L'Oleuropeina dell’Olio Evo, potente nutraceutico contro il cancro al seno
Mangia Sano e Naturale. Olio Artigianale dal Frantoio.

ACQUISTA ORA

Olio Pugliese da Spremitura a Freddo. 100% Italiano. SPEDIZIONE GRATUITA!
Confezionato in frantoio. Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.

L’Oleuropeina è un antiossidante presente all’interno dell’Olio Extravergine di Oliva. E’ stato dimostrato, trame uno studio condotto, che sia in grado di ostacolare alcuni tipi di cancro al seno. E’ importante evidenziare che la quantità di Oleuropeina nell’Olio di Oliva non è sempre uguale, ma dipende dalla qualità dell’Olio Evo stesso.
Infatti un Olio Evo di Alta Qualità, ha un concentrazione di antiossidanti maggiore rispetto ad altri oli. Vediamo nel dettaglio come questo studio è stato condotto e quali risultati ha portato.

L’Oleuropeina dell’Olio Evo combatte il Cancro al Seno

Le cellule staminali tumorali (CSC) sono una tipologia particolarmente aggressiva di cellule maligne in termini di:

  • differenziazione,
  • auto-rinnovo,
  • resistenza alla terapia anti-tumorale,
  • capacità metastatizzante.

Possono lasciare la loro traccia anche dopo una terapia chirurgica, chemioterapica, radioterapia, ed è proprio questo aspetto che ne causa le ricadute.
Negli ultimi 10 anni sono stati collaudati, invano, più di 150 metodi terapeutici per debellare le CSC cercando di distruggerle utilizzando come bersaglio:

  • i loro antigeni di superficie
  • le oncoproteine CSC-collegate
  • le vie di regolazione intracellulari
  • le vie di resistenza ai farmaci

Nessun farmaco anti CSC è entrato in uso clinico ed è da tutti appurato che le CSC, dopo la chemioterapia, essendo resistenti ai farmaci, sostano in stand-by per un tempo indefinito.

Ma è da qualche tempo che è stato pubblicato, sulla rivista Carcinogenesis, un nuovo lavoro sperimentale da 17 gruppi di ricerca di 14 centri spagnoli ed americani dove si attesta, che un polifenolo (secoiridoide) dell’Olio Evo possiede un’azione doppiamente-inibitrice sulle CSC, sia dal punto di vista metabolico che epigenetico.

I polifenoli di origine vegetale sono stati impiegati per lungo tempo, sia clinicamente che sperimentalmente, come dieta protettiva contro gli effetti dell’invecchiamento e delle patologie croniche che comprendono anche il cancro. Per questi motivi si è iniziato a testare tante molecole di origine vegetale che stanno dando ottimi risultati negli esperimenti in laboratorio, tra queste l’olio extravergine d’oliva fattore chiave della dieta mediterranea.

Questo studio ha preso in considerazione il ruolo dell’Oleuropeina Aglicone (DOA) nel contrastare di alcuni tipi di tumore al seno.

L’Oleuropeina ha un effetto sia sul metabolismo che sulla proliferazione delle CSC.
E‘ stato osservato che nel metabolismo delle CSC è implicato un particolare enzima (l’m-Tor). Questo inoltre è particolarmente iperattivo in queste cellule rispetto alle cellule normali.
L’Oleuropeina contrasta l’attività di questo enzima, infastidendo quindi il metabolismo delle cellule staminali tumorali.
Inoltre ne ostacola anche la crescita, perché l’Oleuropeina è in grado di legarsi ad alcuni geni del DNA implicati nella mutazione anomala di cellule, impedendo così la loro effettiva trasformazione in Cellule Staminali Cancerogene.

L’Oleuropeina è un antiossidante presente nell’Olio Extravergine di Oliva, soprattutto in quello di Alta Qualità. Inibisce sia il metabolismo che la proliferazione di queste cellule maligne.

L’abilità della Dieta Mediterranea, di ridurre notevolmente l’incidenza e il rischio di incorrere in malattie croniche come il tumore, è riconosciuta da tempo. Questi effetti benefici sono stati assegnati all’uso dell’Olio Extravergine di Oliva.

Quest’olio infatti ha un’alta concentrazione di grassi monoinsaturi ed inoltre contiene molecole di fenoli che apportano benefici in numerose patologie. È dimostrato come, nel tumore al seno, la quantità di fenoli equivalenti a 5 cucchiaini di olio extravergine di oliva, sia in grado di ridurre la sopravvivenza e capacità proliferativa delle cellule staminali del cancro.

Questa riduzione dimostrata in vitro ed in vivo si aggira intorno al 70%, riducendo quindi sensibilmente il rischio di recidive. Inoltre, sempre nel tumore al seno, accoppiando l’olio d’oliva alle chemioterapie in uso oggi, queste ultime incrementano la loro efficienza di una percentuale che varia dal 10 al 15%.

Sei a conoscenza di questo studio? L’Oleuropeina è uno dei antiossidanti dell’Olio Evo che apportano benefici al nostro organismo. Leggi e raccontaci cosa ne pensi!

A cura di Anna Angeloro.
Appassionata di scrittura, laureata in lettere e beni culturali.

Rimani aggiornato, iscriviti alla Newsletter!

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Olio Evo: un vero e proprio braccio di Ferro! L’Olio Extravergine di Oliva ha moltissime proprietà utili alla nostra salute. Si ricava dalla spremitura a freddo delle nostre olive. A differenza de...
Effetto degli antiossidanti dell’olio extravergine di oliva Lo stress ossidativo può giocare un ruolo determinante nell'insorgenza di diverse malattie croniche come le patologie cardiocoronariche e il cancro. L...
L’olio crudo: un vero toccasana per la salute Le varianti di impiego dell’olio extravergine in cucina sono davvero tante, crudo, cotto, fritto, per conservare e marinare alimenti o per preparare s...
Allattamento, Sì all’Olio Extravergine di Oliva! Una delle fonti di grasso migliori in assoluto per una mamma in fase di allattamento è proprio l’Olio Extravergine di Oliva: non cambia il sapore del ...
Olio d’oliva per la cura del Colon Irritabile Molto diffusa, specie nel mondo femminile e in situazione di stress e competitività la sindrome del colon irritabile è sempre in agguato, spesso nei m...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *