inserire dicitura pugliese sulle etichette delle bottiglie di olio

Etichettatura dell’olio d’oliva: si può indicare la provenienza “pugliese”?

Lo sanno tutti: l’olio pugliese è un’eccellenza del made in Italy. Ma la normativa sull’etichettatura impedisce di usare la dicitura “pugliese”. Scopriamo come stanno le cose.

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto? Lo riceverai 24-48 ore dopo la spremitura in frantoio. Introvabile!

L’etichetta dell’olio e la legislazione

In quanto prodotto alimentare, l’olio pugliese, come tutti gli oli, viene venduto corredato di precise informazioni a beneficio del consumatore. Le stesse devono essere chiare, precise, e aderenti alle disposizioni in vigore. L’indicazione della provenienza geografica della materia prima (olive, ovviamente) in etichetta risulta formulata, quindi, in modo che sia comprensibile se le olive hanno:

  • Provenienza italiana
  • Provenienza comunitaria
  • Provenienza extracomunitaria

Vale anche nel caso la materia prima sia una miscela, ossia quando le olive detengono un’origine mista, ad esempio comunitaria/extracomunitaria. L’obbligo riguarda gli oli extravergine, incluso il biologico, e vergine, mentre per quelli meno pregiati non sussiste.

Etichetta degli oli DOP, IGP

E le informazioni più precise, come la regione italiana oppure una precisa area geografica?
Ebbene, si può specificare, in effetti, ma solo nel caso si tratti di oli DOP (Denominazione di Origine Protetta) e IGP (Indicazione Geografica Protetta). L’etichetta di tali prodotti è leggermente diversa da quella degli altri.

Un olio DOP reca scritta la zona di origine, ad esempio Dauno, Terra di Bari, Terra d’Otranto, Colline di Brindisi, etc. La denominazione attesta che si tratta di un olio garantito 100% pugliese, dalla coltivazione delle olive fino alla loro spremitura e successivo imbottigliamento.
La denominazione olio pugliese IGP non esiste ancora. Strano, se si considera che la Puglia è la regione olivicola italiana più produttiva, con i suoi 50 milioni di piante di olivo! Quando (e se) lo sarà, l’etichetta potrà informare il consumatore che l’olio dal sapore fruttato da lui acquistato è un prodotto tipico del territorio pugliese, patria degli olivi.

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Cosa si intende per “qualità” dell’olio extra vergine ? Per le aziende di trasformazione di olive in olio, il concetto di qualità può essere esteso non solo al prodotto e ai processi, ma anche ai sistemi pr...
Gli adempimenti per confezionare ad etichettare l’olio extravergine biologico Per l'etichettatura e la pubblicità degli alimenti ottenuti con i metodi di agricoltura biologica, le norme da seguire sono riportate nel Reg. CE n. 2...
Quali sono le normative per l’etichettatura dell’olio extra vergine di oliva? Il confezionamento può essere effettuato in proprio oppure presso i frantoi oleari. Vediamo le modalità di confezionamento in ciascuno dei casi. Con...
Linee guida per ottenere un olio extravergine di oliva con un basso grado di acidità Secondo la normativa vigente, per "olio d'oliva" s'intende l'olio ottenuto dal frutto dell'oliva unicamente mediante processi meccanici o altri proces...
La commercializzazione e l’etichettatura degli oli di oliva Il consumatore deve essere sempre messo nelle condizioni di saper selezionare le indicazioni obbligatorie previste per legge, sempre ben evidenziate s...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *