etichettatura olio extra vergine

Quali sono le normative per l’etichettatura dell’olio extra vergine di oliva?

Il confezionamento può essere effettuato in proprio oppure presso i frantoi oleari. Vediamo le modalità di confezionamento in ciascuno dei casi.

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto? Lo riceverai 24-48 ore dopo la spremitura in frantoio. Introvabile!

Confezionamento in proprio

In Proprio, e sono necessari i seguenti requisiti:

  • Munirsi di Partita Iva ed emettere i relativi Documenti Fiscali (D.d.T. e Fattura);
  • Autorizzazione sanitaria del locale (rivolgersi presso l’ASL territoriale);
  • SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività, da richiedere tramite il
    sindacato all’ufficio dei vigili urbani).

Recarsi presso la ASL territoriale di San Severo con “Planimetria” dei locali e “relazione tecnica” del processo lavorativo e delle attrezzature in uso (serbatoi, riempitrici).

Iscrizione al Registro telematico “SIAN” in maniera autonoma o presso Caf (sindacato). Questa registrazione comporta la comunicazione telematica di ogni movimento di olio entro 6 giorni, a partire dal giorno in cui è avvenuto il movimento). Per movimento di intende (travaso, imbottigliamento e vendita di prodotto sfuso).

Confezionamento presso i frantoi oleari

Presso i Frantoi Oleari, che normalmente dovrebbero essere provvisti di entrambe le autorizzazioni, facendosi rilasciare:

  • Fattura di stoccaggio;
  • Fattura di confezionamento ed etichettatura;
  • Documento di Reso confezionamento da Conto deposito.

Solo in questo modo sarà possibile avere la completa tracciabilità del prodotto. In questo caso il frantoio si impegna a fare tutte le comunicazioni al SIAN.

Nel breve periodo questa risulta essere la strada più semplice.

In entrambi i casi l’olio deve essere confezionato in contenitori di capienza massima 5 LT e provvisto di un sistema di chiusura che perde la sua integrità dopo la prima utilizzazione (per la ristorazione tappo antirabbocco). Deve essere obbligatoriamente etichettato.

Altri articoli che ti potrebbero interessare

La commercializzazione e l’etichettatura degli oli di oliva Il consumatore deve essere sempre messo nelle condizioni di saper selezionare le indicazioni obbligatorie previste per legge, sempre ben evidenziate s...
Il miglior olio extra vergine italiano? Ecco i sistemi di qualità per produrlo e garantirl... Nel vasto panorama delle politiche aziendali i concetti di “qualità” hanno assunto un’importanza strategica per tutte quelle imprese che operano nei m...
Tecnica di assaggio dell’olio extra vergine: l’analisi sensoriale La raccomandazione più viva che si può fare ad un assaggiatore inesperto è quella di non avere assolutamente fretta di espellere l'olio, ma di essere ...
Il confezionamento dell’olio Extra Vergine: cure e normative Uno degli ultimi scalini della lunga scala che porta l'olio dall'oliva al consumatore lo costituisce l'operazione di confezionamento. Vediamo tutte le...
Etichettatura dell’olio d’oliva: si può indicare la provenienza “pugliese”?... Lo sanno tutti: l’olio pugliese è un’eccellenza del made in Italy. Ma la normativa sull’etichettatura impedisce di usare la dicitura “pugliese”. Scopr...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *