Grassi, Vitamine e Trigliceridi: gli elementi nutrizionali dell’olio extravergine di oliva

olio extravergine d'oliva

I grassi, o lipidi, sono nutrienti indispensabili per l’uomo rappresentando la forma alimentare più concentrata d’energia (circa 9 cal/g) e fornendo acidi grassi essenziali, cosiddetti perchè devono essere introdotti come tali in quanto l’organismo è incapace di produrli.


Inoltre permettono l’assorbimento da parte dell’intestino delle vitamine liposolubili (A, D, E, K). Accanto allo scopo energetico, rivestono anche una funzione plastica, indispensabile per la formazione ed il mantenimento delle membrane cellulari; la loro carenza determina infatti un’incompleta formazione di diverse strutture dell’organismo. I lipidi d’interesse umano sono prevalentemente costituiti da trigliceridi. Il pregio nutrizionale dell’olio d’oliva è dato dalla presenza di alcuni acidi grassi insaturi, sostanze di cui ha bisogno il nostro organismo, ma che non è in grado di produrre. L’olio estratto dalle olive è composto quasi totalmente da trigliceridi, che sono costituiti da tre acidi grassi legati ad una molecola di glicerolo. Presenta una percentuale altissima di acido oleico, un acido grasso monoinsaturo, che possiede elevate proprietà dietetiche e nutrizionali. L’acido oleico è il più importante tra gli acidi presenti nell’olio e costituisce fino ad oltre l’80% di prodotto rispetto agli altri acidi. Più precisamente ecco la composizione:

  • Dal 55 all’83%: acidi grassi monoinsaturi.
  • Dall’8 al 20%: acidi grassi totali.
  • Dal 5 al 15%: acidi grassi polinsaturi.

L’olio d’oliva è pure ricco di provovitamine. Specialmente possiede componenti antiossidanti come i flavonoidi e altri polifenoli. Numerose ricerche scientifiche realizzate in tutto il mondo hanno portato a stabilire i benefici della dieta mediterranea, dove l’olio d’oliva è la principale fonte di grasso ed è un alimento indispensabile. Non solo. L’olio d’oliva è molto digeribile e facilita la funzione gastrica. Questo prodotto deriva direttamente da frutto, senza lavorazione a base di emulsioni, solventi o altre sostanze chimiche. In esso sono contenute alcune sostanze non lipidiche importantissime. Queste ne determinano il sapore, il profumo, il colore, a seconda delle diverse provenienze e qualità della pianta dell’ulivo. La sua ricchezza di grassi insaturi asseconda lo sviluppo dei bambini, aiutando il tessuto cellulare nell’assimilazione di sostanze indispensabili alla crescita. Il classico filo d’olio nella pappa di cereali del bebè è il condimento più sano e gradito. Anche per i ragazzi una dieta all’olio è importante, in quanto un organismo in crescita ha bisogno di contare su un supplemento di energie e calorie.

Articolo tratto da Analisi sensoriali “come riconoscere le qualità degli oli extravergine di oliva”

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo

Altri articoli che ti potrebbero interessare

I celiaci possono mangiare olive e condire le pietanze con olio d’oliva? L'olio e le olive non possono nuocere in alcun modo al celiaco, a patto che questi alimenti non entrino in contatto con cibi contenenti del glutine. ...
Le fritture fanno bene? Quante volte si è sentito dire che la frittura fa male e fa ingrassare? La ricerca ora dimostra che, a determinate condizioni, questo mito può essere ...
L’olio extravergine di oliva fa bene al colesterolo? L’olio extravergine è un rimedio naturale contro il colesterolo cattivo, causa di malattie cardiovascolari come ictus e infarto. Molti studi hanno dim...
Effetti dell’olio extra vergine sulle malattie cardiovascolari L'alimentazione ricca di grassi animali aumenta la quantità di colesterolo nel sangue che costituisce uno dei principali fattori di rischio nelle mala...
Olio extra vergine di oliva e tumori Dagli studi epidemiologici è emerso chiaramente il ruolo della dieta mediterranea nella prevenzione dei tumori. In effetti nei Paesi Mediterranei (Por...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *