olio extra vergine a tavola per friggere

L’olio extra vergine di oliva a tavola

L’olio di oliva extra vergine in tavola è un condimento che si usa crudo e che serve in genere per finire un piatto, per fondere insieme gusti e sapori.

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto? Lo riceverai 24-48 ore dopo la spremitura in frantoio. Introvabile!

L’olio di oliva extravergine aggiunge un gusto e un’aroma particolari, arricchendo e amalgamando, come nessun altro grasso puo’ fare, il piatto sul quale viene usato. Ecco perche’ per quanto riguarda l’uso a crudo non c’e’ scelta migliore dell’olio extravergine di oliva. Un’ unico consiglio puo’ valere: più saporito è il piatto, più saporito sia l’olio.

In cucina: la funzione dell’olio di oliva

In cucina la funzione dell’olio extra vergine di oliva non è soltanto quella di amalgamare gli aromi, ma anche quella di trasmettere il calore. Si tratta dunque di un grasso di cottura. Tuttavia in base alla sua caratterizzazione regionale, nella cucina mediterranea è frequente l’uso di diversi oli extravergine.

Ovviamente la regionalita’ deve essere tenuta in conto sempre. Ovvero: come ci appare naturale condire con olio di oliva extravergine di un certo spessore, per esempio quello pugliese, le verdure saltate in padella con aglio e peperoncino.

Quale grasso per friggere?

La prima qualita’ necessaria a un grasso da usare nella frittura e’ la stabilita’. Nella frittura infatti esso viene sottoposto a lungo a un calore elevato ed e’ importante che non raggiunga mai il punto di fumo, dannoso per il fegato. Il normale olio di semi, in Italia molto spesso usato per le fritture , e’ invece molto in basso nella scala della stabilità. Tanto che nel resto d’ Europa sulle confezioni di olio di semi un’avvertenza invita a non usarlo.

Per quanto riguarda invece l’olio di oliva, la prima domanda e’: friggere con l’extravergine o no?

Dal punto di vista della resistenza al calore e’ assolutamente indifferente. Cambia,ancora una volta, l’apporto aromatico. L’olio extravergine porta con se’ un corredo di profumi e aromi che all’ altro mancano, e quindi l’impatto sul fritto sara’ organoletticamente diverso. L’olio di oliva e’ comunque il miglior grasso da frittura in assoluto per quanto concerne gli aspetti nutrizionali e salutistici. Il fritto nell’olio d’oliva sara’ buono se si sara’ impiegato un olio di buon sapore, che si armonizzi con l’alimento in un insieme equilibrato e gradevole .

Soffritti e rosolature

Andrebbero fatti sempre a basse temperature e visto che richiedono un tempo non brevissimo, e’ consigliato l’olio di oliva che da’ maggiori garanzie di stabilita’.

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Aglio sott’olio: ecco la vera ricetta pugliese! L'aglio sott'olio è una ricetta molto semplice da preparare ed è particolarmente utile per condire vari piatti e rendere stuzzicante il momento dell'a...
Le frodi più frequenti e le differenze qualitative con gli oli di semi È bene diffidare di venditori occasionali privi di licenza che non rilasciano documenti di vendita. Per la frittura vengono spesso utilizzati gli oli ...
Come preparare gli olii aromatici con olio extra vergine Presente sul mercato in tempi recenti, pur avendo una nascita storica e rappresentando ancora una nicchia di prodotto, costituisce una proposta tecnic...
Ricette per conservare le verdure sott’olio: ecco 4 prelibatezze pugliesi! La Puglia è da sempre, terra di grandi vini e di grandi oli. L’ingrediente principale per conservare le verdure sott’olio, secondo la tradizione della...
Una raccolta di 25 ricette a base di olive: ingredienti e preparazione Sapevi che con le olive è possibile preparare pietanze prelibate? Ecco una raccolta completa di suggerimenti su come preparare piatti squisiti con l'i...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *