L’olio extra vergine d’oliva a DOP “Dauno”

olio extra vergine dop dauno

L’olio extra vergine d’oliva a DOP “Dauno” si ottiene da olive provenienti dai lussureggianti oliveti che s’incontrano percorrendo i variegati itinerari della “Daunia”.

Dalle nostre pregiate varietà, Peranzana, Coratina e Ogliarola, si ottiene un olio extra vergine d’oliva di qualità, apprezzato per la sua fragranza e il suo sapore che lo privilegiano fra tutti gli altri oli vegetali. Com’è noto, l’olio extra vergine d’oliva della Daunia, per fregiarsi della Denominazione d’Origine Protetta, deve rispettare i parametri fissati dal disciplinare di produzione: le olive, raccolte al giusto grado di maturazione e dopo un’accurata selezione, vengono molite per ottenere un olio che è sottoposto a un’attenta e rigorosa valutazione chimico-fisica e organolettica. Solo il prodotto che presenta i requisiti previsti dal disciplinare di produzione può riportare in etichetta la Denominazione di Origine Protetta “Dauno”. Tutte le aziende di produzione aderenti alla Strada dell’olio adottano questo disciplinare. Il turista che percorra la Strada, nello scoprire i diversi oli extra vergine di oliva, potrà costatare che ai percorsi corrispondono quattro specifiche zone di produzione; in questi comprensori le diverse varietà d’olivo danno origine a oli con differenti caratteristiche organolettiche.

Gargano

La varietà di olivo “Ogliarola Garganica” dà origine a un olio dal profumo di fruttato leggero di oliva, con un sapore dolce, delicatamente fragrante e un tipico retrogusto di mandorla. Impiego ideale: a crudo su piatti di pesce, verdure sia crude sia cotte, crostacei, frutti di mare, salse delicate.

Provenzale

La varietà di olivoPeranzana dà origine a un olio dal profumo fruttato netto d’oliva, con note erbaceo-floreali; il suo sapore è dolce con un buon equilibrio di amaro e piccante. Impiego ideale: pinzimonio, insalate, bruschette, sia a crudo sia in cottura per piatti dal gusto deciso, zuppe, carni o pesci grigliati.

Basso Tavoliere

La varietà di olivo “Coratina” dà origine a un olio dal profumo fruttato netto di oliva; il suo sapore è dolce con decise note di amaro e piccante dal retrogusto di carciofo. Impiego ideale: paste e minestre dai sapori decisi, piatti di verdure cotte e carni alla brace o arrosto.

“I Monti Dauni”

La varietà di olivo “Ogliarola, Coratina, Rotondella” danno origine a un olio dal profumo fruttato medio di oliva; il suo sapore è dolce con una leggera punta di amaro e piccante. Impiego ideale: a crudo, nelle fritture raffinate, in pasticceria.

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

OLIO PUGLIESE CONFEZIONATO IN FRANTOIO

Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo
Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla newsletters

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Analisi organolettica olio extravergine: i parametri K232, K270 e il Delta K Un metodo per analizzare la bontà dell'olio extravergine è l'analisi sensoriale: un gruppo di assaggiatori analizza l'olio partendo da una degustazion...
Come si legge e interpreta l’analisi organolettica dell’olio? Per definizione l'olio extravergine di oliva rappresenta quell’olio ottenuto dalle olive unicamente mediante procedimenti meccanici, o altri procedime...
Assaggiatore dell’olio di oliva: come diventarlo! Molti li chiamano sommelier dell’olio, chi degustatori d’olio, chi oleologi. Questa figura è sempre più presente, diffusa e apprezzata nel settore gas...
Etichettatura dell’olio d’oliva: si può indicare la provenienza “pugliese”?... Lo sanno tutti: l’olio pugliese è un’eccellenza del made in Italy. Ma la normativa sull’etichettatura impedisce di usare la dicitura “pugliese”. Scopr...
Rintracciabilità e tracciabilità di filiera dell’olio extravergine: perchè è così im... E' la capacità di ricostruire la storia e di seguire l'utilizzo di un prodotto mediante identificazione documentate relativamente ai flussi materiali ...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *