Come preparare l’olio di oliva aromatizzato al peperoncino

ricetta per la preparazione dell'olio aromatizzato al peperoncino

L’olio di oliva aromatizzato al peperoncino è un prodotto molto apprezzato della cucina italiana ed è utile per condire varie ricette tra cui piatti di pasta, insalate, pesce o carne. Vediamo alcuni consigli sulla prepaprazione e conservazione.


Come preparare l’olio piccante? Ecco la ricetta dell’olio santo: un olio fatto con peperoncini piccanti sia secchi che freschi! Seguite il tutorial offerto da CookAroundTv!

Accorgimenti prima della preparazione

L’olio di oliva aromatizzato piccante è una conserva molto utilizzata sulle tavole italiane tanto da essere considerato un prodotto immancabile della tradizione culinaria. Questo olio piccante può essere preparato direttamente a casa propria e viene definito anche “olio santo”. Può essere usato per arricchire vari piatti come pasta, verdure cotte, insalate, carne o pesce, ma si rivela anche ottimo per condire la pizza, i legumi oppure i frutti di mare.
In particolare, gli amanti del sapore piccante possono ricorrere a questo prodotto per condire le ricette a proprio piacimento, soprattutto per le pietanze che prevedono l’uso di peperoncino.
Non solo, l’olio di oliva aromatizzato al peperoncino può essere una valida alternativa per insaporire delle fette di pane tostato o delle bruschette e quindi preparare uno sfizioso antipasto.

Prima di procedere alla preparazione dell’olio piccante è bene tenere a mente alcuni accorgimenti: innanzitutto la quantità di peperoncino da utilizzare dipende dal gusto personale e dal grado di piccantezza che si vuole ottenere, tuttavia se si utilizzano dei peperoncini molto piccanti come l’Habanero o il Naga Jolokia è meglio non eccedere nella quantità. Il peperoncino italiano invece può essere utilizzato in maggiori quantità poiché prevede una grado di piccantezza leggero o medio, quindi se si vuole ottenere un olio aromatizzato al peperoncino particolarmente piccante si può ridurre la quantità di olio oppure aumentare quella dei peperoncini.
Anche la qualità dell’olio extravergine di oliva svolge un ruolo fondamentale: infatti è importante usare un olio di buona qualità, meglio se spremuto a freddo.

Ingredienti e preparazione dell’olio piccante

A questo punto non resta che scoprire come preparare l’olio aromatizzato al peperoncino in modo tale da avere questa conserva sempre a disposizione.
Gli ingredienti necessari sono:

  • 250 ml di olio extravergine di oliva
  • 2 peperoncini e a seconda dei propri gusti si può anche utilizzare
  • 1 rametto di rosmarino.

Infine occorre munirsi di un barattolo di 250 ml dotato di tappo.
Il primo passaggio per preparare l’olio piccante è quello di lavare accuratamente i peperoncini, asciugarli e tagliarli a pezzetti oppure semplicemente inciderli. Durante questo procedimento è consigliabile indossare dei guanti in lattice monouso prestando attenzione che gli ingredienti non entrino in contatto con gli occhi.
Il passaggio successivo prevede di mettere i peperoncini all’interno del recipiente che deve essere ben sterilizzato, come ad esempio una bottiglia o un barattolo, ed unire a proprio piacimento altri aromi, preferibilmente alloro o rosmarino. Versare nel recipiente l’olio extravergine di oliva aiutandosi con un imbuto e assicurarsi che i peperoncini risultino ben coperti dall’olio, dopodiché provvedere alla chiusura del contenitore.

Un’ulteriore variante per la preparazione di questa conserva è quella di lasciare macerare l’olio:

  • con i peperoncini;
  • 1 o 2 spicchi d’aglio;
  • 1 foglia di alloro;
  • in aggiunta altre erbe aromatiche come:
    • salvia
    • origano
    • basilico o grani di pepe nero.

Bisogna considerare che l’olio contenente i peperoncini assumerà un sapore ancora più piccante col passare del tempo.
La preparazione dell’olio aromatizzato al peperoncino è quindi molto semplice e può essere eseguita a casa propria.

Conservazione dell’olio di oliva aromatizzato al peperoncino

A questo punto l’olio piccante è pronto: non resta che chiudere il barattolo con il tappo apposito e conservare l’olio aromatizzato per almeno una settimana prima di utilizzarlo. Questo arco di tempo è necessario per far unire bene i sapori ed ottenere una conserva sfiziosa da poter utilizzare per condire i piatti preferiti.

Per quanto riguarda una corretta conservazione di questo prodotto è consigliabile etichettare il barattolo una volta pronto e conservarlo in un luogo fresco e asciutto, lontano da fonti di luce e umidità. Il frigorifero non è indicato. È opportuno consumare l’olio aromatizzato al peperoncino entro massimo 6 mesi dalla preparazione.

E tu come utilizzi in cucina l’olio santo?

A cura della redazione di Olio Cristofaro

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Vuoi preparare i pomodori verdi sott’olio? Ecco la ricetta pugliese! La ricetta dei pomodori verdi conservati sott’olio ha un’origine antichissima, ed oltre ad essere un delizioso antipasto riporta alla mente, e ai nost...
Come preparare i Waffles con olio di oliva Soffici cialde dall’inconfondibile forma a nido d’ape, per accogliere, in un ghiotto abbraccio, ogni condimento: dallo zucchero a velo alla panna, dal...
Sai come preparare i fagiolini sott’olio? Ecco la ricetta! Le conserve fatte in casa sono un modo semplice e comodo per portare sulla tavola invernale le verdure dell'estate, per beneficiare delle loro proprie...
Zucca sott’olio, come non l’avete mai assaggiata! La zucca è uno degli ortaggi tipicamente autunnali. Ha moltissime proprietà e si presta a svariate tipologie di preparazione in cucina. Può essere us...
Vuoi preparare i lampascioni sott’olio? Ecco la vera ricetta pugliese! I lampascioni sott'olio sono una ricetta tipica della cucina pugliese e sono particolarmente apprezzati per il loro sapore amarognolo che ricorda molt...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.