grazie ad alcuni rimedi naturali. Tra i più efficaci abbiamo:

  • Liquirizia: ha potenti proprietà antinfiammatorie ed è in grado di agire in maniera molto analoga ai cortisteroidi. La liquirizia può essere assunta come meglio si crede: in capsule, nel tè, per uso esterno (ad esempio attraverso impacchi)
  • Bardana: si tratta di una pianta ricca di minerali, in grado di favorire la distruzione di molti tipi di batteri cutanei. Così come per la liquirizia, può essere assunta in diverse modalità (tintura, tè, capsule o impacchi)
  • Tarassaco: è una pianta ricca di vitamine e minerali ma soprattutto di inulina. Può essere assunta anche mangiandone le foglie o cuocendola al vapore
  • Avena: si tratta di un grano molto utile per il suo effetto idratante e lenitivo. Fra i modi più efficaci di utilizzarla, si possono bollire due cucchiai in due oppure tre litri di acqua e poi versare la soluzione ottenuta nella vasca da bagno, prima di immergersi
  • Bicarbonato di sodio – può essere utilizzato come alternativa all’avena, per fare il bagno in vasca
  • Camomilla – ottima per le sue proprietà sia lenitive sia calmanti, perfetta da usare per gli impacchi da applicare sulle zone interessate dalla dermatite atopica
  • Olio Extravergine di Oliva – ha potenti effetti antinfiammatori, contribuisce ad ammorbidire la pelle e a far diminuire il rossore

Non per ultimo, perché meno importante, l’Olio di Oliva è un rimedio meravigliosamente efficace.

Sappiamo che alla base della dermatite atopica c’è una reazione allergica dell’intero organismo che si manifesta attraverso la pelle, alle quali si associano spesso, altre allergie, come il raffreddore da fieno, l‘asma, l’orticaria o le allergie alimentari.

L’olio di oliva è stato da sempre considerato dagli Egizi fino a noi, oltre che un alimento, un rimedio naturale dalle molteplici proprietà, prezioso anche in caso di dermatite.

L’olio di oliva nutre ed idrata la pelle, grazie alla presenza di pregiati grassi vegetali ricchi di trigliceridi e antiossidanti naturali è particolarmente adatto a prevenire la disidratazione e la desquamazione della pelle, tipici effetti di dermatiti e psoriasi. Inoltre, contrasta e ritarda il processo di invecchiamento cellulare, idratando e rafforzando le difese naturali dell’epidermide.

L’olio extravergine d’oliva ha potenti effetti antinfiammatori, può contribuire ad ammorbidire la pelle e a ridurre il rossore. Si può applicare l’olio extravergine d’oliva in piccole quantità direttamente sulla pelle, magari massaggiando delicatamente senza grattare e aiutandosi con un batuffolo di cotone o con un panno morbido.

Ecco come preparare l’unguento “fai da te” per la dermatite atopica

La preparazione dell’unguento è facile da realizzare e prevede pochi elementi.

Ingredienti

  • 5 grammi di Cera d’Api
  • 10 ml di Olio Evo
  • 10 ml di olio di Nigella
  • 10 ml di olio di Perilla
  • Oli essenziali

Procedimento

  1. Far sciogliere a bagnomaria 5 grammi di cera d’api insieme a 10 ml di olio extravergine di oliva, 10 ml di olio di Nigella e 10 ml di Olio di Perilla.
  2. Quest’ultimo ingrediente può anche essere rimpiazzato dall’olio di Enotera.
  3. Aspettare che tutti gli ingredienti si sciolgano e spegnere il fuoco.
  4. Aggiungere quindi alcune gocce di olio essenziale di camomilla, sandalo e lavanda.
  5. Lasciare raffreddare la miscela e applicarla localmente più volte al giorno, anche per prevenire l’infiammazione.
  6. Gli esperti suggeriscono di aggiungere avena e alloro o altri ingredienti naturali all’unguento base, per renderlo ancora più efficace.

 

Adesso è tutto pronto per scoprire quali sono gli effetti dell’Olio di Oliva per la cura della Dermatite Atopica. Prova l’unguento e raccontaci!

 

A cura di Anna Angeloro.
Appassionata di scrittura, laureata in lettere e beni culturali.

 

Rimani aggiornato, iscriviti alla Newsletter!

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Come curare la salute delle orecchie con l’olio d’oliva Olio d'oliva non solo viene usato per condire con gusto insalate e pietanze tipiche,  ma anche per mantenere in buona salute le nostre orecchie. Del r...
Olio di oliva: alimento ricco di vitamina k L'olio di oliva è un prezioso alleato per la salute grazie all'elevato apporto di vitamine e in particolare di vitamina K. Ma vediamo quali sono le vi...
Olio extra vergine d’oliva: un “farmaco” contro diabete e arterioscleros... Da tempo sono conosciute le proprietà dell'olio extravergine di oliva e in particolare di quello proveniente dalla Puglia ma ora emergono novità ancor...
Crosta lattea nei neonati: quale olio usare per la rimozione? Il suo primo vagito segna l’ingresso nel mondo, tutto comincia così con una serie di incredibili emozioni! Un grande viaggio nel quale una mamma, un p...
Olio Evo: un vero e proprio braccio di Ferro! L’Olio Extravergine di Oliva ha moltissime proprietà utili alla nostra salute. Si ricava dalla spremitura a freddo delle nostre olive. A differenza de...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *