cosa si intende per olio di oliva dop

Scegliere olio di oliva DOP significa preferire un prodotto locale le cui caratteristiche qualitative dipendono esclusivamente dal territorio di provenienza. Ma cosa si intende per olio di oliva dop?

La certificazione DOP

La certificazione Dop (denominazione di origine protetta) è il marchio di qualità per eccellenza e viene attribuito ad un prodotto alimentare, vini e bevande alcooliche esclusi, le cui caratteristiche produttive e qualitative sono strettamente legate al territorio di provenienza.

Un alimento che riceve la certificazione Dop è un prodotto unico ed inimitabile, protetto e tutelato dalle contraffazioni su tutto il territorio dell’Unione Europea.

Il marchio Dop nasce nel 1992 con il Regolamento CEE 2081/92 della Comunità Europea ed è attribuito ad un prodotto agroalimentare solo se questo rispetta due condizioni fondamentali:

  • le qualità e caratteristiche dell’alimento sono legate esclusivamente al territorio di origine;
  • tutto il ciclo produttivo dalla materia prima, alle tecniche di lavorazione fino al prodotto finito è effettuato unicamente all’interno dell’area geografica di provenienza.

Cosa si intende per olio di oliva DOP?

Per olio di oliva Dop si intende un olio di oliva prodotto con olive locali trasformate con conoscenze e tecniche di lavorazione esclusive del territorio di provenienza.

Ecco cosa deve fare il produttore di olio di oliva per ottenere la certificazione D.O.P.:

  • seguire uno specifico disciplinare di produzione che contiene tutte le norme che regolano l’ intera produzione dalla coltivazione, alla raccolta, alla trasformazione, al confezionamento dell’olio;
  • sottostare ai controlli di un Ente di Certificazione riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, che attesta periodicamente la conformità al disciplinare di produzione.

Peranzana: l’olio extravergine di oliva di DOP

La Peranzana è una cultivar di ulivo che caratterizza il circoscritto territorio dei comuni di San Paolo Civitate, San Severo e Torremaggiore, in provincia di Foggia.

Ecco una breve presentazione della cultivar Peranzana offerta dal Dr. Giuseppe Cristofaro: 

Si dice che l’ulivo Peranzana sia stato portato in Italia dalla Provenza, da qui il nome Peranzana, dal Duca De Sangro, che la impiantò nei suoi terreni pugliesi per avere sempre a disposizione un olio extravergine di oliva di elevata qualità.

La Peranzana produce sempre e senza alternanza. L’ oliva ha resa bassa, ma produce un olio eccezionale, dal sapore fruttato medio-intenso non aggressivo, dall’odore di erba appena tagliata e mandorla e dalle elevate proprietà organolettiche.

L’olio extravergine di oliva di Peranzana è classificato come prodotto Dop: la specificità territoriale e le particolari proprietà qualitative lo rendono un prodotto unico ed inimitabile.

E tu, cosa ne pensi della dominazione DOP dell’olio extravergine di oliva?

A cura di Cristina Tomeazzi.
Appassionata di scrittura, ha conseguito il diplomata di maturità scientifica ad indirizzo Biologico.

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Come fare una degustazione di olio extravergine di oliva Non bisogna essere degli esperti per capire un buon olio extravergine di oliva. Prova ad allenarti un po' di volte, e con i nostri consigli sarai in g...
Assaggiatore dell’olio di oliva: come diventarlo! Molti li chiamano sommelier dell’olio, chi degustatori d’olio, chi oleologi. Questa figura è sempre più presente, diffusa e apprezzata nel settore gas...
Analisi organolettica olio extravergine: i parametri K232, K270 e il Delta K Un metodo per analizzare la bontà dell'olio extravergine è l'analisi sensoriale: un gruppo di assaggiatori analizza l'olio partendo da una degustazion...
Come si legge e interpreta l’analisi organolettica dell’olio? Per definizione l'olio extravergine di oliva rappresenta quell’olio ottenuto dalle olive unicamente mediante procedimenti meccanici, o altri procedime...
Come smaltire l’Olio di Oliva dopo la frittura? Tutti amano le fritture, croccanti e fatte con un ottimo olio di oliva ma dopo sorge un grandissimo problema: cosa farne dell’olio di oliva dopo la fr...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *