cosa è l'olio raffinato?

Cos’è l’olio “raffinato” e cosa portiamo veramente a tavola?

L’olio extravergine d’oliva è uno dei capisaldi su cui di fonda la dieta mediterranea. Questo prodotto di eccellenza, oltre che apportare importanti benefici per la salute e il benessere, rappresenta anche l’Italia in tutto il mondo. Ma non tutti gli oli presenti sullo scaffale del supermercato sono uguali e non è detto che facciano tutti bene. Vediamo perchè!

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto? Lo riceverai 24-48 ore dopo la spremitura in frantoio. Introvabile!

Olio extravergine, vergine e raffinato

Quando si parla di olio extravergine di oliva si fa riferimento al prodotto risultante dalla prima spremitura della materia prima; viene estratto tramite il metodo di pressione meccanica a freddo, per mantenerne inalterati gusto e proprietà.

In commercio sono però presenti altri tipi di olio, come l’olio vergine di oliva e l’olio raffinato. Quest’ultimo tipo viene sottoposto ad un particolare trattamento chimico che è volto a rendere come prodotto finale un olio dal colore simile a quello dell’olio di semi e con sapore e profumo neutri. Per questo, l’olio raffinato viene spesso utilizzato nell’industria dolciaria e per friggere.

Come si ottiene un olio raffinato?

Il processo di rettificazione o raffinazione è volto ad eliminare eventuali odori e residui dei solventi che vengono usati per la produzione di oli “lampanti”, che sarebbero oli con difetti nelle loro proprietà organolettiche o che comunque non sono di tipo vergine o extravergine.
La raffinazione consta di tre fasi: la deacidificazione (viene usata la soda per azzerare l’acidità), la decolorazione (per mezzo di terre o carboni vegetali) e la deodorazione (per eliminare qualsiasi odore).
Una volta unito l’olio raffinato con un olio vergine con determinate caratteristiche, il risultato può essere commercializzato e viene definito tipicamente come “olio di oliva”.

Questo prodotto non è vietato dalla legge, ma si consiglia di leggere bene le relative etichette ed affidarsi sempre ad un buon olio extravergine di oliva, il migliore.

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Perché l’olio nuovo pizzica ed è amaro? Chi non è esperto di olio novello tende a scambiare il pizzicore e l'amaro dell'olio nuovo come difetti. Ecco a cosa sono dovute in realtà tali cara...
Il congelamento dell’olio: è indice di buona qualità? E cosa accade quando lo sconge... Quanti vorrebbero preservare le qualità organolettiche dell'olio appena franto? Sentire quell'odore di olive appena frante, unito al sapore pungente d...
Esiste l’olio extra vergine di prima spremitura? Prima spremitura a freddo, seconda spremitura, olio della sansa di oliva... oggi sono tanti gli argomenti di discussione. Vediamo di fare un pò di chi...
Olio extravergine: informare il consumatore è l’investimento più grande! Occorre rivoluzionare il modo in cui si comunica l'olio anche ripartendo dalla corretta informazione verso i consumatori, ristoratori e operatori dell...
Meglio olio filtrato o non filtrato? Capita di frequente che sulle etichette dei vari prodotti di olio extra vergine siano riportate delle indicazioni come "olio non filtrato". Queste dic...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *